BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

” Bennet: pi?? traffico, contratti precari e meno negozi” fotogallery

Pubblichiamo una lettera del gruppo politico "L'Alternativa" di San Paolo d'Argon che elenca i disagi che provocher?? l'apertura del nuovo supermercato.

Pubblichiamo una lettera del gruppo politico "L’Alternativa" di San Paolo d’Argon sull’apertura del nuovo centro commerciale Bennet.

Il nuovo Ipermercato Bennet punta ad un bacino d’utenza con una popolazione di oltre 500.000 persone che corrispondono a oltre 190.000 famiglie; venderà anche generi alimentari e prodotti di largo consumo, quindi con molti più clienti giornalieri (potenziali) della precedente Galleria Outlet “Seriate” che ha chiuso i battenti alla fine del 2008.
Già ora alla famigerata rotatoria della Ca’ Longa le code e i rallentamenti sono la normalità per parecchie ore al giorno. Per il mese di agosto, con la gente via, la situazione può rimanere forse stazionaria (ecco perché inaugurano l’ipermercato il 28 luglio, appena alla vigilia dell’esodo!), ma ve lo immaginate cosa troveremo quando tutti saranno tornati dalle ferie e per il resto dell’anno? Eppure i Comuni (Albano Sant’Alessandro in primis, ma anche San Paolo d’Argon), Provincia, Regione, Anas hanno autorizzato l’apertura del nuovo ipermercato – centro commerciale, nonostante la conclusione dei lavori della nuova variante alla Statale 42 da Albano a Trescore sia ancora lontana.
Nemmeno è stato realizzato alcunché delle opere minori di viabilità cui si era impegnato il gruppo promotore del nuovo centro commerciale. Siccome Percassi (che ha avviato l’operazione nel 2009) e Ratti (il presidente del gruppo Bennet) non potevano aspettare (non sia mai detto che i capitali stiano lì fermi senza produrre rendite!), saremo tutti noi che dovremo fermarci ad aspettare, a lungo, allineati nelle code e tra i miasmi del traffico, o sull’Asse interurbano, o sulla Statale 42, o sulla Provinciale 91, che si vada da una parte o dall’altra. E quando la variante alla Statale sarà terminata, non c’è alcuna sicurezza che si potrà tirare un sospiro di sollievo: il fatto è che a quel punto, sulla base delle concessioni urbanistiche, l’Ipermercato potrà addirittura raddoppiare!
Il tutto con la soddisfazione poi di sapere che ci sono leggi e disposizioni che vietano praticamente di fare i centri commerciali in corrispondenza di incroci, rotatorie e nodi stradali critici! I nostri amministratori e i nostri politici – come possiamo ben notare – non vogliono proprio lasciarci senza il piacere del traffico e delle code, nel presente, nel futuro immediato e anche nel futuro un po’ più in là.
In compenso, la nuova struttura commerciale, che è decisamente la più grande in tutto il bacino della Valcalepio, della Valcavallina e anche oltre, andrà a desertificare ulteriormente il territorio non solo della piccola ma anche della media distribuzione commerciale, distruggendo posti di lavoro in misura decisamente superiore ai 400 nuovi addetti annunciati con enfasi, un dato questo poco credibile.
In uno studio dell’IRER (Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia)infatti “si rileva l’uscita dal mercato di 372 mq di esercizi di vicinato e 460 mq di medie strutture ogni 1000 mq attivati di grande struttura”. In base alle dimensioni del nuovo Bennet di Albano si può calcolare che usciranno dal mercato 5.950 mq di piccoli esercizi e 7.360 mq di medie strutture; secondo tali parametri avremo l’uscita dal mercato di circa 96 esercizi di vicinato e di una quindicina di medie strutture di vendita; dati che corrispondono – indicativamente – a molto i più dei 400 posti di lavoro sbandierati dal nuovo market della Bennet.
In compenso, deduciamo dal sito del Comune di Albano Sant’Alessandro, dei nuovi posti di lavoro il 79% sarà costituito da assunzioni con contratti precari!
Di certo per i tanti camionisti, lavoratori, automobilisti della Valcavallina, della Valcamonica, della Valcalepio che devono necessariamente transitare dalla rotatoria quotidianamente dal nodo della Ca’ Longa sono previsti nuovi tempi di passione.
Invitiamo gli enti preposti – peraltro responsabili delle autorizzazioni del centro commerciale – ad attivarsi tempestivamente. Non vorremmo si limitassero anche in questo frangente, come solitamente avviene da queste parti, a spiccare multe contro questo e quell’automobilista più esasperato degli altri.

Maurizio Mazzucchetti
Lista civica “L’Alternativa" – San Paolo d’Argon

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Beppe

    Ma e possibile che non va mai bene niente?con la crisi che ce ben venga una azienda che assume . Loro parlano ma lo stipendio lo prendono non pensano alle famiglie che non stanno ricevendo lo stipendio

  2. Scritto da Laura

    Lettera chiara e molto vera. Ma questi sono i tempi che dobbiamo vivere. Comandano i soldi dei soliti noti, perchè quelli dei comuni cittadini possono essere buttati in ore di traffico e stipendi da precari. Giusto non abbassare servilmente la testa.

  3. Scritto da occhio ai vigili

    ma scusate volete l’elicottero per i vigili ? perciò è giusto che lo paghiate con le multe (per fortuna che non abito da quelle parti )

  4. Scritto da Tommy Lightfoot

    Le teorie del Mazzucchetti sono talmente credibili, che la lista capitanata da lui 2 mesi fa non è riuscita ad avere nemmeno un posto da consigliere di minoranza! Penso che sia un record
    Una volta i sinistroidi erano a difesa dei posti di lavoro, ma a seconda del momento diventano anche difensori del traffico a discapito dei posti di lavoro. Ma la cosa più incredibile è che per affermare le loro teorie si sono scordati clamorosamente della costruzione dell’asse interurbano!

  5. Scritto da @12

    Forse non hai letto la lettera. Forse è meglio se ti leggi la parte dove parla dei contratti fatti ai nuovi assunti. E forse non capisci che questi nuovi precari sottrarranno lavoro a chi aveva un normale lavoro. Ma forse ti è più facile sparlare di sinistroidi. Già che c’eri potevi attaccare anche i magistrati e i giornali comunisti…

  6. Scritto da ric

    Bravo Tommy, sono perfettamente d’accordo con te.
    Basta guardare i risultati elettorali per capire che le prediche dell’ex candidato sindaco di San Paolo d’Argon non interessano a nessuno!

  7. Scritto da Leone

    Stupefacente come tutti i detrattori dell’intervento del gruppo di San Paolo d’Argon evitino accuratamente di entrare nel merito delle questioni, preferendo parlare d’altro o ignorando semplicemente i rilievi riguardo gli effetti della moltiplicaziione dei centri commerciali. Sono temi arciconosciuti, documentati e verificati, in tema sia di traffico stradale sia di occupazione. C’è invece chi si ostina a negare l’evidenza: sono gli addetti stampa di bennet o lo fanno per pura passione?

  8. Scritto da gino

    I soliti de “l’Alternativa” sanno solo dire NO!
    Nel loro vocabolario esistono solo due lettere N – O.

  9. Scritto da lvca

    be’ aspettiamo quello che faranno da noi a Gorlago.

  10. Scritto da baz

    tando il sindaco di Albano abita a Bergamo e quindi viene dalla parte opposta.. cosa gli importa?

  11. Scritto da l76

    Credo (pultroppo) la lettera sia piena di verità, non ultima il chiaro riferimento alla polizia locale dei colli
    li vicino ci sono già molti supermercati, attività, ecc.. e se questo Bennet dovrebe cominciare a “tirare” x loro sarebbe si la fine.. come segnalato anche una mia conoscente si è trovata senza contratto rinnovato..dispiace, certo c’è la legge di mercato ma qui è più una speculazione visto luogo, tempi, regole bypassate, ecc.. ecc..

  12. Scritto da libero

    cio’ che dice l’Alternativa lascia il tempo che trova…..lasciamoli alle loro utopie….

  13. Scritto da LU

    Uno degli storici (si fa per dire) supermercati della zona sembrerebbe sia intenzionato a non rinnovare i contratti a termine di una parte dei propri dipendenti, proprio in relazione all’apertura del nuovo ipermercato Bennet

  14. Scritto da il giudice

    Complimenti per il comizio.

  15. Scritto da red

    Bravo Mazzucchetti.

  16. Scritto da emilio

    tutti i giorni fiorisce un super mercato nuovo
    promettendo sconti e offerte
    ma se non ci sono i dinari la gente con che paga???