BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Raccolti 1300 euro con il simulatore fotogallery

La somma verr?? devoluta interamente a Don Sperandio che opera nella foresta Boliviana da oltre 30 anni.

Più informazioni su

Si è conclusa con grande soddisfazione di tutto il direttivo della Scuderia Ferrari club, l’iniziativa benefica a Favore di Don Sperandio Ravasio.
Grazie alla Ferrari che ci ha concesso l’uso dei simulatori di Fernando Alonso e Felipe Massa, è stato possibile raccogliere un discreta somma, che è stata interamente ed immediatamente consegnata a Don Sperandio, in procinto di lasciare l’Italia per ritornare nella foresta Boliviana, dove opera incessantemente da quasi trent’anni. I soci del club si sono alternati costantemente nella custodia dei preziosi strumenti, consigliando gli inesperti appassionati alla guida degli stessi, senza concedersi un attimo di sosta, sia in occasione della festa dello Sport a Pontida, che nella giornata di Domenica a Bonate Sotto, dove era in svolgimento un “Ritrovo” di auto Ferrari. Nel corso delle serate è stato organizzato un concorso dove il vincitore della serata con il miglior tempo all’attivo, veniva premiato con un cappellino del club.
La somma raccolta è stata di € 975,00, arrotondati a € 1.300,00 attingendo dalle casse del sodalizio, con la benedizione unanime di tutto il consiglio direttivo. La nostra opera a favore di Don Sperandio è solo all’inizio, poiché dopo aver ascoltato o meglio “carpito” dall’umile “Don” alcune delle innumerevoli peripezie che quotidianamente succedono a chi vive gomito a gomito con i trafficanti di droga, non possiamo rimanere insensibili e girare il capo dalla parte opposta, pertanto ci impegneremo in modo serio e costante, – per quanto le nostre forze ce lo consentono- ad aiutare questo grande ed umile personaggio, il quale in questi anni di attività ha costruito ben tre scuole e salvato la vita nientemeno che al Presidente Boliviano stesso, caduto nelle mani di banditi da strada, e conquistandosi l’amicizia e la stima dalle caste più disparate della Bolivia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.