BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Weekend d’autore in noir

Scrittori protagonisti per due giorni: Adele Marini, Patrizia Debicke Van Der Noot, Raul Montanari, Andrea Pinketts, Silvia Fedriga, Fabrizio Carcano, Mario Mazzanti.

Più informazioni su

A Lovere sabato 23 e domenica 24 luglio debutta “Incontro d’autore noir”, rassegna promossa dalla Libreria Mondadori in collaborazione con Emmecomunicazione, un weekend dedicato agli amanti del Thriller noir con sei tra i migliori autori del panorama italiano che si susseguiranno nella splendida cornice di Piazza Tredici Martiri.
Ecco il programma:
Sabato
alle 17.30 la giornalista-scrittrice Adele Marini presenterà “Scrivi noir. I fondamenti della scrittura d’indagine”, primo libro di una minicollana per tutti gli aspiranti scrittori di romanzi gialli e noir, ma anche agli aspiranti cronisti di nera e a chiunque voglia avventurarsi nel paludoso mondo del codice penale e delle procedure giudiziarie senza possedere una formazione specifica, una sintesi ragionata di tutto quello che concerne le indagini nel nostri paese, a cominciare da chi le conduce, ovvero i magistrati coadiuvati da tutte le forze di polizia e dalle divisioni scientifiche, fino ai protocolli, codificati o tacitamente accettati, che vengono applicati nel corso della ricerca e della raccolta delle prove sulla scena del crimine e dovunque sia opportuno investigare.
A seguire, alle 18.30 Patrizia Debicke Van Der Noot dialogherà sui suoi romanzi “L’uomo dagli occhi glauchi”, vincitore del secondo premio al Festival del Mediterraneo e La contessa di Castiglione (ebook).
“L’uomo dagli occhi glauchi” prende il titolo dall’omonimo quadro di Tiziano (noto anche come “Ritratto di giovane inglese”). La tela ritrae un giovane aristocratico di cui non si è mai accertata l’identità. Patrizia Debicke, abituale frequentatrice del nostro Rinascimento, ha costruito il suo nuovo romanzo attorno a questa figura misteriosa, che identifica nel giovane Lord Templeton, figlioccio del potente duca di Norfolk. Nel libro, inviato in Italia per conto di quest’ultimo, il giovane resta folgorato dal pittore veneziano e gli chiede di fargli un ritratto. Ma in realtà la richiesta è anche un pretesto per nascondere il vero motivo del suo viaggio: da cattolico deciso a contrastare le follie senili di Enrico VIII, Lord Templeton vuole saggiare i rapporti con il papato e la Spagna all’indomani del concilio di Trento, nel momento di massima tensione fra cattolici e protestanti.
La contessa di Castiglione ovvero Virginia Oldoini: una leggenda o una realtà? Virgina Oldoini una bellissima donna che fece di sé stessa un mostro e un mito. Quanto contò il suo negligé e se contò per l’Unità d’Italia.
Ancora sabato alle 21.30 lo scrittore finalista del Premio Strega 2010 Raul Montanari che ha messo a segno un nuovo successo editoriale con il suo ultimo romanzo “L’esordiente” presenterà Andrea Pinketts (nella foto) con il suo romanzo “Depilando Pilar”: il ritorno di Lazzaro Santandrea, che non è un detective, e nemmeno un poliziotto. È una calamita per le calamità, l’uomo giusto nel posto sbagliato, una Milano improvvisamente sconvolta da un’assurda ondata di delitti. Perché l’assurdo domina nelle narrazioni e nei linguaggi di Pinketts.
Domenica 24 luglio altri tre appuntamenti: alle 16 Silvia Fedriga presenterà “Il travestimento del diavolo”: Nella metà dell’Ottocento, nel regno del Lombardo Veneto, sotto dominio austriaco, la contessa Sofia Stocchetti, giovane vedova del marchese di Bluerose, aspetta con ansia l’arrivo del migliore amico del marito, così da potergli raccontare che la morte del marito non le sembra accidentale. Dal canto suo Alexander Sinclair arriva con tre motivi precisi: conoscere la vedova di Lucas e proteggerla; visitare la tomba del suo amico; trovare e se necessario ammazzare il bastardo che lo ha ucciso. Mentre nei nobili italiani serpeggia il malcontento per il potere asburgico e un astuto serial killer semina la morte, Alexander e Sofia saranno travolti da intrighi, passioni ed emozioni intense, fino all’imprevedibile finale.
Alle 17.30 Fabrizio Carcano racconterà i retroscena del suo romanzo d’esordio “Gli Angeli di Lucifero” che in un solo mese ha avuto tre ristampe: un noir ambientato a Milano, dove si intrecciano realtà e leggenda, un romanzo giallo dove al di là del carattere poliziesco, emergono una passione per l’arte figurativa e una minuziosa conoscenza della città, descrivibile solo da chi la vive camminando e addentrandosi nei suoi vicoli e nella sua storia. 
Ne "Gli angeli di Lucifero", Carcano resuscita la leggenda del Diavolo di Porta Romana, il Marchese Acerbi, reincarnazione del Maligno nella Milano pestilenziale del Seicento, per raccontare una storia di vendette, esoterismo e satanismo della cronaca nera dei nostri giorni, in linea con l’attività di cronista svolta dall’autore negli ultimi anni. Seguendo le figure chiave del romanzo, il commissario Bruno Ardigò, funzionario di polizia freddo e taciturno, e l’amico giornalista Federico Malerba, utilizzato abilmente dall’autore per narrare la storia della Milano Seicentesca, il lettore viene accompagnato in una Milano oscura, dove palazzi, vie e monumenti svelano inquietanti misteri del passato. 
La città infatti, spiega Carcano, è piena di luoghi esoterici a cui la gente non fa più caso, come piazza Vetra, dove venivano bruciate le streghe e gli untori durante la peste, o come la Colonna del Diavolo, tra Sant’Ambrogio e l’Università Cattolica. Il vero cuore del romanzo è dunque Milano, o meglio, la Milano oscura, che Carcano ha saputo descrivere con spettacolari ricostruzioni d’epoca, utilizzando una scrittura semplice e un intreccio coinvolgente che seduce ed invoglia alla lettura.
L’ultimo appuntamento domenica alle 21 sarà con Mario Mazzanti e il suo thriller mozzafiato “Scacco alla regina”. Tre omicidi efferati. Un nuovo serial killer in città. Una giornalista senza scrupoli. A cui piace giocare con il fuoco. Claps, psichiatra forense in affiancamento alla polizia, dovrà dipanare il complesso intreccio che lega televisioni, finanza e crimine organizzato, per arrivare all’uomo che terrorizza le donne. Prima che sia troppo tardi. Prima dell’ultima mossa. Contro tutto e tutti, potrà avvalersi soltanto dell’aiuto di un hacker e della sua benefattrice, ma forse tutto questo non basta. Forse per fermare il mostro, dovrà dare in cambio la sua vita: sacrificare un alfiere per salvare la regina.Un thriller senza respiro in cui niente è come sembra e la verità affonda le radici nelle più cupe ambizioni umane.
Tutti gli incontri sono a partecipazione libera.
In caso di maltempo le presentazioni si svolgeranno a Villa Milesi.
La rassegna è promossa con il sostegno di Clorofilla, Porto Turistico di Lovere, Comune di Lovere. Nica, Albergo Ristorante Moderno, Ristorante Pizzeria Almici, Agazzi Lunge Cafè. Athenea Arte e filosofia della comunicazione.
Per maggiori info: Libreria Mondadori Lovere tel. 035.964124 – cell. 348.3581364 -libreria@mondadorilovere.it  – www.mondadorilovere.it

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.