BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Allo store nerazzurro la tazza della Dea ?? gi?? un souvenir di Bergamo

I nuovi prodotti ideati dalla societ?? di Percassi stanno conquistando tutti: cover per cellulari, cuscini da salotto e anche la criticata nuova maglia a bande larghe, venduta persino a turisti provenienti da Argentina e Marocco.

Più informazioni su

La banda larga è arrivata anche in Argentina e Marocco. La tanto discussa nuova maglia dell’Atalanta dalle strisce più spesse, dopo i mugugni dei primi giorni, ora sta conquistando proprio tutti. Tanto che nell’Atalanta store di Rovetta, inaugurato da un paio di settimane, la fornitura iniziale è già terminata. E alcune magliette sono state acquistate anche da turisti argentini e marocchini. 
Ma la divisa ufficiale è solo la punta di un iceberg nerazzurro che sta invadendo la vita quotidiana dei tifosi atalantini. Tra i prodotti più apprezzati ci sono anche le cover con lo stemma della Dea per Iphone e Smartphone, gli orsetti a tinte nerazzurre, e il cuscino da salotto con stampato il logo ufficiale. Stanno andando a ruba anche le t-shirt con il magico 1907 (anno di nascita della Dea), vendute spesso in abbinamento ai pantaloncini da passeggio. In tema di abbigliamento piace ancora molto, alla faccia della scaramanzia, la maglietta bianca con la prima celebre frase del presidente Percassi targata anno 2010: “An gà mia dè turnà ndrè”.
Appezzati anche altri oggetti come le tazze per la prima colazione, le spille e gli adesivi, che stanno diventando una sorta di souvenir della terra bergamasca per i villeggianti provenienti da fuori provincia. L’ultimo arrivato invece è l’orologio con riprodotto nel quadrante il logo societario, presentato dai giocatori nerazzurri in questi giorni.
Ma i tifosi presenti a Rovetta possono ammirare da vicino i lotro idoli anche durante l’aperitivo dopo l’allenamento pomeridiano, quando a rotazione si presentano per gli autografi, le foto, e la doverosa dedica al muro bianco che c’è dietro il bancone della cassa. L’unica cosa non in vendita, ma che sicuramente diventerà un’idea per la casa degli atalantini più appassionati. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Optimus Prime

    Onore ad Ivan Ruggeri, ma meno male che i figli hanno mollato o avremmo fatto la fine del Verona.
    Se non vi piace la nuova dirigenza, statevene tranquillamente a casa o andate a vedere i Pigs. Nessuno ci farà caso. E per chi contesta la tazza…fatevi un giro sui siti delle squadre inglesi o del basket Nba…e poi parlate.!

  2. Scritto da Anna

    Siamo un popolo bue…. Ci stanno vendendo il prodotto Atalanta solo per fare gli interessi della famiglia percassi….

  3. Scritto da viva il re

    atalantini …siete persino teneri.

  4. Scritto da Laura

    In effetti, la gestione attuale dell’Atalanta sembra molto fumo e poco arrosto.

  5. Scritto da Diegol

    @15
    Sinceramente non rosico affatto, e me la rido anzi di quelli che vanno a Orio a vedere la pista di atterraggio degli asini che volano.

  6. Scritto da gr

    l anno scorso l unico colpo si chiama carmona…cmq quest anno siamo partiti bene…societa’ seria…lucchini masiello sono 2 ottimi difensori..speriamo in pato rodriguez + una punta..

  7. Scritto da Diegol e la vecchia proprieta

    Visto che ti piaceva tanto la vecchia proprietà e dirigenza,immagino che tu sia uno che all’ entusiasmo di Percassi, preferiva le “retrocessioni fisiologiche” di Osti oppure lo smantellamento del settore giovanile, con Favini pronto ad andarsene. Oppure dimmi quanti tra Mandfredini, Pinto, Barreto, Padoin, Tiribocchi, avrebbero avuto il contratto rinnovato e sarebbero rimasti in B….illuminaci visto che sai tutto, noi almeno ce la possiamo raccontare tra di noi, tu un interlocutore non lo trovi

  8. Scritto da francesco

    teneri siete voi…che avete solo sto spazio per farvi sentire…

  9. Scritto da a testa alta

    bravo presidente anche i gadget sono importanti

  10. Scritto da angelo

    Infatti, prima non esistevano, li ha inventati lui. Ta racomande.

  11. Scritto da Diegol

    I gadget, il nuovo tabellone, i nuovi seggiolini, la nuova tribuna di Zingonia. Sono tutti importanti, peccato che però per tornare in A non siano serviti a niente: infatti ci sono voluti ancora i giocatori di Osti e Ruggeri.

  12. Scritto da francesco

    percassi oltre che un presidente è anche un imprenditore, non dimentichiamocelo, quindi prima di tutto guarda al suo tornaconto e con queste cose ci sguazza alla grande. e i bergamaschi tutti a comprare il salame della dea..!! il marketing è importante e fin ora di gadget dell’atalanta non se ne trovavano eccetto le solite cose. trovo giusto ampliare questo settore se contribuisce a far aumentare l’immagine della dea, non solo a scopo di lucro da parte della proprietà.

  13. Scritto da a testa alta

    ci son voluti anche i rinnovi con i dindini che ha fatto il sig Percassi (manfredini tiribocchi su tutti) oltre a mettere a disposizione una rosa competitiva in ogni reparto….anche di ‘titolari e riserve di lusso” marilungo pettinari troest ferri ardemagni raimondi carmona…dimentico qualcuno??chi poco chi tanto ha contribuito alla serie A. oltre a rendere di nuovo competitivo il settore giovanile..bye bye rosiconi e trollonzi tifate le vostre squadre

  14. Scritto da Diegol

    Tifo Atalanta da più di quarant’anni, e questo mi da diritto di critica. Si chiama libertà. Dà fastidio?
    P.s. Per la promozione, oltre alla vecchia guardia (e solo a quella), dobbiamo ringraziare anche un campionato molto scarso.

  15. Scritto da l76

    i giocatori di Osti e Ruggeri? Ferri non mi sembra, Raimondi non mi sembra, Troest non mi sembra, Carmona non mi sembra, Bonaventura (era lasciato in giro), Marilungo non mi sembra, Pettinari non mi sembra..vorrei ricordarti gli ultimi arrivi della presidenza Ruggeri, Acquafresca, Zanetti, Bianco, De Ascentis ..che puraaaaaaa, con la ciliegina (1scelta) Gregucci strappato al Vicenza, poi Conte e infine Mutti per l’estrema unzione.. ma dai

  16. Scritto da a testa alta

    ah il riscatto di bonaventura…se è poco

  17. Scritto da ma va là

    che scoop! mai più senza le tazze della dea!

  18. Scritto da la tazza

    anche la tazza, cosi ci prendono ancor di piu’ per i fondelli su facebook.

  19. Scritto da strombezidoni

    siete i soliti ipocriti, se qualcuno lavora per migliorare e per portare novita’ voi pseudo tifosi non fate altro che criticare e sminuire l’operato di persone che dedicano parte del loro tempo per tutti noi.la vostra invidia e gelosia vi terra’ fuori dal ns mitico Achille e Cesare bortolotti. ma andi a fa boi l’engoria

  20. Scritto da francesco

    ma da dove spuntano tutti questi atalantini scontenti?onestamente tra la gente che conosco, la gente che è allo stadio, la gente che scrive sui siti atalantini, i 13000 della festa della Dea… non c’è n’è uno che sia scontento…solo qui…qualcuno qui sotto si deve togliere la maschera?? non è che sotto la maglia della salute avete il tatuaggio come Massimo Boldi? :)

  21. Scritto da golia

    questi non sono atalantini sono rosiconi brescianiiiii in bbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbb salta con la curva o percassi salta con la curva o percassi salta con la curva questi gadget sono belli io non voglio vedere solo gadget della roma milan o inter voglio solo ATALANTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  22. Scritto da Diegol

    Ah, perchè, la promozione è merito di Pettinari, Ardemagni e Raimondi? E’ forse per questo che stiamo ancora cercando di sbolognarli?
    E Bonaventura era solo dato in prestito, come hanno fatto l’anno scorso con Gabbiadini. Ma se lo fa Percassi, lo chiamiamo “valorizzare”, se lo faceva Ruggeri, lo chiamiamo “lasciare in giro”. Alà, fiabe. Raccontatevela tra di voi, che fate un po’ meno figuracce.

  23. Scritto da espressamente per diegol

    diegol…….. rosica rosica…..ci fai solo godere.