BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scavalca e perde l’equilibrio Muore turista francese in citt?? alta

Si ?? esposto per scavalcare una recizione, ha perso l'equilibrio ed ?? caduto nel vuoto del vano che porta alla cannoniera di San Giovanni in Citt?? Alta. E' questa la prima ricostruzione della tragedia nella quale ha perso la vita Roberto Covelli, 67 anni, francese residente a Nimes.

Più informazioni su

Si è esposto per scavalcare una recizione, ha perso l’equilibrio ed è caduto nel vuoto del vano che porta alla cannoniera di San Giovanni in Città Alta. E’ questa la prima ricostruzione della tragedia nella quale ha perso la vita Roberto Covelli, 67 anni, francese residente a Nimes, ma di origini italiane. Erano da poco passate le 18 quando l’uomo è precipitato nella tromba delle scale che portano all’ingresso della cannoniera sulla mura venete. Immediatamente sono accorsi sul posto un’ambulanza del 118, i vigili del fuoco e una volante della polizia avvertiti dai famigliari che hanno assistito alla scena. Ai soccorritori non è rimasto altro che confermare il decesso dell’uomo, morto sul colpo. Le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente, anche sembra ormai certo si sia trattato di una fatalità.
L’uomo, pensionato, originario di San Giovanni Bianco, si trovava in Italia come ogni anno per fare visita ai parenti. Nel pomeriggio, dopo essere passato al Punto blu per sbrigare alcune pratiche prima del ritorno in Francia, ha deciso insieme alla famiglia di visitare città alta. Secondo le testimonianze dei parenti il 67enne voleva fare un bisognino. Ha deciso di scavalcare la ringhiera per rimanere lontano da occhi indiscreti. Proprio mentre si trovava sull’inferriata ha però perso l’equilibrio ed è caduto nel vuoto. I famigliari hanno assistito alla tragedia, dopo i primi istanti di panico hanno fermato un passante e avvertito i soccorsi. “Non abbiamo provato a scendere perché Roberto non si vedeva – spiega il cugino della moglie -, io ho sentito subito le grida disperate e sono corso per vedere cosa era successo. Grazie a un passante abbiamo avvertito i soccorsi, che sono giunti dopo una decina di minuti. Non ho parole per descrivere il dolore. E’ una tragedia inspiegabile”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.