BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’urlo del presidente Percassi: “Adesso dobbiamo reagire” fotogallery

Il patron nerazzurro pi?? grintoso che mai: "Il nostro cuore sta soffrendo, ma bisogna tirare fuori i cosiddetti e far vedere chi sono i bergamaschi. Noi siamo al fianco di Doni, e il campionato lo abbiamo stravinto sul campo".

Più informazioni su

L’entrata alla Festa della Dea non è molto diversa da quella dello scorso anno. E anche la carica, nonostante gli ultimi avvenimenti, non è cambiata. Antonio Percassi arriva sul palco più caldo di Bergamo a bordo di un calesse, e riprende in mano le redini di quel popolo atalantino, che anche in queste settimane difficili non aveva mai mollato: “Tutte le volte è un’emozione straordinaria essere qua –le parole del presidente davanti ad un mare nerazzurro di quasi 10mila persone- Voi siete speciali, e il momento è speciale. Il nostro cuore ha sofferto e soffre. Il nostro cuore ha pianto e piange. Il nostro cuore nerazzurro deve reagire. Dobbiamo essere i più forti, dobbiamo essere uniti. Noi dobbiamo tirare fuori i cosiddetti (eufemismo) adesso, tutti assieme. Dobbiamo reagire, far vedere chi sono i tifosi bergamaschi, far vedere chi ama l’Atalanta”.
Nessun riferimento, secondo le regole, alla vicenda scommesse, ma solo un caloroso appello ai suoi tifosi: “Mai come quest’anno lo stadio deve essere pieno, dobbiamo essere ancora più vicini ai nostri giocatori. L’Atalanta bisogna averla nel cuore, e noi la amiamo. Vogliamo fare il bene di questa squadra. Vi posso garantire che stiamo lavorando per il presente e il futuro, stiamo investendo in uomini e mezzi. Vogliamo renderla sempre più bella. Ed è il vostro entusiasmo che ci spinge a fare sempre meglio”.  
Trascinato dall’entusiasmo e dai cori della gente, il numero uno atalantino nel finale si lascia un po’ più andare: “State vicini ai nostri ragazzi, come noi siamo al fianco del nostro grande capitano in questo momento. Abbiamo stravinto il campionato sul campo. Quest’anno tutti uniti, rabbiosi e cattivi. C’è una rabbia dentro che se esplode… e dovete averla anche voi, lo stadio deve esplodere”.  
Sul palco, insieme a Percassi, anche l’intero staff dirigenziale di Zingonia (che ha sfilato su un carro armato) e alcune vecchie glorie nerazzurre, tra le quali Montero e Morfeo. 

LE GALLERIE FOTOGRAFICHE:

MORFEO E MONTERO

I VOLTI DEI TIFOSI

PERCASSI E IL SUO STAFF

I VIDEO:

PERCASSI: "DOBBIAMO REAGIRE"

L’ARRIVO DI PERCASSI TRA I BOTTI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Michele

    ci faremo sentire col cuore e von la voce: forza Atalanta!!!!

  2. Scritto da frankie70

    come sempre….pel de poia!!!
    SOLO DEA il resto è noia.

  3. Scritto da pavel

    piccoli Berlusconi crescono…

  4. Scritto da atalantino

    Percassi mi pare un poco sopra le righe…. sia alla presentazione che alla festa del Bocia e amici. In fin dei conti è il presidente, ma fa la figura dell’imbonitore da fiera di paese. Nessuno se ne accorge o nessuno lo dice? culto della personalità in neroazzurro? E l’eco cosa fa, continua come al tempo delle compagnie in opera?

  5. Scritto da Dio Anubi

    Pavel bla bla bla…

  6. Scritto da lara

    Chissà perche proprio alla vigilia dei deferimenti queste urla?

  7. Scritto da Oscar

    @4, dubito che tu sia un atalantino…… se lo fossi saresti orgoglioso di avere un presidente così, sarà anche sopra le righe ma riesce a trasmettere una carica incredibile e, cosa non da poco, MANTIENE QUEL CHE DICE CON I FATTI!

  8. Scritto da m.m.

    sig “oscar” Percassi non ha fatto mai retrocedere l’atalanta?
    Se lei è uno di quelli veri dovrebbe saperlo, o ricorda solo quello che le conviene?

  9. Scritto da Atalantino del 1962

    Sig. Percassi prima di fare proclami aspettiamo gli eventuali deferimenti di Palazzi, se non ci sono poi si festeggia.

  10. Scritto da rf

    @4 @6 moralisti e dietrologi di provincia fanno sempre capolino in questi casi ed è quasi sempre gente che di calcio e di passione calcistica percepisce poco o nulla. Percassi non ha detto una parola che è una contro chi investiga sul calcioscommesse da quando è iniziata sta storia. Un comportamento di una linearità esemplare. Le urla sono le stesse dello scorso anno alla festa e sono quelle di una persona che ci mette amore e denaro? Voi cosa ci mettete invece oltre ai sospetti gratuiti?

  11. Scritto da Oscar

    caro m.m. ricordo bene quella retrocessione, ma da allora sono passati quasi 20 anni e anche lei dovrebbe ricordare che all’epoca Percassi era in società con i Radici….. per cui non aveva carta bianca nell’impostare le cose. Ora le cose son cambiate, tant’è che i risultati son li da vedere. Ma agli occhi di quelli come lei, che non sono atalantini, capisco che l’ondata di atalantinità che c’è nell’aria faccia male….beh, se ne faccia una ragione e continui a tifare Inter o le altre squadre

  12. Scritto da piero

    per il n.4, che cosa vuole che dica l’ Eco, Percassi e’ un grosso inserzionista… per quanto riguarda le scommesse stiamo a vedere, i processi non si fanno ne’ sui giornali, ne’ in tv ma nemmeno alla festa della Dea e l’ altra sera con Doni e’ stata messa in onda una assoluzione piena, auguri per una archiviazione del caso, come ritengo

  13. Scritto da m.m.

    Mi dispiace ma non attacca.
    Essere sportivi non equivale ad essere Percassiani, e a dirla tutti è Ruggeri, fino a prova contraria, ad aver realizzato senza tante cerimonie il più lungo periodo di permanenza dell’atalanta in A.

    Ma i tifosi si sa, a volte più che sportivi sono sponsor e dimenticano in fretta.

  14. Scritto da Oscar

    Ma infatti io non ho mai sputato addosso ai ruggeri, perchè nonostante tutto han sempre fatto bene, e gli ho sempre dato merito. Però in questo anno di presidenza Percassi va detto che hanno raggiunto tutti gli obiettivi, non può dire il contrario. Per cui non si può IN ALCUN MODO essere contro il Presidente. Poi se anche loro sbaglieranno allora li si criticherà. Nemmeno i bortolotti furono risparmiati, nonostante gli anni stupendi in Europa!

  15. Scritto da giampi

    scusate, ma è un refuso o è vero: il gruppo dirigente ha sfilato su un carroarmato? Se così fosse quale guerra si preparano a fare ?

  16. Scritto da Paolo

    Ma perche’ ci sono sempre commenti ipocriti,moralisti e invidiosi????ma godetevi la vita e non state sempre a cercare
    la polemica GRATUITA…..una volta nella storia che c’e’ un presidente che
    carica l’ambiente e che fa’ arrapare una citta’ intera vi perdete in stupidaggini?
    BRUTTA BESTIA L’INVIDIA!!!!!

  17. Scritto da Guido

    Caro m.m. condivido in pieno il suo pensiero, ed al contrario di quello che può pensare Oscar sono un abbonato alla Dea da 18 anni.
    Percassi sicuramente è un ottimo comunicatore ed in grado di coinvolgere molte persone, però stiamo a vedere perchè di risultati (a parte un scontata promozione) non ne abbiamo ancora visti, Per ora a solamente ereditato quanto fatto dalla fam.Ruggeri.

  18. Scritto da ezio

    per n. 13, scorrendo l’ almanacco della Dea si nota che il piu’ lungo periodo di permanenza in A va dal 1946 al 1958, culminato con il miglior piazzamento della storia, mai superato, cioe’ il 5 posto del 1948. Per la cronaca

  19. Scritto da PIERBG

    l’Atalanta verra’ retrocessa in B, quindi tanto casino per nulla

  20. Scritto da l76

    @m.m. è anche la presidenza durante la quale abbiamo avuto il maggior numero di retrocessioni.. ma eviterei di parlare di Ruggeri, visto poi i motivi per i quali non è più alla presidenza. Possiamo però solo dire che nel calcio moderno eerve investire e fare marketing.. non è un’azienda casearia (come sembrava prima zingonia). Io aspetterei a giudicare Percassi negli anni, sicuramente ha le idee chiare e ci mette la faccia, poi se a Lei sta antipatico a priori.. nn ci posso far nulla

  21. Scritto da unodibergamo

    @17 se è realmente abbonato alla Dea da 18 anni e quindi atalantino non può non aver notato gli investimenti sullo stadio, gli investimenti a Zingonia, gli investimenti in capitale umano, il rivitalizzare una comunità attorno alla propria squadra (presentazione, festa promozione, torneo Bortolotti, attività di marketing)…tutto si può dire ma non che abbia ereditato ciò dalla precedente gestione
    ps. di scontato nella vita c’è solo la morte
    ps. ha ereditato, con la h davanti alla a

  22. Scritto da pipponeroazzurro

    BRUTTA roba l’INVIDIA !!! peggio per VOI in malafede !
    GRAZIE PP
    sempre FORZA ATALANTA
    ol rest al vansa

  23. Scritto da l76

    @17.. scontata promozione? Azz.. provi a parlare un pò con i tifosi granata su questa afferamzione.. oltre a quella ha dato un minimo di parvenza allo stadio (seggiolini, speaker, maxischermo) sistemato la sede di Zingonia (e la sua tribuna ferma da molto tempo) avviato molte iniziative per i tifosi (regalato magliette e berretti a tutti gli abbonati, magliette ai neonati, creato i lcartone Atalanta) ridotto i prezzi biglietto/abbonamento, e creato entusiasmo (che nello sport è la base)

  24. Scritto da convergenze

    grazie mille al 18 che ci ricorda che i migliori anni atalantini non sono quelli del bocia, dei wka, di tutti quei fenomeni che ammiccano alla degenerazione comportamentale.

    davvero grazie, per la sobrietà

  25. Scritto da domenico

    noi a san pellegrino stiamo aspettando da anni le terme più belle del mondo promesse da percassi su tutti i giornali e ancora non si vede niente, anzi sono chiuse anche quelle vecchie.

  26. Scritto da Oscar (HierroBG per chi mi conosce)

    Concordo con unodibergamo, i commenti in malafede si vedono lontano un chilometro….. Chi è atalantino sa che i percassi da quando sono alla guida hanno rivoluzionato tutto: stadio, dirigenza, marketing, organizzazione e comunicazione….. solo uno in malafede può dire che i cambiamenti non ci siano stati. Ci sta mettendo la faccia e ha ricreato l’entusiasmo che la banda Giacobazzi & co. aveva soppresso

  27. Scritto da Guido

    @17 mi scuso per l’errore di scrittura.
    La sua analisi è corretta, come ho detto apprezzo e rendo omaggio agli impegni profusi dalla dirigenza Percassi, però non dimentico nemmeno la gestione precedente. Questo senza nulla togliere e riconoscere che sta oggettivamente gettando le basi per costruire una buona squadra per il futuro. Forza Dea!

  28. Scritto da convergenze

    Sobrietè, sportivitè, stop agl’urlè

  29. Scritto da lara

    domanda alla redazione:
    Percassi ha un contratto pubblicitario con bgnews?

  30. Scritto da genu

    x 23 intato quelli che tu definisci di degenerazione comportamentale. in 10 anni di festa hanno fatto piu’ beneficenza di molti altri .probabilmente anche di te.quin di lasa perd!!!

  31. Scritto da arsenal

    viva la dea grazie presidente

  32. Scritto da d77

    Ma chi non è mai contento di nulla non può tralasciare di commentare??LO sport è divertimento e Percassi può invogliare ed appassionare la gente a seguire l atalanta! IL carro armato penso sia stata una scelta coreografica della tifoseria,e va bene cosi,viva la dea e la sua bellissima festa,alla faccia di chi ci vuole male!!!

  33. Scritto da lara

    E’ vero l’invidia è una brutta cosa. Anche la gelosia.
    Andando avanti con queste ovvietà si arriva a definire anche il tifoso come antagonista allo sportivo?

  34. Scritto da atalantino

    invidia di cosa al poer tone? di quando gli ultras (?) hanno bruciato le macchine?. purtroppo la memoria corta è di tanti. Percassi fallimentare nella prima esperienza, ora una ottima promozione, fortissimo sul marketing e nel caricare i tifosi, non a caso entusiasti. Io comunque tifo l’atalanta, non i giocatori e nemmeno i presidenti. Che, alla fine, non ci rimettono mai. E mi riferisco alla città con in mezzo uno stadio… Ma a S. Pellegrino? Bollicine su l’eco e niente più

  35. Scritto da gio

    certo x i non-tifosi atalantini e difficile resistere alla tentazione,di cercare in qlc maniera di rovinare l’esplosione d’allegria di entusiasmo,di gioia, divertimento che ABBIAMO PROVATO NOI CHE C’ERAVAMO IERI SERA…sentirsi far parte,di una famiglia come quella atalantina,essere in mezzo a conterranei BERGAMASCHI,saltare ballare e cantare con il propio presidente,BE NON E DA TUTTI,QUINDI CAPISCO UN PO LA VOSTRA INVIDIA!
    .

  36. Scritto da lara

    35, visto che dici di capire anche i non tifosi (dunque gli sportivi) perchè non fai lo sforzo di ricordare cosa è successo a Ruggeri appena si è sentito male?
    E gli anni primi alla festa della DEA che trattamento gli è stato riservato?

  37. Scritto da gio

    lara..non c’entra niente..con la festa e con percassi ..e ovviamenete,come abbiamo fatto in questi giorni ribadiamo gli auguri di guarigione al presidente ivan ruggeri come abbiamo fatto anche ieri con emiliano mondonico..saluti

  38. Scritto da reds 65

    Grazie Presidente x tutto ciò che hai promesso, mantenuto e FATTO in questi primi 12 mesi di presidenza, dal sottoscritto, e da tutti coloro che AMANO L’ATALANTA . Il resto è noia

  39. Scritto da Guido

    @Lara: Brava Lara, la fam. Ruggeri merita molto più rispetto per anni ed anni di onorata presidenza. Purtroppo la gente che invoca solamente Percassi è di scarso rispetto e memoria.

  40. Scritto da anacleto

    Pensa te il Sig. Marino. . . gli è bastato finire a libro paga e di colpo la “città di razzisti” gli sta simpaticissima, e giù sviolinate e giù ruffianate. Solo a bergamo possiamo essere così babbei da acclamare sti personaggi. An se prope de berghem.

  41. Scritto da occhio

    aspettiamo le sentenze………le urla non servono se hai combinato delle magagne………..occhio……..poi vediamo

  42. Scritto da pier 70 solo atalanta

    alla famiglia Ruggeri di noi tifosi non gliene mai fregato niente