BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Biglietti Atb, nuovi rincari ???Noi sindaci pronti a dar battaglia???

Il ritocco alle tariffe dei biglietti Atb peser?? solo sull???hinterland. Il sindaco di Treviolo pronto a dare battaglia insieme ai colleghi. "Situazione critica, dobbiamo stare uniti".

Il ritocco alle tariffe dei biglietti Atb peserà solo sull’hinterland. Nessuna variazione prezzo infatti per i cittadini di Bergamo, graziati dai tagli: 1 euro e 20 centesimi erano e così rimarranno. La scure di Regione Lombardia si abbatterà sui Comuni della cerchia intorno a Bergamo. Dieci centesimi in più a biglietto per la tariffa a due zone e altrettanti per quattro, cinque o più zone. Un ulteriore disagio per gli utenti dopo che a inizio anno l’azienda ha deciso di rivedere alcune tratte e orari per cercare di ridurre i costi senza aumentare il costo del biglietto. Di fronte a questi nuovi tagli invece Atb non ha potuto far altro che puntare sui rincari. Una scelta che grava soprattutto su Comuni confinanti con la città, quelli della zona 2: Treviolo, Lallio, Seriate, Torre Boldone, Azzano San Paolo, Curno. Gianfranco Masper, primo cittadino di Treviolo, ha già preso carta e penna per rivolgere un appello ai colleghi. “Vorrei chiedere un incontro a tutti i sindaci e al Comune di Bergamo. Dobbiamo necessariamente fare un’azione comune. E’ vero che i tagli arrivano dalla Regione, magari non otterremo nulla lo stesso, ma se andiamo sparpagliati è peggio. La situazione è piuttosto precaria, dobbiamo fare un’azione tutti insieme”. Masper non sa più cosa rispondere ai cittadini che si lamentano del servizio. “Ho incontrato giusto ieri due persone che hanno deciso di non usare più i trasporti pubblici. D’altronde da Treviolo per raggiungere l’ospedale devono andare in centro e poi prendere un altro autobus fino ai Riuniti. Fanno prima a usare l’auto. E’ inutile firmare patti dei sindaci per l’abbattimento della Co2 se poi si operano queste politiche sul trasporto pubblico. Gli autobus dovrebbero essere la prima risorsa, invece noi stiamo facendo esattamente il contrario”. Oltre ai rincari, il Comune dovrà far fronte anche a nuovi pesanti tagli. “L’amministrazione invece circa 15 mila euro all’anno per garantire il servizio autobus fino alla Roncola mattino, pomeriggio e sera – continua Masper – oltre alla partecipazione agli sconti del 30% per gli studenti. L’anno prossimo però ci verranno tagliati 300 mila euro, nonostante il mio Comune sia virtuoso. Come faremo a garantire tutti i servizi? La situazione è critica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maurizio

    Non uso molto il Bus ma quelle poche volte che ci salgo,prevalentemente a metà mattina,non timbra il biglietto quasi nessuno ; che siano tutti abbonati ? Se è così l’aumento può servire a risanare qualcosa ma se cdosì non è (e così non è) serve solo a fregare gli onesti .

  2. Scritto da bgdoc

    L’amministrazione dovrebbe fare un’azione forte investendo nel trasporto con diminuzione dei prezzi e maggiori servizi, favorendo la viabilità ai mezzi pubblici. Solo così darebbe una risposta ai cittadini alle prese con una crisi economica sempre più pressante. Tutto il resto sono parole che si porta via il vento.

  3. Scritto da Tiziano Trivella

    Mi è capitato di dover usare i mezzi pubblici per 2 volte nella stessa giornata (mattina e pomeriggio): un’ora e 10 minuti – sola andata – da via Carnovali a Longuelo. Ho cambiato 2 autobus sia all’andata sia al ritorno e, in totale, ho speso 2 euro e 40 centesimi (da solo).
    Con l’auto impiego 7 minuti a fare lo stesso tragitto e spendo meno di 1,5 euro di GPL (andata + ritorno), parcheggio gratis, arrivo davanti al cancello di casa, posso portare merci, bagagli e altre 4 persone.
    No comment.

  4. Scritto da paola

    Basterebbe mettere come in molte parti in Europa il bigliettaio che alla fermata si posiziona accanto alla porta controllando abbonamenti e vendendo biglietti.. I controllori non servendo più diventerebbero bigliettai (Nessuna perdita di posto di lavoro!) e ATB incassserebbe il 100% di chi utilizza i mezzi pubblici.

  5. Scritto da maximo

    Il buon governo della lega e company,questi sono i risultati continui aumenti atb ha appena ritoccato nel 2010,ora di nuovo non si rendono conto che nemmeno gli studenti lo prendono piu’ il mezzo pubblico anche quando piove