BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nella Croazia vinicola e boschiva

Alla scoperta di Slatina, la landa croata, tra vini pregiati e fresche distese boschive.

Più informazioni su

Nota soprattutto per la bellezza dei suoi paesaggi marini la Croazia ha in serbo diversi tesori per turisti amanti di paesaggi naturali e della storia di un paese. Ad esempio la Slavona, regione confinante con l’Ungheria, segnata dal passaggio di quattro fiumi – Drava, Danubio, Sava e Ilova – e dal forte legame con il passato.
Qui si espande una grande pianura circondata da colline e dal monte Papuk, parco naturale: è la Slatina, terra di vini croati – il Traminac di Ilok, il rizling di Kutjevo e la graševina – e del primo spumante nazionale. Ma anche di cavalli di razza e di daini (cervus dama) e di mufloni, di pascoli e di distese boschive.
Il rispetto e l’amore per le tradizioni così vivo da queste parti spiega l’importante investimento (circa 5 milioni di euro) che è stato fatto su una vecchia tenuta abbandonata a se stessa – un’antica landa – per trasformarla in quella che oggi è la vincitrice nazionale dell’Eden 2010-2011, Destinazione Europea d’Eccellenza.
La landa era tra il ‘700 e l’800 una suddivisione territoriale posta sotto il controllo dell’Impero Austro-ungarico, all’interno della quale si sviluppava una vera e propria comunità sociale come in una sorta di feudo. Questo era Višnjica che, governata da due potenti famiglie locali – Schaumburg – Lippe, con i quali si inaugurò la produzione nazionale dello spumante, e i Conti Drašković – crebbe esponenzialmente fino a diventare nei primi anni del 900 un esempio di avanzata economia di sviluppo sostenibile con proprie strutture sociali, sanitarie, culturali e sportive.
Privatizzata con il nuovo secolo in azienda agricola e scuderia di cavalli arabi di razza senza successo sarebbe morta portandosi con sé un pezzo di storia e di natura se non si fosse deciso di intervenire per riportarla allo splendore di un tempo e trasformarla in una risorsa non per la Croazia ma per tutta l’Europa. Questo è oggi Višnjica: una tenuta per tutti, con cavalli e daini e ben 9 a giardini a tema: il bosco di Stribor, il bosco dei buoni vicini, il giardino celtico e altri ancora. Terra da cui partire per esplorare il vicino Papuk o passeggiare lungo il fiume Drava, imparare a cavalcare in sella a esemplari di razza, pedalare in bici inoltrandosi nella radura, respirare l’odore di luoghi che hanno vissuto la storia, assaporare le tradizioni del gusto e di una cucina ancora molto attuali.

(da lastampa.it)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.