BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cgil, Cisl e Uil contrari ai tickets sanitari e al provvedimento della Lombardia

Cgil Cisl Uil della Lombardia non condividono la scelta di introdurre i tickets sanitari ed esprimono la propria contrarietà sul provvedimento della Regione Lombardia che colpisce indiscriminatamente – su un tema molto delicato come quello della salute – lavoratori e pensionati

Più informazioni su

Cgil Cisl Uil della Lombardia non condividono la scelta di introdurre i tickets sanitari ed esprimono la propria contrarietà sul provvedimento della Regione Lombardia che colpisce indiscriminatamente – su un tema molto delicato come quello della salute – lavoratori e pensionati che stanno già pagando prezzi enormi per la lunga e difficile crisi economica. «Insieme alla Regione abbiamo sempre cercato di contrastare la logica del governo sui tagli lineari: non possiamo quindi ora accettare che simile metodo venga applicato a livello regionale, andando a colpire le fasce più deboli della popolazione – hanno detto i segretari generali Nino Baseotto, Gigi Petteni e Walter Galbusera -. Diversificare il valore del ticket sul costo della prestazione significa ignorare il differente impatto economico che il provvedimento determina in ragione delle condizioni reddituali di persone e famiglie. Questo provvedimento infine ci preoccupa perché, tra l’altro, pesa direttamente su persone e famiglie che in questi anni di crisi, grazie ai risparmi fatti, sono stati uno degli strumenti più importanti di coesione sociale». Cgil Cisl Uil della Lombardia ribadiscono la necessità di compiere scelte alternative ai tickets, anche attraverso risparmi di struttura e risorse provenienti da un coerente ridimensionamento dei costi della politica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.