BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Guerini: “Il presidio di via Quarenghi non presidia”

L'ex Assessore alla Sicurezza Dario Guerini critica la gestione del presidio della polizia locale in via Quarenghi, abbandonato a se stesso e inefficace.

Più informazioni su

L’ex Assessore alla Sicurezza Dario Guerini denuncia il disinteresse dell’amministrazione comunale nei confronti del presidio della polizia locale in via Quarenghi, tirando le somme su quello che definisce “un fallimento voluto o solo maturato per incapacità”, avendo ormai perso la sua funzione di mantenimento dell’ordine. Ecco il suo intervento.

Sette mesi fa fu imbrattato il presidio della polizia locale di via Quarenghi con un misto di vernice, colla e letame. Da allora lo sfregio è rimasto intatto e l’amministrazione comunale non si è adoperata per restituire un minimo di dignità a quel luogo. Una biglietto da visita inquietante. O forse l’onesta immagine di un fallimento voluto o solo maturato per incapacità. Il presidio ormai non presidia più nulla. I vigili, chiusi nel bunker, non si azzardano ad uscire e tollerano tutto: dallo spaccio militante sotto i loro occhi, alle auto in divieto di sosta, alle bici contro mano sui marciapiedi. La parte centrale della via è ormai territorio indiscusso di inquietanti bande di giovani spacciatori, visibili da chiunque perché praticano il loro commercio con arroganza, consapevolmente impuniti, alla luce del sole sulla strada e dentro alcuni negozi di cibi etnici. Di polizia e carabinieri nemmeno l’ombra: pare abbiano cancellato la via dalla mappa della città. Pensare di recuperare la zona in queste condizioni è insensato, come pensare di attirare nuovi insediamenti commerciali. Ipotizzare poi un recupero edilizio da parte dei privati in questa zona franca e degradata è un insulto al buon senso. Eppure pare che gli addetti alla politica cittadina e alla sicurezza dormano, a partire dalla Lega e dal suo assessore che hanno dato ampiamente prova di inconsistenza. Sarebbe più onesto ed economico chiudere questo distaccamento e dichiarare che in via Quarenghi hanno solo cercato voti per poi abbandonarla cinicamente al suo destino.

Dario Guerini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dario guerini

    sul piano della sicurezza aprimmo nella via il Presidio di Polizia locale, con agenti in carne ed ossa che presidiavano i marciapiedi sino alla Malpensata e arrestavano spacciatori. Noi facemmo chiudere 4 esercizi pubblici per connivenza con lo spaccio. Quando il cantiere del civico 33-35 sarà terminato, avremo alloggi nuovi di zecca, parcheggi e un teatro vero per aprire la via alla città e combattere l’insicurezza con la cultura. Ma questo per la Lega è ostrogoto

  2. Scritto da gico

    Non è questione di fallimento o meno … Purtroppo questo e altro è quanto ci troviamo dopo la precedente gestione. Buonismo e garantismo hanno trasformato Bergamo (non solo via Quarenghi) in una città di frontiera. Se l’attuale giunta usasse un sistema rigido immaginate le proteste e le manifestazioni pro stranieri di certe associazioni e di certi partiti. Sia coerente sig. Guerini: non critichi ma collabori per migliorare Bergamo.

  3. Scritto da mucca carolina e giangiotto

    Che tutto si svolga fuori dal distaccamento della polizia locale è sintomo che nel corpo qualcosa non funziona.