BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Giro di Padania, nulla di diverso dalla Vuelta Valenciana”

L'Asd Monviso-Venezia replica alle critiche sul Giro di Padania e segnala che è fortemente voluto dal sottosegretario Michelino Davico (Lega Nord).

Più informazioni su

L’Associazione  sportivo dilettantistica Monviso-Venezia replica alle critiche sul Giro di Padania (leggi) e segnala che è fertemente voluto dal sottosegretario Michelino Davico (eletto senatore nelle file della Lega Nord).

Gentili riceventi,

la vostra "indignazione nell’essere venuti a conoscenza dell’inserimento nel calendario UCI di un fantomatico Giro della Padania, inserito in poco tempo nel calendario Europe Tour ed in programma – sembrerebbe – a Settembre" si incontra con la nostra indignazione, come promotori della manifestazione, nel leggere la definizione "fantomatico" in riferimento ad una manifestazione sportiva rispondente a tutti i canoni richiesti ad una gara ciclistica per essere inserita nel calendario ufficiale dell’UCI. A proposito del "breve tempo" impiegato per inserirlo, siamo a chiederci e, per caso, siete in possesso di elementi che vi portano – in maniera così decisa e, diciamolo, anche un po’ diffamatoria non solo per la nostra organizzazione ma anche per le istituzioni nazionali ed internazionali che citate – a ritenere che il Giro di Padania sia stato inserito nel calendario "in poco tempo".
Sono, a nostro modo di vedere, proprio queste le illazioni che deprimono ed offendono lo sport che pure vi appassiona così tanto.
Ecco perché, da questo momento in avanti, eviteremo di contestare punto per punto quanto scrivete e diffondete, allo scopo di fornire a voi e a chi ci legge in copia ogni elemento utile alla conoscenza di un evento che non ha nulla di scorretto, di disdicevole e che, anzi, ha incontrato sin da subito, molti mesi fa, il favore di sportivi, appassionati, ciclisti professionisti e partner di primo livello che ci hanno sostenuto, spinto, confortato, nell’organizzazione di un giro ciclistico a tappe, cinque, che vedrà la partecipazione di alcune tra le formazioni più accreditate del ciclismo internazionale, in considerazione anche del fatto che la competizione si concluderà a sole due settimane dallo svolgimento del Campionato del Mondo su strada, in programma domenica 25 settembre, risultando quindi per gli atleti l’occasione ideale per rifinire la forma in vista dell’appuntamento iridato. Non sfuggirà a chi ci legge che queste caratteristiche, ed altre che saranno disvelate a fine luglio, rendono questa prima edizione del Giro di Padania interessante proprio per chi è appassionato di questo sport che ha proprio la peculiarità di coinvolgere il territorio.
Il Giro di padania è una manifestazione fortemente voluta dal Sen. Michelino Davico, Sottosegretario all’Interno con delega agli Enti locali, notoriamente appassionato di ciclismo e di territorio, presidente della Asd Monviso – Venezia, società sportivo dilettantistica organizzatrice dell’evento. A riprova, qualora ve ne fosse bisogno, della volontà di correttezza nella cura degli aspetti tecnico sportivi, al fianco della Monviso – Venezia c’è, sin dal primo momento, la Società Ciclistica Alfredo Binda, società organizzatrice della Tre Valli Varesine e promotrice del Campionato del Mondo del 2008 a Varese. Una collaborazione che unisce due realtà sportive legate dagli stessi intenti: valorizzazione del territorio tramite la realizzazione di eventi sportivi con conseguente risultato di promozione delle attività produttive e del turismo delle località toccate dall’evento.
Se la materia del contendere, quella che genera l’indignazione di quelli che definiscono il Giro di Padania "una boutade politica figlia del più becero opportunismo elettorale ed economico" dovesse invece essere relativa alla denominazione, intesa in senso stretto, "Giro di Padania", giova forse ricordare sinteticamente ai nostri amici appassionati ciclisti che l’idea nasce in tempi non sospetti, le sponsorizzazioni ricoprono a malapena i costi, non si arriva a Venezia ma a Vicenza, si arriva l’11 settembre e non il 18 in corrispondenza dei festeggiamenti della Lega Nord. Per quanto attiene alla denominazione, essa è stata scelta come indicazione territoriale e geografica, così come esistono altre gare ciclistiche regionali (es. Gran Premio Regio Insubrica, Vuelta a Comunitad Valenciana, Vuelta a Pais Vasco, la storica Berlino – Praga – Varsavia – nata per celebrare la fine della Seconda Guerra Mondiale -, Il Giro di Gran Bretagna – che copre le tre nazioni dell’isola, Inghilterra, Galles, Scozia – Bicicleta Basca, Parigi – Nizza e, in Italia, Tirreno – Adriatico, Tre Valli Varesine (che invece percorre più valli che variano ogni anno e che quest’anno arriva a Campione d’Italia, Brixia Tour, Settimana Coppi & Bartali – che si svolge in due o tre regioni – etc) per la valorizzazione – lo ripetiamo perché sia chiaro – attraverso il messaggio universale di uno sport che si caratterizza spesso per la peculiarità di utilizzare non stadi, non velodromi, non impianti sportivi ma i percorsi naturali che le caratteristiche orografiche di ogni territorio offrono.

Delia Cipullo
Relazioni esterne Asd Monviso-Venezia

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Walter

    La lunghissima replica non risponde all’obiezione di fondo: la Padania non è una “indicazione territoriale e geografica” perché non esiste né nella realtà né sulle carte geografiche – a differenza dei Paesi baschi ecc., – ma è solo una indicazione politica, ossia il termine che usa la Lega Nord per indicare il Nord Italia. Per questo una corsa ciclistica ufficiale che è di tutti non può chiamasi con questo nome. Punto.

  2. Scritto da a

    Per
    Eh caro, visto che sei professore dovresti però insegnare che molte cose che s’inventano poi si realizzano: un tipo coi baffetti inventò la razza ariana, che non esiste, ma chissà perché pur non esistendo ha fatto milioni di morti. In Rwanda i belgi si sono inventati gli hutu e i tutsi per dividere la popolazione. Non esistevano e poi han fatto milioni di morti. Voi a scuola dovreste insegnare che la padania l’ha inventata qualcuno per dividere l’Italia, e che quindi purtroppo ora esiste.

  3. Scritto da Valencia è una regione, Padania una "megalomania"

    La Vuelta Valenciana esiste perchè esiste la Regione Valenciana. C’è stato anche un Regno Valenciano. La Padania non è mai esistita, vive solo nella fantasia dei leghisti. Andate a parlare di “Padania” ai Valdostani, Friulani e Trentini: li vedrete rotolarsi per terra dalle risate.

  4. Scritto da numero 1

    oh, pure il trota avrebbe risposto con parole più sensate. questa delia cipullo – che, si legge in rete “si occupa di comunicazione istituzionale ed è consulente di alcuni personaggi politici” (il che la dice lunga su quanto l’operazione “giro della padania” sia apartitica) – a quanto pare dimostra di non aver letto con attenzione la lettera.

  5. Scritto da alex

    @15
    Guarda che la Padania non esiste, è pura fantasia ha lo stesso valore nel dire che babbo natale esiste. Non vi è alcuna traccia storica nel passato ne nel presente . Anche geograficamente parlando la padania non esiste. Quindi al massimo siete voi che dovete portate prove scientifiche della sua esistenza , che aimè non cè ne sono.

  6. Scritto da Ivano B.

    Concordo.
    Come esiste, anche se più in piccolo, il giro dell’Insubria, per me può tranquillamente esistere il giro di Padania.
    De resto l’Insubria fa parte della Padania, che come molte altre aree geografiche fanno parte dell’ITALIA.
    Differente sarebbe se fosse il giro del PD (come già viene fatto) o della Lega Nord, che possono anche effettuarsi ma in forma privata, non agonistica.
    In tutta Italia si svolgono gare con nomi della regione geografica dove si corre…

  7. Scritto da viva Babbo Natale

    La LEGA sta pensando anche alla gara dei Babbo Natale su slitte tirate da renne e la corsa delle Befane a cavallo della scopa. Nonchè alle olimpiadi a cui parteciperanno nazioni come la Padania, Topolinia, Paperopoli, Il villaggio dei Puffi, Atlantide, l’ Olimpo degli Dei, “La tribù delle Giovani Marmotte” e il “libero Stato del Mulino Bianco”

  8. Scritto da Erminio

    Per chi dice che la Padania non esiste oppure che esiste da solo 20 anni…
    La civiltà umana ormai esiste da millenni, mentre l’Italia?
    Mi sembra che quest’anno si festeggino i 150 anni dell’unità d’Italia, quindi anch’essa esiste da pochissimo rispetto alla ns. civiltà!!!
    Dire che esiste l’Italia è criticabile quanto dire che esiste il Sacro Romano Impero, il Regno delle due Sicilie, il Granducato di Mantova… oppure la Padania.

  9. Scritto da GERUNDO

    Caro Ivano la padania non esiste. Se parli di opinioni allora anche babbo natale esiste , e dove sono le prove storiche o geografiche? non ce ne sono.. io invece sono GERUNDO un popolo che vive nella GERA D’ADDA
    per fare un padano ci vogliono 10.000 gerundi.
    Voi invece inventate terre mai esistite e gli credete pure.. che boccaloni che siete questa è l’unca prova scientifica che dimostra la scarsa cultura di pupazzi che si vestono di verde.

  10. Scritto da renato

    @Ivano
    Sono un professore di geografia, mi spiace deluderti ma la Padania non esiste in nessuna cartina geografica a partire dal periodo romano fino ad oggi. Ti meriti un 2 in pagella come del resto tutti coloro che credono a storie di pura fantasia.

  11. Scritto da Simone

    “Il Giro di padania è una manifestazione fortemente voluta dal Sen. Michelino Davico, Sottosegretario all’Interno con delega agli Enti locali, notoriamente appassionato di ciclismo e di territorio, presidente della Asd Monviso – Venezia, società sportivo dilettantistica organizzatrice dell’evento. ” Siamo al grottesco, e c’è pure chi continua a fare orecchie da mercante. L’istituzionalizzazione del conflitto di interessi.

  12. Scritto da sara

    Erminio,,, ma torna a scuola! Ci fai sbellicare dalle risate!
    In ogni caso è pura propaganda politica che paghiamo noi alla fine perchè il suddetto giro è sovvenzionato dallo stato. Direi che è una vergogna!

  13. Scritto da un firmatario

    Ma si dai, facciamo il giro delle libertà, il giro democratico, il giro dei valori e il giro responsabile… per favore, chi nega che ci sia una netta, idebita appropriazione politica lo fa o per interesse o per ignoranza. La politica ci sta rubando tutto, lo sport ha un ruolo di alterità e di apertura. Se i primi ominidi non fossero usciti dall’Africa non saremmo qui a scrivere su un pc; perciò basta territorialismi di chiusura e basta nascondersi: c’è la lega dietro e non dovrebbe esserci.

  14. Scritto da Ivano B.

    A Prof. Renato, il due lo prendo volentieri!
    Sempre meglio un due che un uno, il voto che dò ai professori che mi hanno permesso di laurearmi due volte negli anni successivi al ’68 !!
    l’Insubria esiste come regione storica, ha il suo giro ciclistico dell’Insubria e nessuno ha mai detto nulla.
    Strano, visto il patriottismo. Dato che l’Insubria è geograficamente e storicamente legata a due stati!
    Proporrei il giro della Lucania… Ah già, con il partito Noi Sud, sarebbe una tragedia!

  15. Scritto da a

    Pe Alex – 33 –
    Beh… ma … era scritto in forma ironica… non si capiva…? Sigh… Splash… Gulp… ti salutano Tom e Jerry … forse dovevi leggere con più attenzione…

  16. Scritto da thor

    dalla lettera di questa qua è palese che la comunidad valenciana sta ai valenciani come la padania sta ai leghisti. si risponde da sola. poverina.

  17. Scritto da Stavolta anonimo

    Bergamo News, non capisco perché non pubblicate alcuni commenti, che non sono offensivi e rispettano tutte le regole da Voi indicate (me le sono segnate), a differenza di alcuni commenti che includono parole da Voi “proibite”.
    Nulla in contrario, ma comincio a pensare che siate un po’ troppo di parte.
    Saluti
    Un vostro caro lettore (non so ancora per quanto)!

  18. Scritto da Gianni Orio

    Caro renato,
    il problema di Voi prof. è che il più dlle volte, come Lei ammette, impediate lo svilupparsi della fantasia…
    Promossi solo se la si pensa come Lei, vero?
    Se in questo mondo non si può più sognare, allora è dittatura!

  19. Scritto da cb

    dopo i palombari ciclisti,signori e signore i ciclisti leghisti….

  20. Scritto da ma mi faccia il piacere

    “il giro della Padania e’ fortemente voluto dal sottosegretario leghista Davico” ma siamo su scherzi a parte ?

  21. Scritto da w il girino

    ah si ? il sottosegretario (da ROMA ) ha chiesto il giro ? pensavamo fosse una richiesta dell’ irresponsabile siciliano Scilipoti

  22. Scritto da vacario

    OK, capito! In ogni caso mi sarebbe piaciuto di più un nome tipo “a spasso per paperopoli” o “In bici per topolinia” sarebbe stato più simpatico e forse meno pericoloso.
    Una decina di anni or sono, infatti, nel corso di una riunione pugilistica padania Francia una giornalista bergamasca che rifiutò di alzarsi in piedi per cantare “Va pensiero” fu inseguita da alcuni patrioti….

  23. Scritto da giro

    mi sembra una spiegazione esauriente, che dovrebbe tacitare tutte le malelingue inopportunamente messe in moto.
    Ma quando si è prevenuti, tutto concorre..
    Guardate, passate e non vi curate di loro..

  24. Scritto da mp

    in fondo alla risposta sono citate regioni geogrfiche riconosciute.
    la PADANIA come regione geografica esiste solo nella testa della signorea Delia Cipullo e di qualche altro mitomane.
    in ogni caso emerge piuttosto chiaramente dalla sua risposta quanto sia c’entrata la politica: “fortemente voluto dal Sen. Michelino Davico”…comunista, giusto?

  25. Scritto da bonorva

    Gran Premio Regio Insubrica, Vuelta a Comunitad Valenciana, Vuelta a Pais Vasco, la storica Berlino – Praga – Varsavia, Giro di Gran Bretagna,Bicicleta Basca, Parigi – Nizza e, in Italia, Tirreno – Adriatico, Tre Valli Varesine
    Queste sono entità geografiche ben esistenti… l’altra mica tanto.. Chiamatela “Giro dell’Italia del Nord” . sono solo poi che 6 lettere in più..

  26. Scritto da COSTITUZIONALE

    Chissà cosa ha di diverso il gran premio di formula 1 a Roma da quello di Monza, allora?

  27. Scritto da Gianpiero

    a quando il giro di Topolinia?

  28. Scritto da s.

    La sig.ra Cipullo dimentica di citare la settimana ciclistica lombarda…forse perchè la collocazione di questo giretto di padania, ruba corridori a una corsa che ha una tradizione pluriennale…e alla quale bettini aveva promesso la partecipazione della nazionale italiana!Poi cara Sig.ra ci spiega dov’è il tono diffamatorio di questa lettera?

  29. Scritto da Carlo Marx

    caro mp @2: io credo che esista il territorio Padano, non mi sento un mitomane e mi faccia la cortesia di rispettare le mie idee come quelle di tutti gli altri che credono in tutto ciò? Chi si crede di essere? Chi le da il diritto di deridere ideali, e soprattutto giudicare in modo così “razzista” e “fascista”? Sia più moderato per cortesia, in fondo il mondo è bello perchè vario, ognuno è libero di pensare, credere e “pedalare” dove e come vuole!!!

  30. Scritto da bergamotto

    La definizione “Giro della Padania” contiene ben due inesattezze. A parte la Padania che non esiste, partendo da Cuneo ed arrivando a Venezia non si fa un giro, ma una linea.

  31. Scritto da alex

    La padania non esiste, non è mai esistita, e mai esisterà. Come non vi è alcuna traccia dell’esistenza di un popolo che si identifichi con il sole delle alpi che ha tutt’altro significato. Il giro è pura propaganda elettorale niente più.

  32. Scritto da marilena

    per 10. e lei faccia il piacere di ammettere che il senatore michelino dovrebbe occuparsi di fatti ben più importanti in questo periodo di crisi e che a me proprio non me ne …niente se la corsa l’ha voluta lui in persona: è comunque strumentalizzazione politica!

  33. Scritto da quoto 10 !!

    ha ragione caro carlo marx , io credo che i marziani esistano e non mi sento un mitomane, gli increduli mi facciano la cortesia di rispettare le mie idee

  34. Scritto da a

    Anch’io quoto 10. La Padania esiste. Altrimenti fornite le prove della sua non esistenza. Chi siete voi per dire che non esistono gli alieni, gli asini che volano, i draghi, il mostro di Lochness, i sette nani? Chi siete voi per dire che Cenerentola non è veramente vissuta? Presuntuosi! Io tutte le mattine faccio colazione al bar con Tom e Jerry. E allora? Rosicate, rosicate.

  35. Scritto da Garibaldo

    Il Giro di Padania è chiaramente politicizzato nella sua organizzazione, addirittura “fortemente voluto” dal Sen. Michelino Davico della Lega Nord. Questa politicizzazione rende le belle parole della Sig.ra Delia Cipullo, e le migliori intenzioni di alcuni, “aria fritta”, se non una volontaria presa in giro per chi crede in questo sport.

  36. Scritto da s.

    ma chiamarlo Giro della Pianura Padana??troppo difficile??se la società organizzatrice ci tenesse un pochino cambierebbe di sicuro il nome…poi carlo marx…lei è libero di credere che esista la padania almeno quanto io sono libero di credere che sia una fandonia..solo che cercando argomentazioni viene fuori che storicamente la padania esiste da circa 20anni, che il giuramento di pontida è solo una convenzione e che bossi urla roma ladrona dall’alto del suo stipendio da ministro..veda lei…

  37. Scritto da per piacere

    faceste il piacere di non litigare per ogni cosa , che a roma ridono..

  38. Scritto da è ora di smetterla....giupi!!

    Basta con queste continue ..PAIASADE…si pensino e si facciano cose più importanti…. di appuntamenti che creano nuovo astio e contrapposizioni dannoso x il quieto vivere……si vuole rovinare anche gli eventi sportivi che dovrebbero aggregare le persone e invece così le dividono…AIUTO!!???