BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cl presenta il programma del Meeting di Rimini fotogallery

"E l'esistenza diventa una immensa certezza" ?? il titolo del grande incontro di Comunione e Liberazione presentato prima in Vaticano e poi a Bergamo.

Più informazioni su

"E l’esistenza diventa una immensa certezza" è il titolo del 32° Meeting di Rimini, promosso da Comunione e Liberazione, in programma dal 21 al 27 agosto prossimo.
Il calendario del festival di incontri, mostre, musica e spettacolo è stato presentato nella mattinata, di lunedì 18 luglio, nella sede del Credito Bergamasco. Un incontro che segue la presentazione di venerdì scorso in Vaticano, nella sede dell’ambasciata italiana presso la Santa Sede.
Dopo Roma, Bergamo ha quindi accolto la presentazione del calendario di questa importante iniziativa alla presenza di Bernhard Scholz presidente nazionale della Compagnia delle Opere, Marcello Raimondi (Pdl) assessore regionale all’Ambiente, Ettore Pirovano (Lega) presidente della Provincia, Franco Tentorio (Pdl) sindaco di Bergamo, Rossano Breno presidente della Compagnia delle Opere di Bergamo e Mina Toninelli dottoressa in Storia dell’arte.
"Con oltre 700mila visitatori il Meeting di Rimini è una manifestazione unica nel suo genere – ha esordito Rossano Breno -. Un’occasione importante ed unica che offre spunti e stimoli per un proprio cambiamento radicale, un seme efficace da coltivare poi durante tutto l’anno. Il Meeting non è un appuntamento chiuso, è una festa che vede impegnate anche molte persone della provincia di Bergamo". 
Il sindaco Franco Tentorio, presente per la prima volta l’anno scorso al Meeting di Cl, ha sottolineato tre aspetti che lo hanno colpito: "la grande partecipazione di volontari, in particolare giovani e laureati, il forte spirito di squadra che si fonda su valori comuni come la fede e la sussidiarietà, e per ultimo l’altissimo livello politico e culturale degli appuntamenti proposti".
Il rapporto di stima e di amicizia che lega il presidente della Provincia di Bergamo a Cl è più remoto. "Vado al Meeting di Rimini già da diversi anni – ha rammentato Ettore Pirovano -. Ho conosciuto la Compagnia delle Opere nel 1996, poi un’estate in Val d’Aosta sono andato ad un loro raduno, ho portato la chitarra e da lì è nata la nostra amicizia".
L’assessore regionale all’Ambiente, Marcello Raimondi, ammette che su 32 edizioni dell’incontro annunale di Rimini se ne è perso uno. "Chi partecipa la Meeting vive sempre questa esperienza con stupore – afferma Raimondi -. Quest’anno l’appuntamento si rivela una interessante opportunità per la politica che è sotto pressione. Chi come me fa politica con un ruolo attivo, ha l’occasione di confrontarsi. La politica non è una strada, ma occasioni come questa servono per ritrovare l’indicazione giusta per perseguire il bene comune". 
E il presidente della Compagnia delle Opere, Scholz, snocciola un programma che vedrà tra i relatori il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, Enrico Letta, vicesegretario del Partito Democratico, Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera dei deputati, il ministro dello Sviluppo Paolo Romani, il ministro del Welfare Maurizio Sacconi, il ministro del Tesoro Giulio Tremonti, il ministro della Giustizia Angelino Alfano, il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli, il sindaco di Roma Gianni Alemanno e il sindaco di Torino Pietro Fassino. Tra le personalità del mondo economico, solamente per citarne alcuni, è atteso John Elkann, presidente della Fiat; Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel Spa, Corrado Passera, consigliere delegato e CEO di Intesa San Paolo.
Il programma completo si può consultare e scaricare dal sito www.meetingrimini.org
        

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tuditanus

    La frase del Vangelo di Giovanni è: il dubbio tormenta sempre l’uomo di fede.
    Il grande razionalista Cartesio ha scritto: il dubbio è l’inizio della sapienza.
    Ma che razza di religione e di etica vanno insegnando questi che hanno solo certezza?

  2. Scritto da marilena

    e’ vero l’esistenza diventa l’immensa certezza di trovare occupazione nell’ambiente giusto, al posto giusto, circondati da persone ingiuste. E’ gravissimo che ancora una volta esponenti del pd partecipino a questo evento, certi comportamenti non sono giustificabili. Ormai, l’orgoglio di appartenere a un partito che deve essere prima di tutto laico, non esiste più. E anche il credito bergamasco dovrebbe avere più rispetto dei suoi clienti ma a bergamo in effetti comanda la curia./.

  3. Scritto da marilena

    curia, uno dei più grossi azionisti se non il primo). Se non fosse troppo dispendioso, giuro che toglierei il conto corrente da creberg! Tentorio & co poi dovrebbero ricordarsi che rappresentano anche elettori non credenti e elettori che comunque non condividono l’operato di cl

  4. Scritto da kappero

    Un paio di domandine: che c’entra il meeting di Cl che si fa a Rimini con Bergamo? E perché sindaco e presidente della provincia di Bergamo sono lì a presentarlo? Sono ciellini? Sono di Rimini? C’è un gemellaggio?

  5. Scritto da ipazia

    suggerisco un titolo per una prossima edizione del meeting ” e lo Spirito incontro’ il Dio Denaro…”

  6. Scritto da gotti

    Adesso che L’Eco non è più ciellino vi siete messi a sostituirlo facendo pubblicità al Meeting di Rimini? E’ solo una provocazione, vero?

  7. Scritto da gigi

    ma perche’ Cl non diventa partito ? forse perche’ e’ un esercito con pochi soldati (tutti ufficiali…)

  8. Scritto da mcl

    Non siete obbligati a pubblicare tutto. Di queste notizie potremmo farne anche a meno