BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Aeroporto: chi ha deciso le curve isofoniche?”

I consiglieri comunali d'opposizione a Bergamo sottolineano il peggioramneto del rumore dovuto ai voli dopo che sono state approvate le curve isofoniche.

Più informazioni su

I consiglieri comunali d’opposizione a Bergamo sottolineano il peggioramneto del rumore dovuto ai voli dopo che sono state approvate le curve isofoniche.

Di fronte alle crescenti proteste dei residenti per il rumore generato dall’aereoporto di Orio al Serio occorre fare alcune sottolineature.
Tentorio dice che il problema dell’aereoporto non è costituito dal numero di voli: "Se un domani venissero inventati degli aerei silenziosi il numero dei voli non sarebbe un problema”, dice Franco Tentorio. La proposizione in sé è corretta: peccato che viviamo nell’oggi e non in un imprendibile domani.
In realtà questa stessa proposizione ha costituito un clamoroso alibi per Tentorio e il centrodestra. Ricordiamo infatti che qualche mese fa, tradendo l’impegno elettorale, la maggioranza di centrodestra ha bocciato l’ordine del giorno dell’opposizione di centrosinistra che mirava perlomeno a fissare un tetto massimo al numero di voli.
Il peggioramento della situazione nelle aree investite dal traffico aeroportuale dipende dalla bocciatura di quell’ordine del giorno e dalla contestuale approvazione delle cosiddette "curve isofoniche", salutate allora "dai più" come un provvedimento virtuoso. In realtà quelle curve isofoniche hanno allentato i vincoli sul rumore posti a Sacbo invece di renderli più stringenti. In pratica è successo questo: i livelli di rumore allora esistenti furono individuati come limiti minimi, mentre i limiti massimi furono fissati ben oltre. Da qui il peggioramento dell’impatto acustico dell’aereoporto di Orio al Serio sulla zone limitrofe, ovviamente correlato all’aumento dei voli.
Ci chiediamo allora: chi ha deciso quelle curve isofoniche? Per la cronaca: nonostante le richieste dell’opposizione l’assessore Bandera non volle portare in discussione in Commissione consiliare il documento sulle curve isofoniche poi approvato dalla Commissione aereoportuale. Perchè?

Pietro Vertova, consigliere comunale indipendente nei Verdi
Sergio Gandi, consigliere comunale del PD
Giacomo Angeloni, consigliere comunale del PD
Stefano Zenoni, consigliere comunale della Lista Bruni

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    La centralina di rilevamento del rumore presso l’asilo nido di Campagnola segnava nel mese di maggio (ultimo dato disponibile della solerte SACBO che fa da controllore-controllato) oltre 63 decibel (LVA) Per legge i “luoghi sensibili” (scuole ospedali ecc.) non dovrebbero superare i 45. A luglio si supereranno i 65
    Poichè è un dato logaritmico (ogni 3 si raddoppia) provate a verificare a che livelli siamo.
    Nelle curve isofoniche approvate dal Comune di BG Campagnola risulta sotto i 60 LVA

  2. Scritto da Ciao

    io seguivo il ragionamento di @4. Prenditela con lui.

  3. Scritto da lu

    chiudiamo i comitati e si fa prima.

  4. Scritto da Ciao

    i rimanenti 970.000 abitanti non vedono quell’inquinamento.

  5. Scritto da senza parole

    @5certo che non lo vedi lo respiri…..che genio della lampada….le curve sono uno schifo…dove sono le centraline al posto giusto???la cosa scandalosa che sono messe sulla vecchia rotta e non su quella nuova……..le curve cmq non le hanno certo decise i cittadini che sono quelli che subiscono e devono stare zitti…..

  6. Scritto da corti-novis

    Non solo Orio che protestano…. fermare la «super Malpensa»I nove piccoli Comuni che vogliono annullare il progetto che comporterebbe la costruzione della terza pista, una maxi area cargo, il sacrificio di 600 ettari di bosco e anche quello, appunto, del paesino di Tornavento: 500 abitanti che vivono in riva al Ticino ma che dovrebbero sloggiare qualora il progetto andasse in porto.nto per dare un’idea degli interessi in gioco, ha annunciato di voler investire nell’aeroporto fino a un miliardo di euro e di portare il traffico dello scalo, entro il 2030, a 50 milioni di passeggeri l’anno.

  7. Scritto da ah ecco

    L’unica cosa è che malpensa è un aeroporto inutile e senza mercato. Tutte queste cose bisognerebbe farle a Orio.

  8. Scritto da troh

    Non ha importanza chi le ha decise. I sindaci dei paesini le hanno votate? Allora vuol dire che gli garbavano.
    Le lobby noOrio usano i sindaci e i colori politici per fare muro contro Orio e poi gli danno contro?

  9. Scritto da airone

    Le lobby no Orio sono i 30,000 abitanti dei paesi confinanti senza distinzioine di appartenenza politica , si parla solo di qualità della vita e salute di tutti i bergamaschi perchè l’inquinamento non si ferma vicino allo scalo , ma va ben oltre.