BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doni in lacrime: “Nessuno ci toglier?? la A” E ora interrogatorio per Manfredini fotogallery

In cinquemila allo stadio per dimostrare l'attaccamento alla squadra prima della partenza per il ritiro di Rovetta. Cori infiniti per il capitano.

Più informazioni su

Chi si aspettava che l’entusiasmo dei tifosi fosse diminuito – anche solamente di un micron – nei confronti dell’Atalanta per via del caso calcio scommesse, dopo il saluto della squadra al Comunale domenica mattina, si dovrà ricredere. E molto. Il popolo nerazzurro non abbandona i propri eroi nel momento di difficoltà: 5mila i presenti, tribuna centrale piena. Esattamente come l’anno scorso i cori si alzano alti sopra il cielo di Bergamo e, come durante la marcia atalantina, il più gettonato è “Giù le mani dall’Atalanta”.
Sfilano i giocatori e lo staff tecnico, ed ognuno viene accolto da un boato (cori speciali per Padoin, Bonaventura, Consigli, Pinto e Tiribocchi e il tecnico Colantuono) fino al momento più atteso, l’arrivo di Cristiano Doni.
Per la prima volta il capitano parla in pubblico dopo essere stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Cremona. O almeno, cerca di parlaren perché il giocatore è emozionato, gioca con il microfono, trattiene a stento le lacrime. Ci pensano i suoi tifosi a tranquillizzarlo, facendo partire un coro che sembra non terminare mai. Il classe ’73 trova il coraggio: “Deve essere una festa, io voglio solo dire grazie a tutti voi per quello che avete fatto per me e per la società”. Altra pausa, altri applausi: "Mi avete dato la forza di rialzarmi, di essere qui. Abbiamo dimostrato sul campo di essere da serie A e lotteremo per rimanerci".
La star dell’evento è però il presidentissimo Antonio Percassi che entra di corsa, dà il “cinque” ai giocatori in mezzo al campo, e si mette a ballare davanti ai tifosi e a saltare scatenato. Percassi rompe il silenzio dopo un mese e mezzo e lo fa a modo suo, caricando il pubblico e ringraziando chi è arrivato allo stadio. Il capopopolo atalantino urla nel microfono, quasi a sfogare la rabbia, la richiesta alla curva di cantare e di saltare e gli ultrà rispondono presenti con cori che aumentano sempre più di decibel e non sembrano finire mai. Il presidente poi saluta tutti e rimanda l’incontro con i tifosi a martedì sera: “Ci vediamo alla Festa della Dea, forza Atalanta!”.
 

GUARDA LE FOTO:

GALLERIA 1

GALLERIA 2

GALLERIA 3

GUARDA I VIDEO:

LA COMMOZIONE DI DONI

DONI: "NESSUNO CI TOGLIERA’ LA SERIE A"

IL PIENONE ALLO STADIO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fiore

    elenco feste 2011 : 21 maggio notte nerazzurra- 29 maggio allo stadio premiazione vittoria campionato- 9 giugno marcia dell’orgoglio neroblu’-
    14-19 luglio festa della Dea- 17 luglio presentazione squadra, ci puo’ scappare un altro motivo cioe’ la auspicabile archiviazione del caso scommesse, la festa piu’ bella di tutte, siamo pronti !

  2. Scritto da enry

    il titolo dell’ articolo e’ geniale nella sua sintesi, da una parte l’auspicio di restare in A, dall’ altra nubi in arrivo ? speriamo di no

  3. Scritto da Michele

    siamo troppo forti, sempre vicini alla squadra, col cuore, proprio come piace a noi!!! per chi non caposice non c’è problema, è sufficiente che passi oltre, nessuno ti obbliga a leggere su di noi: fai come noi: INDIFFERENTI AGLI ALTRI e prima di commentare informati!!!

  4. Scritto da m.m.

    Non era meglio aspettare che fare un’altra festa?
    Un po’ di misura è d’obbligo, senza pianti o risate fuori tempo.

  5. Scritto da roby

    mi auguro vivamente che non siano le lacrime del coccodrillo

  6. Scritto da Marino Foletta

    Non era una festa ma il raduno della squadra prima del ritiro.
    La presentazione verrà fatta il giorno del trofeo Bortolotti.
    A quelli che augurano disastri sportivi … brutta cosa l’invidia…

  7. Scritto da pippo83

    quanta gente per una squadra di serie C

  8. Scritto da ivan

    @1 guarda che la serie c non esiste piu” informati prima di scivere

  9. Scritto da gio

    gran brutta bestia l’invidia…mamma mia quanto e bello sentirsi atalantino!!!!non ci sono ne scudetti e ne coppe che possono colmare il vuoto e il freddo che molti sentono mentre vanno a milano e torino…

  10. Scritto da sempre e ovunque solo atalanta

    @1L’ATALANTA NON E’ UNA CATTEGORIA,E’ UNA FEDE.

  11. Scritto da nerazzurra

    @1 ma io nono perdo tempo a guardare e commentare ciò che non mi interessa!!FORZA ATALANTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  12. Scritto da grande 8

    anch’io forza atalanta, in serie PRO !!

  13. Scritto da bevilo misto

    4 spiega ………..è una categoria di cosa ??? una fede ???? certa gente basta poco per farla contenta

  14. Scritto da Doge

    X Pippo 83 ! : lascia perdere….. Non puoi capire cosa vuol dire amare i colori della Dea , vai pure a guardare domenica in in tv la domenica

  15. Scritto da araldo

    …ed il re tone ordino’ ai sudditi: “che festa sia”. E “festa fu”.
    (Ma non c’era il palco dell’anno scorso?) Speriamo almeno nella diligenza alla festa della dea.