BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Valnegra la giunta ?? femmina, altro che Roma

Vi proponiamo un articolo pubblicato da La Stampa che elegge Valnegra capitale delle amministratrici in rosa.

Vi proponiamo un articolo pubblicato da La Stampa che elegge Valnegra capitale delle amministratrici in rosa.

di Marco Bresolin

Ci sono Comuni in cui la giunta è femmina. Due in tutta Italia. Due amministrazioni che hanno azzerato le quote azzurre e che hanno il loro timone stretto tra le mani di un gruppo di donne. Sant’Agata Bolognese, paese emiliano di settemila anime, fino a due anni fa era noto solo per la Lamborghini e per aver visto crescere Nilla Pizzi. Poi Daniela Occhiali, rieletta sindaco, ha deciso di far sedere al tavolo della sala giunta Giorgia, Erika, Francesca e Fabiana, i suoi assessori. Una scelta frutto del caso, visto che lei stessa avrebbe preferito avere la perfetta parità dei sessi nella squadra di governo. Ma non ha trovato uomini disponibili e allora si è trovata «costretta» a optare per una soluzione che aveva fatto del suo Comune un caso più unico che raro. Il femminismo al potere? Neanche per sogno. A questo sindaco, che di professione fa l’insegnante, viene l’orticaria a sentir parlare di quote rosa e infatti boccia senza appello la sentenza del Tar del Lazio: «Gli assessori vanno scelti in base alle competenze, non al sesso – corre in difesa del suo omologo capitolino Gianni Alemanno, anche se politicamente i due sono agli antipodi -. Io ho trovato persone competenti e piene di entusiasmo, una scelta che alla fine si è rivelata felice».
Duecentosessanta chilometri più a Nord c’è chi la pensa diversamente. A Valnegra, per esempio, paese bergamasco di 200 abitanti, 800 in estate quando arrivano i villeggianti. Nel piccolo borgo dell’alta Valle Brembana ci sono due bar, una pizzeria, una palestra e quattro donne che a modo loro hanno fatto una piccola rivoluzione. Virna Facheris (nella foto) si è presentata alle amministrative del maggio scorso con un progetto politico ben preciso: se vinco io, la giunta sarà tutta al femminile. Detto, fatto. Forte degli 87 voti conquistati, la prima cittadina 46enne, moglie e madre di due figli, ha subito trasformato in realtà il suo sogno: Barbara alla Cultura, Lucia all’Istruzione ed Elena al Bilancio. Più Marika, bibliotecaria e unica impiegata in Comune. Con tanti saluti al primato di Sant’Agata Bolognese. Una vittoria dal sapore doppio, anche perché il suo sfidante si era presentato con una lista di soli uomini. «Mi fa piacere che il Tar abbia bocciato la giunta di Alemanno – spiega mentre corre dall’ospedale di San Giovanni Bianco, dove lavora come fisioterapista, al Comune – è ora che tutti capiscano che noi donne possiamo
amministrare anche meglio degli uomini». Come? «La famiglia è una piccola comunità – spiega la sua visione di “democrazia casalinga” – e chi meglio della donna sa gestirla? Noi abbiamo il fiuto per l’economia domestica, siamo attente, scrupolose. E soprattutto sappiamo accudire e ascoltare. Praticamente quello che qualsiasi cittadino si aspetta dalla propria amministrazione».
Il venerdì pomeriggio sindaco e assessori si ritrovano per la riunione di giunta. Al tavolo, non lo nascondono, si parla anche di parrucchiere e lavatrici («Oltre che colleghe siamo amiche da anni»,
spiegano), ma poi si fa sul serio. In meno di due mesi, l’amministrazione rosa di Valnegra ha messo nero su bianco la sua manovra economica. L’altra piccola rivoluzione. «Abbiamo rinunciato alle nostre indennità e ai gettoni di presenza – racconta il sindaco – un piccolo gesto che porterà un risparmio annuo di 20 mila euro per il Comune». Fatti i conti, è un regalo di 100 euro per ogni cittadino.
Maschi compresi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.