BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Wi-Fi gratuito in tre piazze cittadine

Una passeggiata in Piazza Vecchia, ti siedi al tavolino di un bar o su una panchina e cominci a navigare gratuitamente con il tuo pc portatile, smartphone o tablet.

Più informazioni su

Una passeggiata in Piazza Vecchia, ti siedi al tavolino di un bar o su una panchina e cominci a navigare gratuitamente con il tuo pc portatile, smartphone o tablet. Da oggi è possibile grazie all’iniziativa di Comune di Bergamo, Fondazione Bergamo nella Storia e Fondazione Famiglia Legler che hanno acceso le antenne della rete wireless in tre piazze della città, consentendo a chiunque di navigare in rete in modo comodo ma soprattutto gratuito.
L’idea di estendere la tecnologia Wi-Fi anche a tre piazze della città – Piazza Vecchia, Piazza Mercato delle Scarpe e Piazza Vittorio Veneto – nasce nel 2008 all’interno del più ampio progetto promosso dalla Fondazione Bergamo nella Storia “Dal museo alla città, progetto per l’apertura del museo dell’età veneta presso il Palazzo del Podestà”.
Ribaltando completamente l’assunto Museo=luogo della conservazione, il progetto intende valorizzare il patrimonio monumentale, storico, artistico di Bergamo, patrimonio che travalica le collezioni museali e che dilaga/dialoga nella città. Il Museo del Palazzo del Podestà utilizzerà quindi la modalità del “racconto della storia”, dell’inclusione del visitatore nella storia e del suo coinvolgimento diretto attraverso le tecniche multimediali e scenografiche approntate al fine di suggerire all’utente percorsi di visita all’interno della città e itinerari di ricerca presso i musei o gli istituti culturali presenti sul territorio. Un vero e “ipertesto del territorio” dal quale partire per poi addentrarsi, secondo i propri desideri, curiosità, capacità, all’interno dei vari siti proposti.
Di qui l’idea del Wi-Fi in piazza, come strumento che, attraverso la navigazione gratuita, favorisce la valorizzazione del patrimonio storico artistico di Bergamo, promuove la rete civica di istituzioni ed enti culturali presenti sul territorio, può essere un punto di partenza per il turista alla scoperta della città, un sistema che amplia i momenti e gli spazi della vita culturale e sociale. Insomma, un un servizio per tutti.
Il progetto ha incontrato quello già avviato dall’Assessorato per l’innovazione tecnologica del Comune di Bergamo che nei mesi scorsi aveva avviato un servizio di navigazione gratuito, chiamato “Biblio-Less“, con punti di accesso alla Biblioteca Tiraboschi, alla Biblioteca Caversazzi e a Palazzo Frizzoni.
Dalla sinergia tra le istituzioni è nato il progetto “Bergamo Wi-Fi" con l’obiettivo di fornire al cittadino ed al turista un servizio integrato, agile e funzionale per la navigazione.
Il portale www.bergamowifi.it  rappresenta il punto di accesso unico del nuovo servizio.
Il progetto del Wi-Fi in Piazza è stato realizzato grazie al sostegno di Comune di Bergamo, Fondazione Cariplo, Fondazione Banca Popolare di Bergamo, Fondazione Credito Bergamasco, Camera di Commercio di Bergamo, Opera Pia S. Narno, Provincia di Bergamo e Sacbo.
Come funziona il Wi-Fi in Piazza?
Da venerdì tutti i dispositivi mobili (pc portatili, smartphone, tablet) rileveranno in automatico la rete Bergamo Wi-Fi in Piazza Vecchia, Piazza Mercato delle Scarpe e Piazza Vittorio Veneto.
Chi attraversa questi luoghi potrà accedere al sito www.bergamowifi.it  che gli permette di "visitare" e ottenere informazioni sulla piazza e sui principali monumenti che si affacciano su di essa.
Oltre a ciò il visitatore ha la possibilità di consultare notizie aggiornate su Bergamo e sugli altri istituti culturali della città, di avere sempre aggiornate le iniziative e le informazioni turistiche.
A questo punto chiunque potrà connettersi gratuitamente al servizio.
Per accedere è sufficiente aprire il browser e attendere che compaia la pagina web del sito Bergamo Wi-Fi.
A questo punto il servizio già consente la navigazione gratuita e libera (senza registrazione) nei siti di utilità indicati nella sezione “Rete civica”, mentre la registrazione consente la navigazione gratuita e libera in tutto il web fino a 2 ore al giorno.
E’ sufficiente complilare il modulo di registrazione e il sistema risponderà generando una pagina web contenente la vostra “username”. Subito dopo il vostro cellulare riceverà un SMS di benvenuto nella rete Bergamo Wi-Fi contenente la password. Non resta che accedere in homepage al servizio tramite il pulsante “Utenti Bergamo Wi-Fi” (i dati di accesso sono strettamente personali e hanno una durata massima di un anno; dopo 15 giorni di inutilizzo l’account verrà cancellato e sarà necessaria una nuova iscrizione per poter navigare).
Nella sezione “Rete Civica” del sito saranno inoltre suggeriti i link diretti a istituzioni, musei e realtà culturali della città.
Le credenziali di accesso a Bergamo Wi-Fi e al servizio “Biblio-Less” sono state unificate, dunque gli utenti già registrati con l’uno o l’altro sistema potranno utilizzare le medesime username e password.
Diversa la procedura per gli stranieri, che potranno accedere al servizio dopo aver compilato un’apposito modulo recandosi all’URP di Palazzo Frizzoni, alle biblioteche Tiraboschi e Caversazzi, e presto anche negli uffici Iat di Turismo Bergamo.
Da oggi, dunque, in tutte le aree coperte dal segnale Wi-Fi studenti, lavoratori, visitatori e turisti potranno connettersi e navigare gratuitamente in Internet, sfruttando un sistema garantito e affidabile di accesso alla rete.
Oltre al potenziamento della connettività nei punti di accesso fino ad oggi attivati, nei prossimi mesi il Comune di Bergamo estenderà la copertura Wi-Fi ad altre aree cittadine significative e strategiche dal punto di vista della socializzazione e della fruizione culturale e turistica del territorio.
Tutte le informazioni sul sito www.bergamowifi.it
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    e quale sarebbe lo standard da primo mondo?internet gratis per tutti e in tutta la provincia??.magari….:),però dai,almeno nel mio caso non mi posso lamentare,con 20 euro al mese, internet e telefono fisso non sono male,almeno rispetto al passato

  2. Scritto da london-paris

    ma se a Parigi e Londra han tolto l’wifi dai giardini, dalle biblioteche ecc. causa inquinamento elettromagnetico dannoso per la salute…! ah, già, noi veniamo sempre dopo, in tutto…progrediamo per regredire?

  3. Scritto da Andrea

    Bene, Bergamo esce timidamente dal 4 mondo di internet ed entra nel 3 Mondo. Quanto si dovrà attendere per raggiungere standard da 1 mondo?