BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pdl, Pagnoncelli a Saffioti: “Cambia o dimettiti” fotogallery

L'attacco al coordinatore del Pdl, rovina la prima assemblea degli amministratori del Pdl, e Carlo Saffiotti risponde: "Mi aspettavo anche di peggio".

Che il Pdl non sia il partito Coca-Cola per gli iscritti è una certezza, di sicuro c’è che il partito ha la stessa effervescenza della bibita americana. Alla prima assemblea degli amministratori bergamaschi del Pdl, nella mattinata di sabato 16 luglio alla Casa del Giovane, le bollicine non sono certo servite per digerire i malumori della base e delle correnti. Come una festa che si rispetti, a fare gli onori di casa ci ha pensato Carlo Saffioti, coordinatore provinciale. In platea ci sono il sindaco di Bergamo, Franco Tentorio, il primo cittadino di Treviglio, Giuseppe Pezzoni, il presidente del consiglio provinciale Roberto Magri e uno stuolo di assessori e consiglieri comunali e provinciali.
Un raduno quasi festoso, celebrativo. La senatrice Alessandra Gallone riporta l’entusiasmo del consiglio nazionale del Pdl a Roma. Rincara la dose il sindaco Franco Tentorio che ringrazia i consiglieri comunali per il lavoro di squadra, riconosce l’alleato fedele che è la Lega "in consiglio comunale non siamo mai andati sotto" e guarda al gruzzoletto degli 80milioni di euro bloccati dal patto di stabilità. Li evoca e crea quell’acquolina delle grandi opere…. Ma è Saffioti che celebra il Pdl orobico "che è presente sul territorio senza sudditanza e senza arroganza. Anche se la forza della Lega è la nostra debolezza". 
Progetta una riorganizzazione del partito che non sia "imperiale con sudditi, feudatari e cortigiani. Basta nomine dall’alto, questo non è il partito delle tessere, ma è un partito democratico".
La lista degli interventi viaggia ormai a vele spiegate, la festa ha il suo ritmo frizzante. Alessandro Sorte, consigliere provinciale e vice–capogruppo del Popolo della Libertà alla Provincia di Bergamo, lancia la proposta "di decine di feste nei paesi dove amministriamo per essere ancora più vicini alla gente. C’è uno spirito positivo che ci aiuterà a ripartire".
Sul palco Pezzoni vanta la sua vittoria a Treviglio come un laboratorio per il futuro, l’onorevole Gregorio Fontana annuncia "congressi provinciali entro fine anno. Dobbiamo aprire di più però alla partecipazione dei giovani e delle donne. Non dimentichiamoci però che se perdiamo il rapporto con la parte produttiva del paese perdiamo l’elettorato".
Dopo due ore e mezza di entusiasmo, nel mezzo della festa, prende la parola Marco Pagnoncelli. "Ringrazio i sindaci di Sant’Omobono e di Calcinate che hanno espugnato due roccaforti – esordisce Pagnoncelli, e dalla platea partono gli applausi -. E’ un segno forte, di prensenza sul territorio. Non dobbiamo più stare trincerati, dobbiamo tornare ad essere il primo partito a Bergamo. Certo dobbiamo essere il partito che coinvolge i sindaci, gli amministratori, non si possono fare scelte sulle persone che guideranno i servizi senza aver consultato i sindaci del territorio. Dobbiamo cercare di tenere unite le anime del partito, sentire la base, il popolo. E’ questo che ci manca. Carlo, se fai come hai fatto in questi ultimi due anni, dimettiti".
E l’asse solido con la Lega? Le parole di entusiasmo? La rinascita? Il rilancio? La platea mormora, anche se Pietro Macconi, vicecoordinatore del Pdl, cerca di sfumare l’affondo di Pagnoncelli, tenta il recupero di un’atmosfera che si è rotta. "Se viene meno il consenso e cerchiamo altre strade faremo la fine di Follini e Fini" evoca scenari foschi Macconi che, forse disorientato cita persino Obelix ed il vangelo "Se i vostri politici vi affliggono, venite a ristorarvi da me, voi che siete oppressi". Prova a far ripartire l’incontro il vicesindaco di Bergamo, Gianfranco Ceci. "Dobbiamo guardare avanti, alla partecipazione, con le primarie, il senso della squadra come valore assoluto – afferma Ceci – Dobbiamo essere meno conflittuali e puntare sui valori che ci uniscono".
Demetrio Cerea elenca un decalogo di cose che non vanno. "Ho riscontrato in diverse assemblee dei paesi la rabbia – ammette – Su dieci elettori, 8 non ci votano, uno ci deve pensare e l’altro è indeciso. Regna l’anarchia, basta che uno si alzi in piedi in un paese e dica sono del Pdl che sfrutta il simbolo, mancano i riferimenti nazionali e regionali, dove sono i nostri politici? Siamo appiattiti sulla Lega, ci manca la formazione e l’informazione".
Il gravoso compito di salvare la situazione se lo addossa l’assessore regionale Marcello Raimondi, che non nasconde le difficoltà politiche del momento ma rilancia. "Il Pdl è un contenitore che da partito fondato su una persona straordinaria e carismatica come Berlusconi ora ci viene consegnato – evidenzia Raimondi -. A noi tocca la sfida: o intraprendiamo dei percosi che ci portano alla deriva, o stiamo uniti, ci rimbocchiamo le maniche e ci prendiamo la responsabilità di guidare questo Paese per i prossimi anni". L’auditorium pian piano si svuota. Altri interventi chiuderanno davanti ad una sala semi deserta. Saffioti alla fine è soddisfatto dell’assemblea. "E’ la prima e credo sia andata bene" commenta. Forse temeva che gli spifferi di correnti prendessero il sopravvento. E l’aut aut di Pagnoncelli? "Mah – risponde Saffioti – mi aspettavo anche di peggio".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuel

    Marco: Oriani, a differenza di tanti altri, ha moltissimi anni di militanza, c’era già da sedicenne nel 1994. Comunque la sua candidatura non è stata voluta da Saffioti, Oriani è stato candidato su esplicita richiesta scritta del coordinatore nazionale dei giovani del PDL e del coordinatore regionale come riconoscimento per l’impegno profuso in tanti anni di giovanile a livello regionale e nazionale. Non esiste candidatura più meritata della sua e la sua azione amministrativa dimostra la giusta

  2. Scritto da Emanuel

    Si parla sempre di meritocrazia nel PDL, ma quando un giovane valido cresce ed esprime valutazioni sacrosante, viene subito attaccato perchè sarebbe amico, lavora, ecc. Oriani è valido, Saffioti lo ha intuito prima di altri e gli ha chiesto di lavorare per lui. La domanda da farsi è se Oriani svolge bene il suo incarico o meno. Il problema della distanza tra politica e cittadini sta in questo, se tutti svolgessimo bene i nostri incarichi i cittadini non sarebbero così delusi e amareggiati.

  3. Scritto da Gigi pdl

    Ogni volta che qualcuno parla di oriani, poco dopo magicamente arrivano elogi insperati. Che sia sempre la stessa mano ?
    Magari un tantino di parte ?

  4. Scritto da marco

    oriani è atato nominato da saffioti più che eletto. e’ assolutamente legittimo , ma almeno bisogna avere il buon gusto di non fare la morale…o meglio la morale c’è : portare le borse fa guadagnare compensi niente male !!!
    se qualcuno ha bisogno di un porta borse , anche silente , non proprio in linea, ma sempre disponibile …io ci sono !

  5. Scritto da PDL iscritto

    concordo con osservatore non votante e Francesco. Serve ricambio generazionale. Di gente brava sul territorio c’è, bisogna valorizzarla e premiare chi fa attivismo e militanza.

  6. Scritto da PDL iscritto

    Chiamare collegio sicuro quello dove è stato candidato Oriani è come dire che firenze è una città sicura per il PDL. E’ il collegio della città che non ha mai espresso un eletto del centrodestra, ma sempre un consigliere di centrosinistra. Non come Pagnoncelli che candidò se stesso nel collegio Bergamo I, il più sicuro di tutti i collegi provinciali.

  7. Scritto da militante PDL

    Solo per precisare: Oriani è diventato Consigliere Provinciale in quanto ha preso il posto di Callioni che si è dimesso per fare l’assessore al Comune di Bergamo. Da quando si considera che il primo dei non eletti sia stato candidato in un collegio sicuro?

  8. Scritto da Francesco

    Ce ne sono tanti di bravi e promettenti nel Pdl orobico sia Bergamo che in provincia. Bisognerebbe solo che questi abbiano la possibilità di candidarsi e sicuramente avrebbero più stimoli per fare bene e bella figura a differenza di chi compra voti a suon di cene e favori e poi se ne sbatte dei cittadini.

  9. Scritto da osservatore non votante

    Ma lo volete capire che i vari Saffioti, Pagnoncelli, Carrara, Iannone, Fontana non sono più credibili? Hanno guadagnato tanto, forse troppi dalla politica ed é ora che si facciano da parte in favore di chi ora ha più passione e voglia di fare. Credo che un parlamentare come un consigliere regionali dopo 2 mandati debba lasciare e così la pensa la stragrande maggioranza degli elettori.

  10. Scritto da anto

    ai sostenitori del pdl vorrei chiedere 1-come fanno a considerarsi un partito se il loro capo viene nominato dall’imperatore 2-il segretario dell’imperatore vuole fare il partito degli onesti e si ritrova con parecchi parlamentari inquisiti e oggetto di indagini pesanti su di loro 3 dire che è un riferimento per amministratori e cittadini è vero, è un’esempio da non seguire e da evitare 4 fanno buon viso al cattivo gioco della lega solo perchè non hanno alternativa

  11. Scritto da forza pdl

    roberta: pagnoncelli aveva ridotto forza italia a uno strimento usato da bettoni e da lui. parla tanto di nominati, ma lui fu nominato assessore in regione senza essere stato eletto e fregando i due consiglieri che erano stati eletti. poi formigoni, dopo quasi 3 anni di disastri ha dovuto rimuoverlo. anche ora, pur non essendo stato eletto e’ stato nominato delegato del presidente con lo stesso stipendio di chi e’ stato eletto. incarico del tutto inutile, ma pagato.!!

  12. Scritto da PDL iscritto

    L’unico intervento degno di nota dopo Pagnoncelli è stato quello di Oriani, peccato che non sia riportato nell’articolo. Ha chiaramente detto ciò che non va e dato una bella risposta a chi come Pagnoncelli fa politica da anni ma mai una volta si è misurato con i voti e con le preferenze. Per la serie, prima di criticare qualcuno guardati allo specchio. Bravi Oriani e Sorte due giovani su cui possiamo riporre qualche speranza

  13. Scritto da roberta

    Bravo Pagnoncelli…il congresso non lo fanno perchè vinceresti tu! Saffiotti a casa o del PDL non rimarranno che briciole..e per piacere che tristezza Sorte e il suo entusiasmo palesemnte finto e acchiappa vip

  14. Scritto da bastalega

    tranqui anto, c’è di molto molto peggio come dici tu………..La Lega tra poco imploderà, il PD autoreferenziale non si rende conto di essere peggio. Il PDL forse ha toccato il fondo……da qui si può soltanto risalire e visto che è vivo ce la può fare anzi ce la farà!!!!! Ora tocca ai militanti raccogliere il testimone e intraprendere la nuova strada e ricompattare e riagregare quelli persi per strada. Ricominciamo a fare la politica quella citata dal grande pontefice Paolo VI

  15. Scritto da luca del pdl

    saffiotti ha fatto un intervento notevole, davvero di spessore. bravo!!! ce ne fossero con la sua cultura, la sua passione, la sua onesta’!!! non capisco tutto lo spazio dato all’unico intervento contrario , qyello di quel pagnoncelli, da sempre solo nominato e mai eletto nelle istituzioni, che di disastri ne ha gia’ fatti.

  16. Scritto da Paolo VI

    lasciatemi in pace…… io stò bene dove sono!

    richiamare la chiesa è solo l’ultimo appiglio di chi è ormai alla fine

    come ha scritto flinstone nei paesi SOLO liste civiche
    NO ai partiti ladroni!

  17. Scritto da obbiettivo

    saffioti e’ stato e’ vero nominato coordinatore del pdl. ma, in assenza di congressii, se bisogna valorizzare gli eletti, quelli piu’ votati nella nostra provincia sono stati saffioti e raimondi. raimondi assessore, saffioti coordinatore. pagnoncelli che c’entra?

  18. Scritto da fuoritutti

    il povero saffiotti è solo l’ultimo degli esponenti di PLASTICA del pdl

    le persone vanno proposte e votate dalla gente e non imposte dal caimano o dal vecio di turno.

    politica alla gente e non hai furfanti.
    avanti con LISTE CIVICHE con gnte nuova e a roma solo chi merita!

  19. Scritto da uno presente

    Belli gli interventi di Oriani, Cerea, Lussana, Sorte e Filotto. Gli altri hanno detto la solita fuffa. I peggiori Fontana, Macconi, Ceci e Saffioti.

  20. Scritto da tesserato pdl

    per cambiare qualcosa bisogna cambiare le persone e quindi tutti quelli che hanno parlato fino alle 12 (Saffioti, Pagnoncelli, Raimondi, Macconi)

  21. Scritto da LUCA

    Giuste parole di Pagnoncelli: Saffioti che fa per la gente??? Tante belle parole o discorsi e poi?
    I cittadini vogliono fatti concreti e reali.

  22. Scritto da gigi

    Concordo con il 15 peró eliminerei anche Sorte che oltre che alla solita retorica non ha offerto spunti interessanti come quelli per esempio di Demetrio Cerea Matteo Oriani e Daniele Lussana

  23. Scritto da serve aria nuova

    Il pagno ha ragione ma nemmeno quando era lui coordinatore il partito era democratico e ben funzionante. Per cambiare bisogna avere il coraggio di fare un passo indietro e Saffioti e Pagnoncelli dovrebbero essere i primi a farlo.

  24. Scritto da Pino

    Vergognoso che la sala si sua semi svuotata dopo gli interventi di Pagnoncelli e raimondi. Sintomo che del partito non frega niente a questi pseudo amministratori.

  25. Scritto da memoria...

    Tentorio mente… la maggioranza a Bergamo è andata sotto almeno una volta. E’ stato quando il PDL ha votato per sospendere il Consiglio per andare a vedere la partita Inter-Barcellona, e invece le opposizioni e la Lega hanno votato per finire i lavori…

  26. Scritto da elettore pdl

    se si votasse oggi in provincia e in città il pdl ( e la lega a seguire) prenderebbero una tranvata colossale e sarebbero in netta minoranza. si devono dare una svegliata tutti altrimenti bergamo sarà un’altra milano e per almeno 5 (forse 10) anni la sinistra farebbe il proprio comodo. sveglia! sveglia! sveglia!

  27. Scritto da eddy

    Primarie subito.
    A CASA FONTANA, IANNONE, CARRARA, GALLONE, SAFFIOTI, PAGNONCELLI, RAIMONDI!

  28. Scritto da EX

    @4 Bravo e’ cosi’ che si deve fare!!Infatti nel mio paese il caro “Saffioti ha calato le braghe alla lega SNOBBANDO chi era tesserato al pdl. E cosi’ i veri tesserati l’hanno ringraziato votando la lista civica(che ora governa qui), e naturalmente facendo perdere “lega e pdl”.saffioti non devi cambiare MA DEVI SPARIRE!!!!!!!! E GRAZIE A QUESTO GOVERNO OVIAMENTE LE TESSERE NON VERRANNO RINNOVATE!!!!

  29. Scritto da a Scopare Il Mare

    @15 – cosa può aver detto uno del Pdl da definirlo “bel intervento” ? C’è il 90% d’italia che vi stà inseguendo con una scopa…… Fatevi sentire da qualche elettore e poi vediamo !

  30. Scritto da Asdrubale

    Pagnoncelli ? Saffioti ? Sorte ? Oriani ? Ma voi vi state rendendo conto di cosa sta accadendo oggi in italia per vostra responsabilità e di cosa ci avete fatto ?
    Ma voi avete idea di quanto siamo incxxxxti ?.

  31. Scritto da walter semperboni

    ….è la prima volta che rimango senza parole e per chi mi conosce…ce ne vuole!!!

  32. Scritto da sleghista

    P.D.L. avete fallito con il peggior governo della storia!

  33. Scritto da uno che c'era!!

    ricordo che saffiotti e’ stato sempre eletto e votato dai cittadini con migliaia di preferenze. e’ persona onesta, stimata, che si e’ smpre impegnato bene nella professione e nel volontariato. con lui il pdl ha ottenuto risultati importanti. non è colpa sua se spesso gli amministratori non sono all’altezza. pagnoncelli ha stufato, ha sempre avuto incarichi remunerati senza aver mai preso un voto, da segretario di fi ha fatto solo guasti. bravo saffioti, vai avanti!!

  34. Scritto da uno che sa

    pagnoncelli e’ stato assessore esterno per 3 anni in regione poi declassato, per i pessimi risultati ( piani cave!!!) a sottosegretario, sempre pagato come un consigliere eletto. in qs legislatura, non e’ stato eletto , ma e’ stato nominato da formigono delegato a non si sa bene a che cosa. comunque pagato come un consigliere eletto. inoltre e’ stato nominato nel cda della SEA, a almeno 50.ooo euro. che taccia!!!

  35. Scritto da Marco bergamo pdl

    Mamma mia che pena questo Oriani fa il porta borse di Saffioti. Da venti anni a spese della regione poi il suo capo Saffioti. Gli ha fatto avere un collegio provinciale sicuro e adesso mangia a nostre spese e parla di sprechi della casta!

  36. Scritto da roberto ex fi

    pagnoncelli, che non ha mai preso un voto, e’ sempre stato nominato e ben remunerato!!!! forza saffioti, liberaci dai pagnoncelii che hanno rovinato forza italia prima e ora provano col pdl. aria pulita. con saffioti almeno c’e’!!!

  37. Scritto da PDL iscritto

    Per Eddy: dubito che con le primarie Saffioti e Raimondi andrebbero a casa, solo un anno fa hanno preso oltre 10.000 preferenze tutti e due alle regionali, più primarie di quelle!!! Sui parlamentari concordo, quelli prenderebbero il voto solo dei parenti, Pagnoncelli nemmeno quelli. Infatti è l’unico “BIG” del PDL che non si è mai candidato una volta con le preferenze. Si è sempre fatto nominare. Parla di unità e meritocrazia… l’uomo da 120.000 euro annui per far finta di lavorare

  38. Scritto da Paolo Consigliere Comunale

    Io ero lì e l’unico che ha parlato di un problema serio è stato Oriani. Basta parlare di organizzazione e di beghe interne. Ha parlato duramente anche contro il governo e contro la finanziaria perchè non si può chiedere alle famiglie di pagare mentre la politica spreca e incassa. E’ anche il primo consigliere provinciale che dice che le province per come sono ora vanno abolite. Almeno qualcuno senza i paraocchi nel partito lo abbiamo.

  39. Scritto da anto

    …….mi aspettavo anche di peggio, ma sti qui del pdl si rendono conto di come sono ridotti ?

  40. Scritto da kappero

    Dai, questo è un partito? Un partito che non fa congressi e dove il successore del leader maximo viene nominato dal leader maximo in persona? Dai…

  41. Scritto da .

    Se i leghisti vi mollano siete con l’acqua alla gola.

  42. Scritto da fli..nstone

    poveracci!!!!….che legnate che devono prendere ancora….
    il popolo si è svegliato, siamo alla fine dei programmi, parte il carosello… tutti a nanna….
    BASTA partiti nei poesi solo liste CIVICHE
    spazio agli onesti

  43. Scritto da un amico del, pdl

    alla faccia di tanti pessimisti e di tanti corvi, il pdl a bergamo esiste, c’e’, si fa sentire, comìntribuisce all’amministrazione di citta’, provincia e moolti comuni, e’ un riferimento certo per amministratori e cittadini. e gli altri che cosa fanno? avanti cosi’, rinnovando, con un nuovo inizio carico di speranze e entusiasmo con alfano!!