BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tramvia, “riqualifichiamo aree industriali vicine”

L'obiettivo delineato dalla Iv edizione dell'International Summer School, voluta da Confindustria, Comune e Politecnico.

Più informazioni su

 

Anche a Bergamo non mancano le vecchie aree industriali in disuso, spesso in stato di degrado, per esempio lungo il percorso cittadino della Teb. Una “terra di nessuno” che potrebbe tornare a nuova vita, mantenendo la propria vocazione, divenendo cioè la sede di una nuova industria, avanzata ed a basso impatto, fortemente integrata con la città. E’ questo l’obiettivo che si pone la IV edizione dell’International Summer School, il workshop realizzato dal Dipartimento di architettura e pianificazione del Politecnico di Milano, dell’assessorato all’urbanistica del Comune di Bergamo e, prima la prima volta, anche da Confindustria Bergamo. La Summer School è rivolta ai dottorandi e agli allievi dei corsi di studio di terzo livello delle Scuole di Architettura  italiane e estere ed è aperta, inoltre, a laureandi e giovani laureati italiani e stranieri. L’obiettivo è quello di offrire un confronto sulle problematiche di ricerca, sulle tecniche, sugli strumenti teorici e applicativi della progettazione architettonica e urbana. La  città di Bergamo è proposta come sede della scuola, i cui incontri si tengono a Casa Suardi, in Piazza Vecchia, a ripresa di una tradizione di studi e progetti sulla città già attuata nei Laboratori Internazionali di Progettazione Architettonica e Urbana (L.I.P.A.U.) promossi dal Politecnico di Milano in collaborazione con il Comune di Bergamo.
Architettura urbana e nuove forme della produzione: questo il tema attorno sul quale si cimentano i giovani dottorandi di ricerca che proporranno progetti di rigenerazione delle aree industriali dismesse con ipotesi di interventi legati alla conservazione e adeguamento delle strutture esistenti, cercando di valorizzare il patrimonio costruito e di tener conto della compatibilità paesaggistico-ambientale e della sostenibilità complessiva dei progetti. Gli esiti del lavoro condotto nell’ambito della Summer School costituiranno la base scientifica per ulteriori progetti di ricerca, nei quali sarà possibile coinvolgere enti e amministrazioni interessate.
L’area scelta in accordo tra Comune e Confindustria fa riferimento alla periferia orientale di Bergamo, lungo il percorso del tram, che comprende importanti fabbricati industriali, fra cui l’area ex-OTE. La Summer School terminerà il 23 luglio con una revisione finale e una cerimonia conclusiva all’Urban Center, dove sarà attribuito il «Premio Bergamo di architettura» ai migliori progetti presentati.
Della giuria fa parte anche Marcello Pezzoli, del gruppo giovani di Confindustria Bergamo, che segue in particolare questa iniziativa.
Nell’ambito dell’impegno di Confindustria Bergamo è stata organizzata una visita al sito industriale Eurogravure a Treviglio che ha un sistema produttivo “a flusso” altamente avanzato ed ha realizzato un capannone particolarmente studiato dal punto di vista architettonico. Alla visita è seguito un incontro nella sede di Confindustria Bergamo dove è stato messo a fuoco il tema della domanda di spazi per attività produttive in città.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.