BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arte contemporanea in Santa Maria Maggiore

Daniel Knorr e Riccardo Beretta sono ospiti negli antichi matronei della Basilica di Santa Maria Maggiore per il secondo appuntamento di “Ogni cosa a suo tempo”, progetto a cura di Stefano Raimondi, Paola Tognon e Mauro Zanchi.

Più informazioni su

Da sabato 16 luglio la Fondazione MIA – Congregazione della Misericordia Maggiore di Bergamo,  ospita negli antichi matronei della Basilica di Santa Maria Maggiore, il secondo appuntamento di “Ogni cosa a suo tempo”, progetto a cura di Stefano Raimondi, Paola Tognon e Mauro Zanchi.
Il secondo capitolo del ciclo espositivo vede come protagonisti Daniel Knorr e Riccardo Beretta, due artisti contemporanei rappresentativi nel panorama artistico nazionale e internazionale.
Ogni cosa a suo tempo, da omnia cum tempore – secondo la fonte originale dal Qoelet o Ecclesiaste, uno dei testi contenuti nella Bibbia Cristiana ed Ebraica – cioè ogni cosa ha il suo tempo ed è nel suo tempo. In questa riflessione nasce il progetto di arte contemporanea nei matronei della Basilica di Santa Maria Maggiore a Bergamo con la partecipazione di sei giovani artisti internazionali, chiamati di volta in volta in coppia per rispondere, attraverso lavori site specific, a un processo di continuità artistica e interpretativa.
Ogni cosa a suo tempo rinnova e riattualizza il dialogo tra il grande e maestoso cantiere della basilica durato oltre sette secoli e l’arte contemporanea attraverso gli interventi di sei artisti contemporanei: in un ciclo di tre mostre alcuni tra i più significativi artisti nazionali e internazionali – Adrian Paci e Andrea Kvas, Daniel Knorr e Riccardo Beretta, David Adamo e Luca Francesconi – sono chiamati a confrontarsi con gli spazi e le memorie della Basilica. La Basilica di Santa Maria Maggiore entra così in rapporto dialettico e iconografico con l’arte contemporanea mediante un processo di interpretazione e restituzione dell’attualità inserita in un contesto carico di arte, storia e spiritualità.
La scelta curatoriale, oltre a mettere in rilievo il dialogo tra passato e presente operando nel contesto della Basilica, ha permesso di allestire le mostre nei suoi due matronei: luoghi segreti e normalmente chiusi al pubblico, ricchi di antiche iscrizioni, reperti, sculture, affreschi e pitture. La volontà di accostare un artista italiano a un artista straniero risponde invece all’esigenza di mettere in luce – accanto alle singole proposte autoriali appositamente pensate per il progetto – percorsi e approcci culturali distinti. La molteplicità delle visioni, delle modalità operative e dei linguaggi espressivi utilizzati dagli artisti chiamati a partecipare (pittura, scultura, video e installazioni), vuole infine mettere in luce una delle caratteristiche della contemporaneità inserendosi quasi naturalmente nella complessità architettonica e artistica della stessa Basilica.
Daniel Knorr e Riccardo Beretta fanno seguito a un’altra coppia di artisti Andrea Kvas e Adrian Paci, protagonisti del primo capitolo di Ogni cosa a suo tempo, concluso il 19 giugno scorso.

Orari: Venerdì e Domenica ore 15-18 .  Sabato ore 10.30-12.30 / 15-18 
Per ulteriori informazioni:  Ufficio Stampa  3201116583  pressbergamo@libero.it 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da curatori della mutua

    ormai le chiese non sono più luoghi sacri per certi personaggi.
    Non è più la Casa del Signore, è invece un luogo spazioso da sfruttare per mostrare “opere d’arte” e sentire sproloqui come quelli scritti nell’articolo:
    A quando l’esposizione della “Rana crocifissa”??
    Cosa dire ancora che non sia già stato detto da altri ben più “attrezzati” di me ?!