BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio fritto, in spiaggia si mangia il riso freddo

In vacanza gli italiani preferiscono la leggerezza senza rinunciare al gusto di alimenti del Belpaese.

Più informazioni su

Arrivano le ferie estive ma per 1 italiano su 3 la linea non va in vacanza anzi, anche in spiaggia, come avvertono i nutrizionisti, e’ alta la possibilita’ di perdere il controllo della propria alimentazione. Ecco quindi che gli italiani quest’anno rinunciano a cibi pesanti e ipercalorici per far posto al nuovo menu’ da spiaggia, l’insalata di riso.
Basta con la parmigiana di melanzane, la pasta al forno e il classico panino con la cotoletta, oggi per 6 italiani su 10 il piatto ideale da consumare sotto l’ombrellone e’ l’insalata di riso. Per ben oltre 1 italiano su 2 la linea durante l’estate, infatti, ha molta importanza e, dopo un anno di lavoro, le abitudini alimentari durante le vacanze cambiano notevolmente e vanno comunque tenute d’occhio. Anche se breve, infatti, 1 italiano su 3 vede l’estate come un periodo delicato in cui e’ facile perdere il controllo dei regimi alimentari. Per questo ad essere abolite sono la quantita’ e le calorie ma senza rinunciare al piacere dei sapori mediterranei e ai gusti tipicamente italiani, come consigliato da importanti nutrizionisti del calibro di Giorgio Calabrese e Andrea Strata. Il piatto dell’estate? L’insalata di riso, consumata preferibilmente in spiaggia e buona compagnia.
E’ quanto emerge da uno studio promosso dal Polli Cooking Lab, il primo osservatorio creato dall’omonima azienda italiana che analizza le tendenze nazionali e internazionali sul mondo dell’alimentazione, su circa 1700 italiani, attraverso un monitoraggio on line di blog, forum, community, volto a verificare come cambieranno le abitudini alimentari degli italiani per quest’estate.
La linea e il benessere vanno monitorati anche in estate e, in villeggiatura, a variare sono le abitudini alimentari. Cosi tra qualita’ e quantita’ l’attenzione si sposta su cibi sani e genuini perché forte e’ il bisogno di mangiare sano e i nutrizionisti avvertono: col caldo e’ opportuno ridurre le calorie
Quanto valore ha la linea e il benessere del corpo in vacanza? La stragrande maggioranza dei monitorati (57%) la ritiene molto importante e solo il 18% non ci fa caso rispondendo che quello che piu’ conta sotto l’ombrellone e’ il relax. Quello che emerge tuttavia e’ che, in vacanza, a cambiare sono le abitudini alimentari. Se i luoghi (33%) e gli orari (41%) rappresentano gli aspetti secondari per 6 su 10 (59%) a variare sono gusto e sapore, mentre 1 su 2 (52%) riduce le calorie. Ecco perché, anche in villeggiatura, quello che non deve venire meno e’ il rispetto di un regime alimentare sano ed equilibrato (51%) e i sapori e i gusti tipicamente mediterranei (61%). Per quali motivi in vacanza si sente il bisogno di mangiare sano? Per 1 italiano su 3 l’estate, anche se breve, e’ un periodo delicato in cui forte e’ il rischio di perdere il controllo della propria alimentazione mentre altri invece (21%) ritengono che con il caldo e’ corretto non esagerare.
E di questo avviso e’ il professor Giorgio Calabrese, noto esperto nutrizionista: “Con il caldo si e’ nella condizione di andare incontro al rischio di disidratarsi. Questo processo porta a una riduzione del glucosio e quindi dell’insulina e, se oltre a cio’ si assumono anche molte calorie l’effetto e’ quello di aumentare il grasso viscerale del corpo”.
Ed ecco perché adesso gli italiani fanno molta attenzione anche ai vari momenti in cui e’ facile cadere in tentazione. Tra i monitorati 1 su 2 (48%) e’ conscio del fatto che ogni momento e’ buono per spizzicare, mentre il 38% degli italiani indica nell’aperitivo il momento tentatore e 1 su 3 (33%) la merenda del pomeriggio.
Anche il professore Andrea Strata, gia’ docente di Nutrizione clinica presso la Facolta’ di Medicina di Parma ammette: “Questa maggiore attenzione negli italiani e’ percepita ed e’ reale cosi’ come questa inversione di tendenza in campo alimentare. La riduzione dell’apporto calorico, a livello clinico, e’ giustificato dal fatto che l’organismo durante il periodo caldo brucia meno energie. Ben venga quindi che gli italiani abbiano preso coscienza dell’importanza del controllo dei regimi alimentari.”
Spiaggia, in compagnia della famiglia, preferibilmente mangiando alimenti italiani Doc. Ecco come gli italiani immaginano il pranzo estivo e il piatto ideale che vogliono consumare sotto l’ombrellone quest’anno e’ l’insalata di riso.
Qual e’ il luogo ideale in cui mangiare? La maggioranza dei monitorati non ha dubbi: 4 su 10 (39%) preferiscono la spiaggia o un posto a ridosso del mare e la compagnia preferita dal 38% e’ la famiglia, e tra i cibi che si vogliono riscoprire troviamo alimenti italiani rigorosamente DOC (31%), ortaggi e verdure fresche (12%) e frutta di stagione elaborata in tutti i modi possibile (10%).
Mentre tra le caratteristiche che devono connotare il piatto gli italiani preferiscono la leggerezza (29%), la freschezza (24%) e la qualita’ (22%), senza pero’ rinunciare al gusto (18%).
Favorevole in tal senso anche il professor Giorgio Calabrese, che ribadisce come “col caldo sia importante nutrirsi soprattutto di cibi freschi, leggeri e dal forte contenuto di fibre, riducendo ma non eliminando del tutto i carboidrati, che sono comunque fondamentali per l’organismo”.
E il piatto ideale che rispecchia queste caratteristiche, e che quest’anno gli italiani consumeranno sotto l’ombrellone, e’ l’insalata di riso, scelta da 6 italiani su 10 (58%), preferita ai cibi piu’ pesanti e ipercalorici. A seguire quindi prosciutto e melone (13%), pasta fredda (11%) e macedonia di frutta (10%). Giu’ invece melanzane alla parmigiana (3%), pasta al forno (2%) e il classico panino con la cotoletta (2%).

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.