BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Una teleferica di troppo sul Monte Canto”

Il consigliere di Villa d'Adda Arrigoni interpella Regione e Provincia sui ritardi nello spostamento della teleferica Italcementi.

Il Consigliere comunale di Villa d’Adda Francesco Arrigoni ha inoltrato una lettera alle autorità della Regione e della Provincia per chiedere spiegazioni sulla rimozione della teleferica Italcementi che attraversa il Parco locale di interesse sovracomunale (PLIS) del Monte Canto. Tale struttura è caduta in disuso a seguito della realizzazione da parte della ditta Italcementi della galleria di collegamento tra lo stabilimento di Calusco d’Adda e le cave di Colle Pedrino. Di conseguenza la multinazionale bergamasca si è impegnata con un accordo a smantellare la vecchia teleferica, diventata ormai superflua.
Quest’operazione è stata pianificata fin dal 2007: il dirigente del settore cave della Provincia di Bergamo aveva confermato l’accordo, allegando la tempistica prevista per l’intervento. Erano state pianificate due fasi: la prima prevedeva la rimozione delle strutture della parte bassa della teleferica, passando poi alla parte alta in un secondo momento in modo da tenerla come alternativa alla galleria in caso di guasto del nastro trasportatore. Il tutto doveva essere fatto in quattro anni: il completamento dello smantellamento del primo tratto della struttura era previsto per il 2010, portando a termine l’opera in maniera totale entro il 2011. Le tempistiche promesse e garantite, però, non sono state rispettate: ad oggi sono stati tolti soltanto i cavi in ferro ed alcuni viadotti, mentre tutti i piloni e cavalcavia in cemento armato – nonché la maggior parte dei viadotti – sono ancora esistenti, deturpando così il paesaggio del Monte Canto. Per questo motivo Francesco Arrigoni – in qualità di Consigliere comunale e di cittadino di Villa d’Adda, uno dei comuni facenti parte del PLIS – chiede alle autorità competenti quando sarà completato effettivamente l’intervento di Italcementi e quali provvedimenti saranno presi a seguito di questo ritardo.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.