BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mamma licenziata, ispezione ministeriale L’azienda: noi corretti e dispiaciuti

Il ministero del Lavoro annuncia un'ispezione e il sottosegretario Musumeci parla di "rigore assolutamente inopportuno". L'azienda: procedura corretta sovrapposta ad un caso umano.

Più informazioni su

Mentre il ministero del Lavoro assume una prima posizione sul licenziamento della mamma bergamasca che si trova ricoverata in stato vegetativo al "Don Orione" di Bergamo, l’azienda che l’ha licenziata pubblica un nuovo comunicato: "La società Nuova Termostampi spa, in merito alla triste vicenda apparsa su diversi media, si dichiara fortemente dispiaciuta che una procedura corretta e di natura esclusivamente contrattuale e giuridica sia stata sovrapposta ad un caso umano drammatico rispetto al quale l’azienda rinnova la solidarietà, peraltro sempre dimostrata negli anni alla famiglia".
Parole inviate ai giornali e firmate dall’amministratore delegato Maria Nella Manzoni. Il comunicato aziendale segue di poche ore le parole del sottosegretario del ministero del Lavoro Nello Musumeci (delega alle Politiche sociali): "Al di là dei rispettivi obblighi contrattuali la condotta dell’azienda appare improntata a un rigido formalismo e ad un rigore assolutamente inopportuni e inadeguati alla tragedia che ha colpito la sfortunata dipendente. La dignità della persona viene prima di ogni profitto d’impresa":

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ombretta mucca carolina

    Corretti formalmente ma sicuramente scorretti moralmente.

  2. Scritto da orcobisorco

    le leggi ad personam non vanno bene se pro Berlusconi , si pro eventuali altri? Mi spiace per il caso personale molto particolare ma se fosse stata a casa perche’ banalmente (per modo do dire) ammalata di Parkinson o altra malattia inabilitante i sindacati avrebbero subito sparato cosi’ la notizia? Comunque per ‘azienda è un apesona assente da oltre un anno e non è a causa loro la situzione della signora.Un conto è il modo un conto è la sostanza, c’è reato? mi sa di no poca delicatezza si…

  3. Scritto da DON

    beh.. se l’azienda è tanto ligia e attenta ad applicare la “legge” per licenziare, di cosa si preoccupa? sicuramente è in regola anche con tutto il resto.. no??
    quindi ben vengano le ispezioni.. e magari pure la finanza

  4. Scritto da CRIS

    Concordo con il commento n. 3.
    Al di là della correttezza giuridica di questo provvedimento, come si fa a scrivere certe cose su una lettera di licenziamento, del tipo contestare a una persona in stato vegetativo la “discontinuità” del servizio?

  5. Scritto da fm

    L’espressione colpisce ma allora, stranezza per stranezza, perché chiedere le FERIE per una persona in coma è normale? Ferie che vengono liquidate se non godute all’atto del licenziamento, e il mantenimento di una persona in stato vegetativo richiede soprattutto soldi. Accendiamo il cervello perché quasi sempre sono i “dettagli” ad aprire squarci sulla “verità”, oltre a quello che ci viene propinato a mezzo stampa. A proposito: BGNEWS complimenti per il “dispiaciuti” fuori contesto nel titolo!

  6. Scritto da memo

    L’azienda prima parla di notizie fuorvianti, poi cambia tono. Se lo avesse fatto nella lettera di licenziamento non ci sarebbe tutto questo can can. Se c’è qualcuno da licenziare sarebbe l’irresponsabile del personale.

  7. Scritto da Elena

    x fm…. concordo a pieno! Inoltre, come mai il marito di questa donna vuole la riassunzione anche se non percepirà più nulla dall’azienza visto che è stato raggiunto il limite massimo indennizzabile di gg di malattia??!! Ho l’impressione che si stia strumentalizzando questo caso facendo leva sulla sensibilità popolare!!! Pensiamoci!!

  8. Scritto da leo cat

    “La dignità della persona viene prima di ogni profitto d’impresa”. Chi lo afferma? Un sottosegretario di Sacconi? Un sottosegretario di quel governo che taglia sanità, pensioni, sgravi alle famiglie ma non riesce a tagliare costi della politica e albi professionali? Qualche volta è meglio tacere, l’azienda ha solo applicato la legge che il sottosegretario dovrebbe conoscere; se la ritiene ingiusta, proponga al Parlamento di cambiarla

  9. Scritto da SERIANO

    Così per curiosità: quanto prende al mese il sotto-segretario Musumeci Nello?

    A quanto ammonterebbe il suo VITALIZIO?

    (VEDI ALTRO ARTICOLO QUI SU BG-NEWS)

  10. Scritto da Rox

    Per Leo cat L’azienda avrà applicato anche la legge ma hai letto la lettera? Come si fa a dire ad una persona in coma che “la discontinuità della sua prestazione lavorativa crea evidenti intralci all’attività produttiva” ? Ci mancava solo che aggiungessero fannullona…. complimenti per la delicatezza signor amministratore delegato

  11. Scritto da T.R.

    L’azienda applica la legge e rispetta il contratto collettivo nazionale del lavoro…e il ministero cosa fa? Va a fare ispezioni a spese nostre!!! Le altre aziende invece che non rispettano leggi e sicurezza sul lavoro continuano ad andare avanti…

  12. Scritto da anonimo

    Un azienda non è un ricovero…!
    Lo stato deve pensare a questi casi..!