BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Fofana ha il morale a terra Chiederemo i danni alla Federazione”

Il vicepresidente della societ?? orobica commenta l'esclusione dell'atleta ai campionati europei juniores a causa di un errore della Fidal: "E pensare che il ragazzo si trovava da giorni al raduno con la Nazionale".

Più informazioni su

“Posso dire che c’è molta amarezza”. Il vicepresidente dell’Atletica Bergamo ’59 e presidente della Fidal provinciale, Dante Acerbis, è deluso, deluso dalla mancanza di solerzia da parte della Federazione Italiana di Atletica Leggera che, a causa di un proprio errore, impedirà ad un suo tesserato, Hassane Fofana di gareggiare ai campionati europei juniores. Un appuntamento importante per un atleta importante non solo nel panorama orobico, ma anche in quello nazionale come dimostra il primato italiano detenuto nei 110hs.
Che ha combinato la Federazione? Semplicemente non ha inoltrato alla Federazione Internazionale (Iaaf) l’avvenuta pratica di cittadinanza nonostante i sette mesi a disposizione. Dimenticanza? Lentezza? Poco importa: senza pratica, ciao ciao campionati europei. “Il ragazzo, che è nato e cresciuto in Italia, ha ottenuto il certificato lo scorso anno e noi l’abbiamo tesserato come italiano dal primo gennaio e comunicato immediatamente alla Federazione”, le parole di Acerbis.
“Sia ben chiaro, io non do la colpa a nessuno di specifico, ma è ovvio che qualcuno ha sbagliato, che qualcuno ha commesso una leggerezza, ed è per questo che chiederemo i danni – prosegue il rappresentante dell’Atletica Bergamo – perché abbiamo subìto un danno all’immagine anche nei confronti dei nostri sponsor. Non sappiamo ancora come muoverci operativamente, ma vogliamo tutelarci”.
Un brutto colpo – ovviamente – anche per l’atleta che si trovava in raduno con la Nazionale per preparare la competizione; mercoledì sera la brutta notizia, giovedì l’addio ai compagni azzurri. “Hassane ha il morale a terra perché gli è stata tolta la possibilità di mettersi in mostra, di vincere, di ottenere punteggi importanti necessari per ambire ad entrare nei corpi militari e diventare un professionista”.
Per inciso, la Iaaf ha dato una stretta alle norme che regolano la cittadinanza dopo i casi degli scorsi anni di atleti che gareggiavano, dietro compensi, per nazioni diverse da quelle di origine. Paletti rispettati in pieno dalla società bergamasca; paletti che, come dimostrano i fatti, non sono stati schivati dalla Federazione Italiana.

ATLETICA BERGAMO La Federazione si dimentica la pratica, Fofana non potrà andare agli Europei

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pippo1907

    le federazioni servono soldi a prendere i soldi delle varie società sportive vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!