I bergamaschi

Ecco il vitalizio degli ex parlamentari Pandolfi record: 9512 euro al mese

L'Espresso fa i conti in tasca agli ex parlamentari in base agli anni di contributi versati. Il record bergamasco all'ex deputato e ministro Dc. Segue Bonalumi a 9387. Poi Beppe Crippa (4725) e altri. C'?? anche un'ex conoscenza orobica: Stefano Rossattini.

L’Espresso fa i conti in tasca agli ex parlamentari italiani che ogni mese incassano il cosìddetto vitalizio, vale a dire la pensione basata sugli anni di anzianità tra Camera e Senato. E ne vengono fuori delle belle, anche per i bergamaschi.
Secondo i calcoli del settimanale non mancano infatti, su 2238 deputati che godono del vitalizio, anche i bergamaschi. Su tutti l’ex deputato e anche ministro della Democrazia Cristiana, Filippo Maria Pandolfi, che secondo la rivista dell’omonimo gruppo editoriale, incassa qualcosa come 9512 euro al mese, dopo 26 anni di contributi. Segue, non staccato di molto, l’ex senatore della Balena Bianca, ed ex sottosegretario, Gilberto Bonalumi, a 9387 euro mensili (25 anni). Ed è ancora un senatore Dc, con 15 anni di contributi, a incassare non poco: assegno da 6590 euro al mese per Vincenzo Bombardieri, storico sindacalista Cisl alla Dalmine.
Nell’elenco dell’Espresso non vengono indicati i vitalizi destinati alle famiglie dei deputati e dei senatori scomparsi. E c’è anche da specificare che non sempre, gli anni di anzianità indicati, sono quelli di reale permanenza in Parlamento. C’è stato infatti chi ha coperto di tasca sua alcuni anni di contributi, per arrivare ad avere il vitalizio. Infine, l’assegno scatta dopo i 65 anni di età. E i bergamaschi non mancano.
Non può certo lamentarsi dell’assegno vitalizio anche un deputato non bergamasco, ma in passato eletto in terra bergamasca, ovvero Giancarlo Pagliarini, a 8455 euro al mese. E non va male per gli ex Pci Valentina Lanfranchi, 4725 euro al mese dopo 10 anni di anzianità, e Beppe Crippa, 4725 euro al mese. Stessa cifra per il verde Giancarlo Salvoldi, in Parlamento dall’87 al 1992, poi rientrato per pochi mesi tra il 1994 e il 1995. Buon numero di bergamaschi, infine, a 3108 euro al mese: tra loro Giuliana Reduzzi, ex sindaco di Ponte San Pietro, Giancarlo Zilio, eletto in Senato nel 2001, Beppe Facchetti, liberale, candidato per il centrosinistra alla presidenza della Provincia nel 2004, Vittorio Pessina, eletto per Forza Italia, e l’ex conoscenza orobica Stefano Rossattini, già direttore generale dell’Asl e poi degli Ospedali Riuniti.

Link – Il sito Free Italy pubblica l’elenco integrale de "L’Espresso"

Link – La pagina de "L’Espresso"(Kataweb) che offre la ricerca dei vitalizi

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI