BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Come misuriamo la dignit?? e l’umanit?? del lavoro”

Il commento di Ferdinando Piccinini, segretario provinciale della Cisl, sul caso della donna in coma licenziata.

Pubblichiamo l’intervento di Ferdinando Piccinini, segretario provinciale della Cisl, in merito al caso della donna in coma licenziata.

"La vicenda della lavoratrice in coma che è stata licenziata dall’azienda per scadenza dei termini di malattia è talmente grave per il segnale di disumanità che assume, che va ben oltre il confronto sui termini normativi contrattuali e legislativi che hanno portato l’azienda a questa irresponsabile decisione. E’ un indicatore di dove può arrivare una concezione puramente economicista dell’impresa che considera le persone semplicemente alla stregua di “mezzi” di produzione, togliendo quindi al lavoro la sua dimensione più importante e profonda: quella di umanità.
La persona umana, scrive il nostro Vescovo Francesco Beschi nella lettera che ha dato inizio alle iniziative del convegno ecclesiale su economia e lavoro, non può essere ridotta semplicemente a una risorsa, non è solo la risorsa decisiva, ma il criterio di giudizio della bontà stessa del lavoro.
Certo, questa vicenda è balzata alle prime pagine dei giornali per l’evidente drammaticità della situazione della lavoratrici, del marito e della famiglia e della scelta dell’azienda priva di ogni minima attenzione alla persona. Ma deve richiamare a una riflessione più complessiva sulle molteplici situazioni di sofferenza e di disumanità nella realtà lavorativa che riscontriamo quotidianamente. Vi è in questo un’azione sindacale quotidiana e sommersa, che non fa notizia, tesa a dare risposta alle tante situazioni di sofferenza, in modo particolare nell’aiuto di chi ammalato gravemente si trova a fare i conti anche con il rischio di perdere il lavoro per l’esaurimento dei periodi contrattuali di conservazione del posto di lavoro.
V sono anche molte situazioni dove l’impresa (grande, ma anche e soprattutto piccola) risponde con responsabilità e forte sensibilità a queste situazioni. Ma occorre porre all’attenzione collettiva che un grado più alto di civiltà e di umanità del lavoro è dato dalla capacità di tutti i soggetti collettivi e istituzionali di dare risposte e tutele a queste situazioni. Si è parlato molto di assenteismo, di chi sfrutta egoisticamente le norme contrattuali sulla malattia che va contrastato, occorre con la stessa enfasi parlare e affrontare il tema di una nuova responsabilità delle imprese e di tutte le parti sociali verso i più deboli, di chi ha la “sfortuna” di essere in una condizione critica nella propria vita per una grave malattia che per tanti altri eventi, e che il lavoro può e deve rappresentare la possibilità di speranza e di crescita per il futuro.
E’ da questo che misuriamo effettivamente la dignità e l’umanità del lavoro".

Ferdinando Piccinini
Segretario generale CISL Bergamo
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rizzetta

    Chiedilo a Brunetta come si da dignità e umanità ai lavoratori…Infermieri, Vigili del Fuoco, Poliziotti, definiti FANNULLONI.
    Contratti bloccati fino al 2014….Chiedilo a Brunetta cosa avrebbe fatto in un simile caso!

  2. Scritto da leo cat

    Le aziende e taluni sindacati, considerano i lavoratori come pecore da tosare. Sappia Piccinini, che le chiacchiere non bastano più. E’ grazie a gente come lui se negli ultimi 10 anni i salari sono dimuiniti e i diritti dei giovani azzerati. E’ grazie a gente come lui se la pensione, invece di avvicinarsi si allontana. E’ grazie a gente come lui se dovrò versare il 33% del lordo in contributi x 1 anno e tre mesi in cambio di niente. .