BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Wwf e Cai, diffida e un secco no ai campionati di enduro a Casazza

L'associazione, la sottosezione Cai di Trescore e Legambiente si schierano contro le autorizzazioni per la manifestazione sportiva del 16 e 17 luglio, che interesser?? cinque Comuni. "Poco rispetto del territorio".

Più informazioni su

"Queste sono zone particolarmente fragili e sensibili ad ogni pur modesta modifica del territorio che, se anche al momento si presentano integre, possono facilmente evolvere verso una situazione di dissesto difficilmente recuperabili quando vengano sottoposte a rottura della cotica erbosa, o all’asportazione di parte del suolo, come è lecito attendersi come conseguenza di manifestazioni sportive come quella in esame": è un passaggio dell’atto di diffida inviato da Wwf Bergamo, Cai di Trescore Balneario, Legambiente Valcavallina e circolo Sel della Valcavallina, alla Comunità montana dei Laghi bergamaschi, al sindaco di Casazza e di altri cinque Comuni della zona, per opporsi all’organizzazione e in particolare al tracciato dei campionati di enduro assoluti d’Italia, in programma il 16 e il 17 luglio.
Una manifestazione sportiva importante per gli appassionati di motociclismo, che dovrebbe toccare i Comuni di Adrara San Martino, Casazza, Grone, Monasterolo del Castello, Bianzano, Gaverina Terme. Nell’atto di diffida, che punta a far modificare il percorso attualmente previsto per gli assoluti, si sottolinea che già a fine giugno la Comunità montana dei Laghi bergamaschi aveva avuto perplessità ad autorizzare il percorso richiesto dagli organizzatori. "Ma la documentazione non è stata poi comunque aggiornata al nuovo percorso". Lo stesso atto sostiene che gli organizzatori sono stati superficiali nel preparare "l’inquadramento geologico" della manifestazione, che "sembra un mero esercizio accademico in grado di riportare solo dati bibliografici sul territorio".
Si chiude con una richiesta piuttosto perentoria: "Formale diffida alle Amministrazioni in indirizzo, secondo le rispettive competenze, affinchè non autorizzino la manifestazione agonistica in oggetto, ovvero apportino in tempo utile tutte le modifiche dei tracciati atte a ripristinare un legale e sostenibile esercizio della manifestazione, riservandosi in difetto di ricorrere nelle più competenti sedi giudiziarie per la tutela degli interessi diffusi di cui sono portatori".

Apri e scarica in formato pdf il documento integrale di diffida

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da motocross

    chi ha stabilito che il wwf e il cai siano i padroni delle montagne? il primo pure dei mari, dei laghi ecc!!! VERGOGNA comunità montane capapci solo di prendere soldi dalle regioni per smazzarseli fra loro, e chi non apprezza la montagna a piedi ma in moto? chi caxxo sono questi quà per dire no? chi li ha eletti proprietari di cosa di tutti!? fanculo cai e wwf che rompono le balle per un motorino e chiudono gli occhi alle discariche a cielo aperto…

  2. Scritto da amolamoto

    piste di motocross sparite piste di go kart linitate, enduro manco a parlarne, mulattiere rischi la testa ( si ci sono pazzi che tirano i fili di accioio da parte a parte) E pure gli appassionati ci sono e si trova obbligati a farlo su strada in modo quotidiano mettendo a rischio tutti, non è meglio adeguare degli spazi per tutti? piste di kart per chi ama la pista, sentieri studiati e in periodi dell’anno per l’enduro se poi fate anche pagare qualcosa che serve per ripianare nessuno si tira ind

  3. Scritto da edoardo

    Cosa c’entra, costruire o sparare ad animali o addirittura persone?
    come esempio mi sembra un TANTINO esagerato. Se questo é il metro di paragone applicato, allora stiamo a posto.

  4. Scritto da Gamba

    Sparare alle persone non è un po esagerato?In ogni casocacciano animali che poi mangiamo e magari proprio in un rifugio quindi ne siamo colpevoli tutti….e in ogni caso nel costruire ne uccidi molto di più(una strada per un ecosistema è devastante)e la massa di gente che i WE invade le montagne ne disturba il doppio.Io non parlo di morale parlo di fatti.La prima su cui si dovrebbe fare una valutazione di impatto ambientale è il cai. Ne salterebbero fuori delle belle

  5. Scritto da Gamba

    Il discorso è che ne cai ne wwf hanno voce in capitolo…..e nel caso del cai converebbe star zitti perchè tra rifugi,ferrate e relativa gente mobilitata compromettono il territorio 10 volte più di cacciatori e motociclisti messi insieme.il danno causato dalla moto alla fine è un po di rumore,inquinamento(molto poco).i sentieri dopo le gare vengono sistemati.le strade d’asfalto costruite per arrivare ai rifugi invece rimangono.il problema è che il CAI è una lobby

  6. Scritto da edoardo

    X fausto. Le medesime limitazioni di utilizzo dei sentieri alle moto, si stanno estendendo in molti posti anche alle MTB accusate dei medesimi “misfatti” con motivazioni analoghe a quelle ora applicate per l’enduro. In merito allo SFRECCIARE poi, resto in attesa della necessità di frenare improvvisamente di fronte ad un ostacolo, magari una famiglia a passeggio. Ti sarà allora chiaro il concetto di attrito e freno motore, con la speranza che tu non si faccia male nessuno.

  7. Scritto da Fabio

    Dietro alle moto c’è un mondo economico fatto di migliaia di famiglie dei cui proventi ci pagano il mutuo! (circa 80.000 addetti)…ostacolare e/o vietare questo sport e tutti gli sport motorizzati che non utilizzano strade asfaltate creerebbe solo tanta disoccupazione in più che in questo momento proprio non serve…chi pratica questi sport, che di solito sono padri di famiglia che lavorano tutta la settimana e non delinquenti! chiedono solo regole e tolleranza nel rispetto reciproco.

  8. Scritto da cambiare cultura x cambiare soprt

    caro Renzo non ci vuole un genio per risponderti…
    se il terreno è di tua proprietà pensi significhi che li non vige la legge?? pensi di poter costrurci liberamnte un grattacielo o di poter sparare ad capriolo passeggia che ci passeggia?
    per una gara motoristica fuori tracciato stradale servono valutazioni serie di professionisti seri!

  9. Scritto da francesco

    Gare in montagna in moto: robe da vecchi in un Paese per vecchi.

  10. Scritto da Enrico

    @12 Talpa
    E’ per questo che alle olimpiadi non ci sono gare di enduro? per il joystick?
    @13 Barba
    Nel mondo che ti sei costruito su misura (molto ridotta), probabilmente non si va oltre alla domenica sul divano col telecomando…che tristezza.

  11. Scritto da si ai boschi no alle moto

    Andare in moto è uno sport come è uno sport andare al centro commerciale a fare shopping….uno sport per chi non ha voglia di sudare

  12. Scritto da renzo

    se semini il prodotto di scarto dei fienili (in dialetto lo chiamiamo “abièn”), ristabilisci la biodiversità.
    come è sempre stato fatto.
    senza manti erbosi preconfezionati.
    nessuno però ha risposto a julius:
    3 – se il privato accetta di fare una prova speciale nel suo prato, che diritto hanno questi signori di impedirlo?

  13. Scritto da manuel

    andare in moto significa non sudare?terribile commento……………..

  14. Scritto da Alberto

    be se parliamo dei danni provocati dal passaggio di moto parliamo anche di quelli causati dal cai….pensate solo ai suoi rifugi .Per costruirli si distrugge irrimediabilmente un sacco di territorio,per farli raggiungere da pseudoalpinisti(ovvero automobilisti)si cotruiscono strade d’asfalto che compromettono ecosistema e causano frane,in più tutte le auto che i sabati e le domeniche le percorrono inquinano il triplo e pesano 15 volte una moto.in più il cai sui rifugi lucra.fate voi

  15. Scritto da fausto

    Ma non prendiamoci in giro, i motociclisti vanno in giro tutto l’anno per i boschi, i sentieri sono tutti rovinati con un solco in mezzo, che fa cadere chi come me vorrebbe sfrecciarci in mtb senza fare rumore, senza fare scappare gli animali e senza inquinare. Ho avuto la possibilita’ di fare enduro in vita mia, mi piaceva anche, poi ho capito che e’ un danno per i boschi, e sono passato alla mtb. Un passo indietro mai eh? Dai motociclisti! Difendete l’indifendibile e volete pure avere ragione.

  16. Scritto da balos

    … tutto si può fare con le dovute cautele con il risistemare le cose… ma certi talebani sono contro tutto e poi ci si lamente del perchè la città muore…
    A curno un sindaco proibisce l’orario serale alla pista di kart perchè infastidisce qualche vecchietta… i verdi e il wwf bloccano un campionato di enduro siamo alla frutta tutti a dire no…

  17. Scritto da stefano b.

    no al cemento e all’asfalto, che non ci si muove più dal traffico qui da noi, ma chissà come mai i PGT pensano solo ad ampliare le zone edificabili quando le strade non reggono ormai più le vetture dei benpensanti della domenica.
    meno doppie case in montagna, meno rifugi, meno piste da sci che disboscano le montagne che portano tutti solo traffico.
    hanno spianato tutto con strade, palazzoni e centri commerciali e l’hanno chiamato ordine.
    lasciate andare le poche moto che ancora ci sono.

  18. Scritto da Giuseppe Bonardi

    Dagli ai motociclisti, sono obbiettivi facili.
    Sempre dare addosso ai deboli, grande regola di vita !!
    Perchè alla fine l’intolleranza porta comunque qualche frutto: bravo cai e bravo wwf.
    Mi raccomando però: zitti e muti quando si tratta invece di interessi veri, di soldi che girano.

  19. Scritto da edoardo

    Come in politica, si fa maggior rumore dove si fa più notizia per darsi maggiore importanza- ROVINARE una manifestazione sportiva di rilievo per farsi pubblicità, questa é la vera motivazione.
    Il CAI poi continuerò a patrocinare la pratica dello sci DI MASSA con MIGLIA di persone che vanno IN AUTO su ex sentieri ora ASFALTATI che occorrono per raggiungere delle splendide piste da sci realizzate disboscando e spianando le montagne…e poi si preoccupano di qualche moto ogni tanto. POLITICI

  20. Scritto da moto=ragazzini di 15 anni

    Ma cosa spinge degli adulti a comportarsi come dei ragazzini ammorbando i boschi con le loro motorette ?

  21. Scritto da marco

    I soliti rompi.. verdi e comunisti!

  22. Scritto da x moto=ragazzini di 15 anni

    Che commento!
    cosa spinge i ciclisti la domenica ad invadere le strade !!!
    cosa spinge uno spettatore nel rimanere 2 ore magari sotto la pioggia per vedere 22 uomini che rincorrono un pallone !!!
    cosa spinge un pugile a fare a botte sul ring con l’avversario !!!
    Premesso che io capisco gli appassionati di qualsiasi sport e quindi anche chi pratica enduro….posso solo dire viva lo sport e viva l’enduro!!

  23. Scritto da bepun

    bergamo che ha dato tanti campioni all Italia quando l’enduro era regolarita’ si comporta cosi? mi rendo conto che anche con queste reazioni chiudiamo un altro storico capitolo dello sport bergamasco….. poveri noi!! forza mc bergamo reagiamo ….basta a sti rompi … di verdi verdolini

  24. Scritto da GIUSTO !!!!

    Giusto !! mandiamo anche loro a Brescia insieme alla Foppa….poi magari ci infiliamo anche i Lions e l’Atalanta cosi poi potremo goderci delle tranquille domeniche ….Viva l’Itaglia e il provincialismo

  25. Scritto da julius

    se non sei mai salito in moto, non puoi capire.
    ma cosa spinge gli adulti a credere di essere gli unici depositari della verità? nel mondo c’è posto per tutti, con un minimo di equilibrio

  26. Scritto da angelo

    Concordo con il CAI e il WWF.
    Ma anche andassero solo sulla strada, quale inquinamento (gas di scarico e rumore) producono: a mio avviso elevato.

  27. Scritto da 76

    e cosi si perde un’altra manifestazione importante a livello nazionale (poi mi raccomando “squartiamo” la montagna x far sciare la gente in un tubo) anche queste sono offerte di turismo, per portare gente nella bergamasca e far conoscere luoghi e natura.. nn sono queste manifestazioni ad uccidere l’ambiente (specie in val cavallina) ci fosse più equilibrio, meno protagonismo e più oggettività in certe scelte.. poi naturalmente edifichiamo ogni m2 lungo la provinciale e il lago, COMPLIMENTI

  28. Scritto da Mitiar1

    Formale diffida? E chi sono per diffidare? Premetto che non sono appassionato di enduro… Ma 3 giorni su 365 non possono lasciare segni permanenti… Oppure cancelliamo tutti i sentieri di montagna che, quelli si, sono permanenti e alterano ecc ecc ecc…. Va bene dare visibilità a chi protesta… Ma non esageriamo :) ogni protesta di quattro gatti e per i motivi piu’ banali sembra una necessita’ per la comunità …..

  29. Scritto da Pluto

    Invece le 100.000 vetture di quelli che risalgono i 70 km della ValleSeriana per ammirare le cascate del Serio, quelle sono primule e rose… Che non inquinano per nulla!?

  30. Scritto da marco

    Sport è uno che corre, lancia, tira, fa qualcosa con il corpo. Se andare in moto è sport allora anche io che vado al lavoro in Tangenziale faccio sport. L’enduro va a Brescia? Che vada, a chi è mai fregato qualcosa a parte quei quattro gatti che lo praticano?

  31. Scritto da Talpa

    x marco: se in vita tua avessi non dico provato a giudare una moto su un percorso di enduro, ma anche solo visto una gara di enduro, ti renderesti conto da solo di come il paragone con la guida in tangenziale sia ridicolo.
    “Sport è uno che fa qualcosa con il corpo”: secondo te con cosa si guida una moto da enduro, con il joystick?

  32. Scritto da Barba

    Invece i gitanti sudaticci e ululanti che lasciano in giro gli avanzi dei loro tristi pic nic nei boschi e nei prati non rovinano il delicato ecosistema. E che dire dei biciclettari che sfrecciano travestiti da Paperinik.

  33. Scritto da ottopier

    Come al solito se non interessa a me non s’ha da fare . Vince sempre il partito del no , mentre se devo lanciare palloncini di di plastica con scritto pace o wwf tutto va bene. Questi dove vanno ? non inquinano ?

  34. Scritto da lisa

    in questi giorni sia il casazza sia altri moto club
    tra cui il mio stanno ripristindo i sentieri (completamente abbandonati) io in trent’anni non ho mai incontrato un verde o uno del wwf con la pala in mano o a spostare le piante morte da anni.
    siete in pochi ma se perdete voti forse un motivo c’e

  35. Scritto da julius

    nella diffida, tra le altre cose faziose, i signori si preoccupano della cotica erbosa che, una volta estirpata, non crescerebbe più…
    pazzesco.
    per informazione è utile sapere che:
    1 – dalla semina alla ricrescita passano circa 40 giorni
    2 – l’anno dopo la ricrescita, nel prato, non si distingue più il tracciato dal resto dell’erba
    3 – se il privato accetta di fare una prova speciale nel suo prato, che diritto hanno questi signori di impedirlo?

  36. Scritto da Stefano

    L’importante è che chi utilizza i sentieri per l’enduro poi li rimetta a posto, colando le buche e i solchi che inevitabilmente vengono lasciati dopo il passaggio delle moto. Punto. Se i moto club sono disposti a fare questo, avanti! Perchè se li ripristinano solo a loro uso e consumo e poi li lasciano malandati… allora meglio che stiano a casa, loro e i loro appassionati.

  37. Scritto da Flaminio

    E’ anche per queste prese di posizione che da anni non sono più iscritto all WWF ma a Greenpeace che si interessa di cose di ben maggior rilievo….

  38. Scritto da minghia la mmmoto

    Sono convinto che fra 30 anni si guarderà a chi andava nei boschi col motocross come a quelli che fumavano nei cinema e negli ospedali…

  39. Scritto da baggianate

    una cotica erbosa naturale, con tutta la biodiversità che racchiude, impiega diversi anni per ristabilirsi dopo il passaggio di 200 motocicli…
    se la conoscenza della flora di chi scrive si limita all’equazione filo verde = erba allora la informo che sono in vendita anche manti erbosi preconfezionati prontoeffetto.. altro che 40 giorni!!

  40. Scritto da G.Comi

    @Flaminio: del tipo….?!