BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Biotestamento, i deputati orobici: “Era meglio non avere questa legge”

C'?? chi ha votato a favore e chi contro, ma alla fine il giudizio ?? unanime: "Era meglio non legiferare su una materia cos?? delicata"

Più informazioni su

La Camera ha approvato il ddl sul biotestamento con 278 sì, 205 no e 7 astenuti. Tra questi numeri ci sono anche gli onorevoli bergamaschi che, nonostante il voto segreto non si nascondono. Favorevoli e contrari, ma tutti sullo stesso fronte: "Era meglio non legiferare su una materia così delicata".
“Ho votato a favore di questa legge, anche se si sarebbe potuto fare a meno se la magistratura non fosse entrata a gamba tesa nel merito di un problema che doveva rimanere nella sfera privata tra medico e paziente – afferma Gregorio Fontana, Pdl -. Con questa legge siamo andati a normare una situazione che lasciava ampio margine alla magistratura di emettere sentenze, come quella della Englaro, che entravano nel merito di una situazione molto personale e delicata. Mi auguro che questi punti fermi possano essere d’aiuto a chi vive una sofferenza”.
Indisposto per motivi di salute l’on. Ettore Pirovano, Lega, non ha potuto essere a Roma ma è lapidario: "Io non avrei votato questa legge. Da anni credo che la legge non possa codificare l’etica e la morale. Il libero arbitrio di ogni essere umano non può essere codificato da una legge".
A favore della legge si è espressa anche l’Udc. L’on. Savino Pezzotta però fa dei distinguo: “Non nascondo che ho votato a favore di alcuni articoli e contro altri. Alla fine ho votato per la legge perché mi sembrava che in questa situazione, dopo il caso Englaro, non fosse opportuno lasciare un vuoto normativo. Onestamente però credo che fosse meglio non avere una legge”.
“Ero contrario e ho votato contro questa legge – spiega l’onorevole Sergio Piffari , dell’Italia dei Valori -. È una forzatura, non si può legiferare solamente per ripicche o per lesa maestà. E’ una legge che stravolge il concetto di libertà della persona, della libertà di coscienza e della laicità dello Stato. I tribunali saranno chiamati in causa di nuovo perché in molti solleveranno l’incostituzionalità di questa legge. È mancato il buon sensi, indispensabile per chi deve legiferare, perché in momenti così dolorosi, privati e personali, che toccano la propria coscienza, lo Stato deve saper tenere una giusta distanza e non forzare la mano”.
Sulla stessa linea anche l’on. Antonio Misiani del Pd: “Abbiamo votato contro, anche se era meglio non legiferare. Ritengo che la politica e le istituzioni su terreni così delicati, come il confine tra la vita e la morte, non debbano esprimersi con le leggi. È una legge che fa fare un passo indietro all’Italia rispetto agli altri paesi europei. Ha un impianto culturale che rispettiamo, ma che non rappresenta la coerenza di quelle libertà e laicità che deve avere uno Stato moderno. Di fatto, su temi così delicati che toccano la sfera privata dei cittadini e il rapporto tra medico e paziente è meglio astenersi”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da walter semperboni

    Caro Phantomas,io parlo per cognizione,una mia Zia morta da poco ha avuto un incidente a vent’anni,appena sposata ed ha fatto vent’anni in stato vegetativo;sei mesi prima è morto per infarto Suo Marito,non è che magari Lei non riuscisse a farsi capire ma una cognizione l’aveva visto che poco dopo ha seguito il marito;certo il togliere la spina da meno peso e meno problemi!!!

  2. Scritto da luciano015

    Basta lasciar detto ai famigliari di farsi trasportare in una clinica in svizzera.
    A proposito, per i cattolici: se per voi la vita è un dono, che razza di dono è, se poi uno non ne può disporre a suo piacimento? Vi bevete proprio tutto.

  3. Scritto da luciano015

    Incidentalmente, per tutti i sostenitori degli Stati islamo-cattolici: potete mettere tutte le corde che volete, ma se non vi sforzate a convincere la gente, non la tratterrete con queste trovate.
    E ai farisei che hanno votato a favore, ricordo la storia del “pentere e volere che insiem non puossi, per la contraddizion che nol consente”.
    Ma come chiedere logica a quelli che sostenevano di credere alla storia della nipote di Mubarak? Questi sono disposti a tutto.

  4. Scritto da Pierluigi Toccagni

    Chi ha assistito gli ultimi giorni o settimane di vita di una persona resta attonito di fronte a questa quasi legge e, soprattutto, ai commenti dei parlamentari: il moribondo cosciente rifiuta l’accanimento terapeutico in qualsiasi forma e familiari, medici e religiosi rispettano tali volontà. Questo sereno stato di cose è qui alterato da fattori tecno-tecnologici e interessi medico-commerciali: lo sfruttamento già si vede nella pessima gestione del “consenso informato”; ora anche nel fine vita.

  5. Scritto da MaLo

    Voglio uno stato laico!
    Ho avuto il cancro, non so se ne sono fuori, ma la mia paura è di restare giorni per non dire settimane ad aspettare la morte fra dolori atroci, senza nessuna speranza.

  6. Scritto da walter semperboni

    la vita caro il mio piffari,va difesa in qualunque momento e a qualunque costo; il problema è che ai Famigliari che vivono questa sofferenza,bisogna assicurare con incentivi di poter curare il loro congiunto a casa propria dando risorse e macchinari,questo debbono assicurare le istituzioni

  7. Scritto da menny

    prima votano, poi si dissociano.. solito copione.

  8. Scritto da "Non col vento"

    Per fortuna possiamo andare in Svizzera!

  9. Scritto da Phantomas

    Walter , se mi lasci lì per 10 anni , 24 ore su 24, prigioniero del mio involucro, poi vengo a farti catigulì di notte.

  10. Scritto da 76

    “era meglio nn votare” .. ma chi ha votato ha sbagliato!! Siamo ancora succubi della chiesa, non sono libero di morire come voglio, paese del terzo mondo!!

  11. Scritto da zio beppe

    Chi dice che staccare la macchina significa uccidere o andare contro il volere di Dio, allora mi domando come mai nessuno si è ancora posto la domanda se allungo la vita ad una persona attaccandola ad una macchina non vado contro il volere di Dio? Del mio corpo devo esserne padrone e nessuno può scegliere per me!

  12. Scritto da Sgherro

    quanta inettitudine….