BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La Lega sostenitrice delle tradizioni E perch?? non salva la cascina di citt???”

Il consigliere comunale a Bergamo per la Lista Bruni, si rivolge alla Lega che non ha sostenuto la proposta di salvare l'ultima cascina in citt?? e farne un museo.

Simone Paganoni, consigliere comunale a Bergamo per la Lista Bruni, interpella la Lega: perché non ha sostenuto la proposta di salvare l’ultima cascina in città e farne un museo visto che da sempre il partito di Bossi dichiara di sostenere le tradizioni locali? 

Settimana scorsa, in Consiglio Comunale, abbiamo votato l’alienazione (la vendita) di alcuni immobili di proprietà comunale che l’attuale amministrazione non ritiene più necessario conservare. Fra queste mi ha subito colpito la vendita di una cascina posta in una laterale di via Serassi, a poche centinaia di metri dal centro cittadino. L’ultima cascina rimasta in posizione così centrale e l’unica di proprietà comunale.
Prima di votare ho quindi deciso di fare un sopralluogo (cosa che non ha fatto nessun consigliere della Lega Nord) e, grazie alla gentilezza di colui che attualmente l’affitta, ho potuto anche visitare l’interno dell’immobile. All’interno della cascina non vi è nulla di pregio sotto l’aspetto della conservazione delle belle arti, tuttavia, nonostante sia ormai circondata da strade, aziende e magazzini, la cascina mantiene intatto il suo antico (e proprio di antico si tratta visto che già il bisnonno dell’attuale affittuario la abitava e ci lavorava) calore e sapore di cascina con i balconi in legno a cui veniva appeso il granoturco, le stalle, la stanza in cui venivano fatti crescere i bachi da seta, l’aia in cui probabilmente un tempo la famiglia si riuniva per la trebbiatura del grano o per la “festa granda” quando arrivava il norcino per l’uccisione del maiale, il fienile e anche quattro o cinque vecchi (ma ben conservati) trattori risalenti alla prima metà del ‘900.
La mente è subito andata alla Lega, nella quale avrei potuto trovare un “alleato” per la mia proposta di non vendere questo immobile (dalla cui vendita il Comune prenderà davvero molto poco), ristrutturarlo (magari grazie al contributo di qualche privato, ad esempio una banca) e poter così realizzare anche a Bergamo un museo della civiltà contadina dei primi del ‘900. Un museo che a Bergamo manca e che costringe ogni anno le scolaresche a perdere un intera giornata di scuola, affittare e pagare degli autobus per recarsi a Zogno dove è presente un eccellente museo che tuttavia paga lo scotto di non trovarsi all’interno di una vera cascina (come anche i musei di Verdello o di Almenno San Bartolomeo) che fa perdere al visitatore gran parte della magia e dell’atmosfera che si respirava ai quei tempi. La realizzazione di un museo in città (per la quale ho dichiarato in Consiglio ci sarebbero già dei donatori disponibili a regalare centinaia di oggetti antichi) aiuterebbe le giovani generazioni a far rivivere la difficile vita quotidiana fatta di duro lavoro, fatica, pochi svaghi ma anche di contatto umano, storie e aiuto reciproco che caratterizzavano la vita dei nostri nonni non più di 100 anni fa. Gioverebbe anche alle persone non più giovani per poter rivivere quei momenti e ad entrambe le generazioni per confrontarsi e raccontarsi. Sarebbe inoltre un modo per poter raccogliere, restaurare e conservare molti oggetti antichi che oggi, invece, vengono spesso buttati e persi per sempre.
Purtroppo e con mia grande sorpresa, invece, al termine del mio intervento / proposta, non uno dei consiglieri della Lega ha preso la parola per condividere questa proposta, pensata e voluta per mantenere vive le nostre tradizioni e, compatti, hanno votato, in un assordante silenzio, per la vendita di questa preziosa e antica cascina. Davvero deluso e rammaricato mi chiedo cosa sia e cosa voglia realmente la Lega Nord: possibile che le tradizioni che dice di voler salvaguardare siano solo i simboli di partito nelle scuole (vedi Adro), i cartelli con scritto “Berghém” o i proclami urlati dei prati di Pontida ? Per una volta (o quantomeno la prima negli ultimi 12 anni, da quando sono stato eletto) che arriva in Consiglio Comunale la proposta di salvare dalla speculazione edilizia (e per di più per raggranellare pochi soldi) un pezzo della nostra storia (a costo zero per il comune) e realizzare un museo in cui conservare gli oggetti utilizzati a Bergamo dai nostri avi e unire altre piccole realtà che in questi anni si sono spese per raccogliere testimonianze (anche orali) della vita quotidiana di persone oggi anziane, la Lega fa scena muta e vota contro? Perché sprecare questa ultima possibilità ? Non riesco proprio a farmene una ragione.

Simone Paganoni
consigliere comunale di Bergamo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alfredo

    Paganoni, polemiche sterili come quelle di un bambino..

  2. Scritto da hola

    ma se l’affitto scade nel 2014 e ora siamo nel 2011 non ho capito perchè sollevare la questione ora.

  3. Scritto da x favore

    Ma non ci sono + alberi da contare alla Trucca?

  4. Scritto da simone paganoni

    @23…Quelli non ci sono mai stati…Ti sfido a trovare un (sottolineo UN) posto all’ombra…Non dovrebbe essere difficile con i 5.000 alberi piantati da questa amministrazione…Peccato che non ci sia….

  5. Scritto da simone paganoni

    @22 perchè la cascina è stata messa in vendita ora e l’affittuario può comprarla e rivenderla anche se il suo contratto non è scaduto. Se è lui che non vuole rimanere (e ho scritto i perchè nei commenti alla risposta di Ribolla), il contratto può scadere anche domani.

  6. Scritto da red carpet

    – POLEMICA STERILE –
    Come sempre !!!

  7. Scritto da giobatta

    bella iniziativa, ma dov’eri quando avete approvato il piano di cementificazione della citta’ che vi ha fatto perdere le elezioni?

  8. Scritto da ab1

    Ricordo al consigliere Paganoni che la più antica tradizione dei nostri vecchi era la lingua (e non dialetto) bergamasca. I nostri contadini dicevano ‘Bèrghem’ e non Bergamo. E ricordo anche che il PRIMO atto dell’amministrazione Bruni fu di togliere i cartelli ‘Bèrghem’ (e adesso qualcuno li sta sabotando). Perchè la proposta inerente la cascina non è stata fatta al sindaco Bruni, quando era in carica il centrosinistra, Paganoni era consigliere di maggioranza e la Lega all’opposizione? Mah!

  9. Scritto da Alessandro

    La Lega salva le sue di tradizioni, non si sono interessati neanche dei lavoratori bergamaschi che han perso (o quasi) il posto di lavoro come me.
    Salvano la propria pelle e le poltrone in politica.

  10. Scritto da basta

    Ma questo è un consigliere di Bergamo o del paese dei balocchi?

  11. Scritto da berghem

    E io ti pago lo stipendio per queste iniziative?

  12. Scritto da ma che vuoi pretendere?

    la lega è solo bla-bla: non ha fatto nulla per la conoscenza della storia e della cultura locale. Parafrasando un famoso film: “solo chiacchere e cartelli”.

  13. Scritto da simone

    Paganoni, stai diventando ridicolo con le tue lettere. ma perchè queste esternazioni non le fai nei luoghi più adeguati, tipo in consiglio comunale, invece di farti campagna pubblicitaria su bergamonews.it?!

  14. Scritto da pm

    Idea apprezzabile, ma probabilmente nessun figlio di leghista è interessato a gestire l’eventuale museo – si saranno già prenotati tutti per i tre ministeri monzesi.

  15. Scritto da A

    Sig. “LIsta Bruni”, la vostra intensa attività epistolare non da tregua, la strategia è quella di intasare il più possibile le pagine di girnali; ora le do lo spunto per un ulteriore articolo che ritengo potrebbe far piacere a molti:
    LE MANI ROSSE: come è andata a finire e quanti soldi il Comune a incassato dai responsabili che hanno danneggiato muri pibblici e privati l’intera città? forse sono stato distratto ma di questo fatto accaduto sotto la vostra amministrazinon ho più saputo nulla!!

  16. Scritto da Marco

    …se questo è il tenore delle iniziative della opposizione alla attuale giunta bergamasca, aimhé, la vedo dura per le prossime amministrative…..

  17. Scritto da mx

    E io aggiungo: perche’ nessuno di questi signori che “le nostre origini bla bla bla” si e’ mosso per salvare il borgo del Monte Canto dalla demolizione???
    ex leghista

  18. Scritto da mitiar1

    ……….
    passi che i centri storici siano arte e li salviamo (poi crollano ma è un altro discorso…crollano anche i palazzi nuovi fatti a caso, vedi l’aquila)…. ma non facciamo passare tutti gli edifici vecchi come tradizione, storia ecc ecc…… ogni tanto qualche casa vecchia abbattiamola. almeno in città… leghista o non leghista…

  19. Scritto da cittadino

    Paganoni leggi le delibere! la cascina è in prelazione all’attuale affittuario!

  20. Scritto da aldo buso

    Cosa non si fa pur di farsi un pò di pubblicità e fare parlare di sè ….

  21. Scritto da ureidacan

    Paganoni fa un ottimo lavoro come consigliere comunale della nostra città. Sono spesi bene i circa 300 Euro di stipendio mensile che percepisce per tale carica.

  22. Scritto da silvestro

    all’ex consigliere paganù, dellal ista Bruni
    Se per tener viva la lista, in attesa delle prossime elezioni nazionali
    o europee, si usano argomenti di “estremo” interesse come questo, spiace affermare che la suddetta lista non promette proprio nulla di buono per l’attuale secolo. Con tutti i problemi del paese e della città, ci si potrebbe attendere qualcosina di miglior qualità per la stessa lista e per il nome del suo titolare.

  23. Scritto da GiO

    e fare dell’archeologia industriale al paci paciana? perche non si riutilizza quello visto invece dello pseudo affitto che la “lista bruni” ha concesso loro?
    peraltro in barba alla situazione affittuaria del resto della cittadinanza…questo sarebbe un buon argomento mica rinfacciare il non salvataggio di un’assolutamente anonima cascinetta…

  24. Scritto da gio

    Ma la lega promette tutto e poi fa tutto all’incontrario…Venite a Terno d’Isola, dove governa la lega e, in perfetta sintonia con chi governava prima di loro, cioè la Destra, sta cementificando ovunque e ha esultato solo quando, finalmente (parole loro, come se fosse una conquista civile) si è riusciti ad abbattere Cascina Colombera, che portava sui suoi capitelli in arenaria la data 1592…L

  25. Scritto da simone paganoni

    Scusate sono stato via un giorno…andiamo con ordine:
    @2: Non l’ho detto con Bruni Sindaco perchè la precedente amministrazione non era intenzionata a vendere l’immobile (mentre questa l’ha messo in vendita) e il contratto d’affitto non scadeva sotto Bruni (sono contratti di 15 anni) ma nel 2014 (sotto questa amministrazione) ecco perchè ho sollevato la quesitone ora…

  26. Scritto da simone paganoni

    @7 …Se avessi letto la lettera capiresti che queste che tu chiami “esternazioni” ed io “proposte”, le ho fatte in Consiglio Comunale ed è proprio perchè in quel luogo la Lega ha fatto scena muta e ha votato contro che ho pensato di scrivere queste poche righe per informare i cittadini…Se l’argomento non interessa puoi anche non leggere. Scrivere ed eventualmente leggere sono entrambi permessi, gratuiti e non obbligatori ! :-)

  27. Scritto da Arda te

    @5 berghem – Perchè , in comune succede anche dell’altro ?