BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gioved?? la protesta Cisl lombarda contro la manovra

Bergamo parteciper?? con centinaia di persone che raggiungeranno il capoluogo. Tra questi molti pensionati: particolarmente arrabbiati, spiega il segretario Fausto Gritti.

Più informazioni su

Appuntamento a Milano giovedì 14 luglio, dalle 10 alle 13, in Piazza Città di Lombardia, per la manifestazione della Cisl lombarda indetta per sollecitare scelte concrete e immediate di riduzione dei costi della politica, la modifica della manovra finanziaria in fatto di pensioni e interventi a favore dell’occupazione giovanile. Sotto la sede della Regione si terrà un presidio con la partecipazione di lavoratori e pensionati provenienti da tutta la Lombardia.
Bergamo parteciperà con centinaia di persone che con ogni mezzo raggiungeranno il capoluogo. Tra questi molti pensionati, particolarmente arrabbiati e preoccupati da una manovra finanziaria che sembra aver preso di mira ancora la popolazione anziana.
Il Segretario della Federazione pensionati della Cisl di Bergamo, Fausto Gritti esprime tutto il proprio disappunto in merito alla manovra: “La Fnp di Bergamo valuta molto negativamente e inaccettabile la proposta del Governo circa la modifica del sistema di rivalutazione delle pensioni, e chiede fermamente il mantenimento del meccanismo attuale, che già oggi è penalizzante, poiché l’indice utilizzato per la rivalutazione dei trattamenti pensionistici ha generato negli ultimi anni una perdita del potere d’acquisto di circa il 30%”.
Su 16,7 milioni di pensionati, oltre 8,5 milioni non raggiungono i 1000 euro di assegno e di questi 4 milioni ricevono una pensione mensile compresa tra 0 e 500 euro, redditi tali da porli all’interno delle fasce di povertà assoluta.
In provincia di Bergamo, la media delle pensioni lorde si attesta a 600 € per le donne ed a 1150 per gli uomini e nel 2010 il valore medio di una pensione a Bergamo è di 786 euro a fronte di 831 euro della media lombarda,
Cosa vi amareggia maggiormente?
“Come altre volte il Governo ha riproposto il solito cliché, andando a prelevare risorse dalle persone più povere. In tale logica si collocano anche i provvedimenti di rincaro delle varie imposte di bollo sui conti. Ricordo le difficoltà che i nostri pensionati fanno per arrivare a fine mese con una media delle pensioni che non arriva a 1000 euro. Ricordo anche che la gran parte dei risparmi delle famiglie sono stati usati per aiutare i figli in difficoltà per la grave crisi economica che ha colpito il paese”.
Eppure voi non avete mai interrotto il dialogo con il Governo, anche e soprattutto per il fondo sulla non autosufficienza…
“Anche il fondo per la non autosufficienza non trova soluzione scaricando sulle famiglie dei lavoratori e dei pensionati il carico dell’assistenza alle persone in stato di bisogno. La riduzione dei trasferimenti alle regioni ed ai comuni metterà in seria discussione il mantenimento delle prestazioni ai cittadini pensionati e lavoratori”.
E adesso?
”Ci vuole più coerenza è troppo facile far pagare sempre ai soliti, si devono ridurre da subito i costi della politica che la manovra rinvia al 2013, bisogna avere coraggio ed eliminare sprechi e ruberie. Anche la riforma fiscale più volte promessa ci preoccupa se la logica che anima i nostri parlamentari è questa. Mi domando con quale coraggio voteranno dei provvedimenti “punitivi” nei confronti dei più deboli. A questo si aggiunge l’introduzione, prevista sempre dalla “manovra”, dei ticket (quota fissa di 10 euro su ogni ricetta per prestazioni specialistiche e di 25 euro per prestazioni di pronto soccorso non seguite da ricovero), a cui purtroppo le persone anziane sono spesso soggette.
Cosa vi ripromettete, oggi?
Questa manovra così com’è non deve passare: metteremo il massimo di impegno, sia in termini di proposta politica, sia in termini di mobilitazione, iniziando come è già stato deciso dal Comitato Esecutivo nazionale della Fnp con presidi sul territorio, a livello regionale e nazionale davanti al Senato della Repubblica e alla Camera dei Deputati. Il Governo e il Parlamento correggano subito la manovra, o sarà scontro.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fda

    …infatti giovedi, firmano la finanziaria!! protestate protestate…

  2. Scritto da A Gratis

    La Cisl che protesta con il governo ? Puhibol ?