BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcioscommesse, interrogati i personaggi che tirano in ballo Cristiano Doni

Rinviato l'interrogatorio del capitano, ma di fronte al procuratore federale sfilano Carlo Gervasoni e Nicola Santoni, i nomi attorno ai quali ruota la presunta combine di Atalanta-Piacenza. Processo lungo, calendari a rischio.

Più informazioni su

Non è certo una giornata indifferente, quella di oggi (8 luglio) per l’Atalanta e per Cristiano Doni. Nonostante il rinvio dell’interrogatorio del capitano, che sarà sentito dal procuratore della Federcalcio non prima del 15 luglio, di fronte allo stesso procuratore Stefano Palazzi è comparso proprio nella tarda mattinata di oggi Carlo Gervasoni, tesserato del Piacenza, ritenuto dall’accusa di Cremona un personaggio chiave per la combine di Atalanta-Piacenza. Nel pomeriggio di oggi, invece, è atteso Nicola Santoni, preparatore dei portieri del Ravenna e amico di Doni. Nelle sue mani, abbiamo scritto in molti, c’è il destino dell’Atalanta. E’ Santoni il personaggio che viene indicato da altri soggetti come Gianfranco Parlato (ex Piacenza) o il dentista Marco Pirani, come colui che faceva da tramite tra Doni e un determinato gruppo di scommettitori, sebbene nell’iinchiesta della giustizia ordinaria lo stesso Cristiano Doni non è mai stato intercettato direttamente.
Quasi sicuramente le bocche oggi resteranno cucite. L’avvocato di Carlo Gervasoni ha già spiegato alla stampa che "tutto è andato bene", ma non possiamo dire nulla. Molto probabilmente faranno lo stesso i legali di Nicola Santoni. Ma è con le loro dichiarazioni che il procuratore si farà una prima idea, per capire su quali tasti battere e quali circostanze approfondire in merito alla combine Atalanta-Piacenza.
Siamo quasi alla metà di luglio e a questo punto anche i tifosi dell’Atalanta iniziano a porsi interrogativi sui tempi della giustizia sportiva. Le ultime indiscrezioni dicono che il processo federale di primo grado non si concluderà prima di Ferragosto. Il che metterebbe a rischio, e non poco, il calendario di serie A, che dovrebbe scattare dalla fine di agosto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco

    forza giustizia, altro che forza percassi

  2. Scritto da meditativo

    occhio al teorema: “l’atalanta compra le partite e chi sa scommette”. E’ qui che cercano di arrivare sti giudici.

  3. Scritto da Malgrado tutto, forza Atalanta

    Mi meraviglio che voi non avete ancora capito che questa è la classica trita e ritrita farsa italiota. Tutto ha inizio con la grancassa della Grande Stampa Nazionale che con titoli a sensazione sputtana il presunto colpevole (Doni). Poi, in assenza di prove concrete e decisive, si allunga il brodo riciclando per giorni le frasi dei soliti personaggi in cerca di autore. Alla fine, con i suoi tempi biblici, irrompe la giustizia e finirà tutto a tarallucci e vino, con pene irrisorie

  4. Scritto da Malgrado tutto, forza Atalanta

    Quello che è deplorevole è che viene messa in discussione la legittimità di una promozione conquistata sul campo con distacchi abissali sulla concorrenza, per il solo gusto di dare spettacolo. Si è tentato di creare scandali mediatici, basandosi su frasi che poi vengono regolarmente smentite dagli stessi individui che le avevano pronunciate. I tempi della giustizia sportiva in questa vicenda sono scandalosamente lenti, se paragonati al blitz fulminante di Calciopoli