BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L”integrazione non può essere a senso unico”

Il consigliere regionale della Lega Roberto Pedretti risponde al direttore della Caritas don Visconti in merito all'accoglienza dei profughi nordafricani.

Il consigliere regionale della Lega Roberto Pedretti risponde al direttore della Caritas don Claudio Visconti in merito all’accoglienza dei profughi nordafricani.

Appare evidente, dalla parole di Don Claudio Visconti, il fallimento di un sistema. Non siamo stati capaci di aiutare i popoli a casa loro ed ora cerchiamo di mettere una toppa ad una “nave” che fa acqua dappertutto.
Ritengo non si possa “sognare” l’accoglienza e l’integrazione partendo dal presupposto che le nostre comunità, la nostra gente “debbano” avere l’obiettivo di mettere a disposizione un alloggio per i profughi.
L’integrazione non può essere a senso unico: sia i migranti, sia i profughi, sia la maggior parte degli immigrati non vuole integrarsi a noi. Questo è un dato di fatto oggettivo. Se poi vogliamo imporci il pensiero che l’integrazione debba significare che siamo noi che dobbiamo adattarci a loro, credo che non ci possa essere spazio per il dialogo. Facile pensare che chi chiede il rispetto delle nostre regole possa essere tacciato per il razzista di turno, per l’ottuso, per colui che si chiude di fronte alle diversità.
Intravedo un meccanismo occulto, quasi perverso, di chi a tutti i costi vuole una società multietnica. Un fatto questo certamente disgregante per la nostra cultura, per le nostre tradizioni costruite e tramandate in questi secoli di storia. Lo status di profugo dovrebbe essere temporaneo, ma quanti di loro torneranno nella terra da cui son fuggiti? In un Paese dove le regole non vengono rispettate, dove la giustizia appare sempre più ingiusta, dove l’essere extracomunitario, profugo o immigrato ti garantisce di più che essere italiano, crediamo davvero si possa parlare di integrazione?
Qualcuno può anche obiettare che anche noi Bergamaschi siamo stati emigranti. Vero, Ma altrettanto vero che i nostri emigranti hanno scelto di integrarsi umilmente laddove siano andati a lavorare. Epoche diverse dalla nostra, poco paragonabili, se non per il fatto che i nostri Emigranti non hanno “invaso” le altrui culture e tradizioni.
Certo, gestire l’emergenza profughi non è facile, ma possiamo, senza essere additati come razzisti pensare ai nostri figli che non trovano lavoro? Ai nostri anziani che fanno fatica ad arrivare a fine mese?
Ci sono i nostri anziani che chiedono da anni un alloggio popolare, pagando regolarmente l’affitto e non riescono ad ottenerlo perché scavalcati da famiglie non italiane che risultano avere una migliore posizione nelle graduatorie per l’assegnazione. Se poi qualcuno paventa l’ipotesi di fissare delle regole più garantiste per i nostri, apriti cielo; si scatenano tribunali ed “eserciti” di carte bollate! In uno stato in cui la disoccupazione sfiora il 9%, in un periodo in cui la crisi mondiale ha toccato e tocca le nostre fasce più deboli, siamo certi che la soluzione al problema profughi sia dar loro un alloggio?
Il messaggio che passa dalle parole di Don Visconti sembra voler dire: “armiamoci e partite”; d’altra parte non mi pare che la Caritas faccia tutto ”gratis et amore Dei”. Per qualcuno il fenomeno dell’immigrazione è diventato un business, no solo in termini economici, ma anche in termini politici e sociali. Purtroppo l’Europa si è fatta cogliere impreparata nei confronti della crisi degli Stati Africani e nei confronti dell’immigrazione; impreparata e colpevole di aver lasciato che questo fenomeno fosse imposto e non accompagnato e gestito. L’Europa dei burocrati pensa più a creare un sistema che si auto alimenti che alla tutela dei Popoli che la costituiscono al loro sviluppo. Le direttive comunitarie troppo spesso risultano essere solo dei fardelli per gli stati membri. Il popolo Bergamasco si è sempre dimostrato solidale, ma non credo sia disposto ad accettare l’invasione incontrollata. Certo qualcuno vorrebbe facessimo tutti gli struzzi, ma non possiamo essere talmente ipocriti e far finta di nulla.

Roberto Pedretti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da disgustato dal disgustato

    l’immigrazione non e’ ostacolabile, ma e’ regolabile. e per piacere non si dia del razzista quando giustamente si fan differenze fra etnie. Problemi e pregi son differenziabili,non e’ osceno dirlo. con cio’ non voglio generalizzare ma molta gente non leghista anzi di sinistra si accorge della differenza fra abitar in parte a senegalesi o indiani piuttosto che magrebini o rom…ma diciamolo! basta con sto cieco buonismo i nazisti eran tedeschi non neozelandesi!! i problemi van differenziati!

  2. Scritto da Antonio

    Cosa centra il cieco buonismo con i diritti? Non ci vuole un ingegnere per capire che le usanze di un Indiano sono diverse da un Senegalese. Una volta era il terrone che mangiva la peperonata alle 21,00. I nazisti erano tedeschi come gli italiani erano fascisti, ma ciò non toglie che c’erano i partigiani. Esistono regole? si devono fare rispettare a partire dal proprio condominio. E C’è anche chi non le rispetta tra i mangia orsi. A partire dall’evazione fiscale.

  3. Scritto da Condon De Condonis

    Pedretti, l’unica cosa a senso unico è la manovra che state facendo e la vs politica economica di questi 10 anni : addosso al ceto medio e medio-basso . Al riparo vengono tenuti i super ricchi e quelli come voi consiglieri regionali, “politici” o trombati piazzati negli enti . Senza muovere un dito per l’evasione ( – 20% di controlli) o per quell’altra immensa tassa sugli onesti che è la corruzione (dove sono le leggi ?)

  4. Scritto da Ghiottoni

    x2 – La Lega ha capito benissimo che è polenta , solo che gli piace molto. Star seduti sulla cadrega a mangiare polenta è una goduria (per loro) , decisamente meno per noi.

  5. Scritto da Antonio

    Dopo Il vostro famoso manifesto dell’ indiano che paragonava gli immigrati nord africani che scappano dalla fame, a potenze come Inghilterra, Francia e Spagna del fine 800 che causarono lo sterminio degli indiani d’America per il dio oro, vi consiglio vivamente di continuare con le bistecche d’orso e basta.

  6. Scritto da Giuli

    Su alcune cose sono d’accordo con il Consigliere Pedretti, il rispetto delle Leggi deve essere assicurato, non possono esistere enclave che fanno quello che vogliono ecc ecc..L’unica cosa che però nè il Consigliere nè la Lega ci spiegano è come pensano di governare un fenomeno inarrestabile da millenni e cioè la migrazione dei popoli, ci spieghi articolatamente qual’è il modello sociale che propone, ma sia concreto, non dimentichi che esistono guerre, carestie, genocidi. Li buttiamo a mare?

  7. Scritto da paolino

    la migrazione dei popoli è una cosa naturale.. il mantenimento dell’immigrato è DIFFERENTE specie se grava su chi già non naviga nell’oro, il concetto è questo.. Lega, Pdl o PD che sia.. Quello che poi nn capisco xchè dal nord africa migrano solo UOMINI.. Prendi indiani, cinesi,ecc..migrano in famiglia forse xchè davvero vogliono trovare qualcosa di nuovo, una nuova vita.. altri invece scappano da problemi nel loro paese dove spesso delinquono..

  8. Scritto da alberto pezzotta

    E’ vero che ci sono immigrati che vengono qui solo per lavorare e che non si vogliono “integrare”, è vero ma parliamo dei più anziani. Ma signor Pedretti lei li vuole vedere o no i figli degli immigrati, di tutti i colori, perfettamente integrati. Li vuole vedere o no i bambini di colore che parlano bergamasco? Io li vedo e li sento. Il futuro, volente o nolente è multietnico. E si tranquillizzi per il suo posticino privilegiato, qualcuno di loro diventerà magari anche leghista. . .

  9. Scritto da Giuli

    per #10 mi scusi ma non sono d’accordo il cd. mantenimento dell’immigrato è parte di un più complesso sistema di gestione politica dell’immigrazione, che a sua volta è parte del progetto di società che una nazione deve avere.
    Il progetto è chiudiamo le frontiere e viviamo in un’enclave? la proposta è rispettabile, ma credo cozzi contro l’inarrestabilità delle migrazioni.
    Però al di fuori della politica dei flussi non ho ancora capito il progetto di società che si propone, questo chiedo.

  10. Scritto da paolino

    @12..non è d’accordo? allora secondo lei in Italia è più tutelato un italiano o un’immigrato? risposta secca.. NO. Le faccio un esempio stupido, l’anno scorso (ma sarà cosi anche quest’anno) iscrizione all’asilo comunale di mia figlia (pago contributi da decenni al comune) nn c’è posto, obbligato a portarla asilo privato (con spesa difficile da sostenere) indovini a chi hanno riservato i posti? Sono stupido a pagare tutto, dovrei sfornare bambini e farmi mantenere, affitto compreso!!

  11. Scritto da Antonio

    @13: in tutto questo l’immigrato che c’entra? E’ meglio ammazzarli abbandonandoli direttamente sul confine Libia Sudan o Niger??
    Un Africano esce con la sua barca per pescare, ma dopo ore e ore di navigazione non ha nessun pesce nella rete. Ritorna a casa e maledice l’occidente che con le sue navi a strascico sta devastando il suo mare. Se restare a casa sarebbe una scelta non crede che lo farebbero subito??

  12. Scritto da Ma va là

    Un sacco di stupidaggini, i cartelli in bergamasco spiegano l’origine tedesca del nome, in trentino fanno banchetti a base di carne di orso. Io non mi sento tedesco e uno che viene da lì vale come uno che viene dalla Tunisia , la carne di orso non è nella mia cultura alimentare e vale come il Kebab. La verità è che vi interessano il potere e la sedia, la vostra è l’invenzione di un nemico che oggi è il nordafricano, ieri era il terrone domani può essere il russo, con mussolini erano gli inglesi

  13. Scritto da paolino

    @14..xchè travisi? non ho detto ne di uccidere, ne abbandonare nessuno!! Ho solo chiesto se anche noi (italiani) abbiamo dei diritti, pago prima e pago dopo, lavora mia moglie e “limitiamo” i figli xchè altrimenti nn riusciamo a mantenerl ie farl icresceree poi..ad altri passano tutto. sul tuo esempio..mai sentito parlare di confini marittimi, di navi sequestrate xchè oltrepassato? se vuoi giustificare, cambia argomento o informati.. io parlo di ingiustizie tra i popoli..non delle multinazionali

  14. Scritto da Antonio

    @16: non traviso proprio nulla. Mi riferivo al famoso accordo Italia – Libia. Per il resto non giustifico affatto, ma mi baso su dati veri.Credi ancora che il pesce che mangi a casa o al ristorante provenga dai nostri mari? Le multinazionali servono a mantenere il tuo ( nostro) stile di vita a basso costo. Per quanto riguarda i diritti, tuoi o di un immigrato, sono gli stessi. Come da sempre se si rientra in un certo reddito non ci sono sovvenzioni. Molti italiani non si informano in tempo

  15. Scritto da Padano doc

    @Standing ovation
    :D “Standing ovation”…
    sì, sì, affermazione molto padana.

  16. Scritto da paolino

    spero non abbia mai bisogno di aiuto da parte dello stato..
    i diritti sono gli stessi..ma i doveri?
    certo reddito?!! ho proprio a che fare con un radicalchic, insomma devo dire a mia moglie “nn lavorare e facciamo figli” cosi qualcun oguarderà anche a noi..e intanto lavoro, lavoro x cercar di mantenere la famiglia, mi scusi se nn sono devoto all’assistenzialismo.. prima cerco di far eda me, ma a tutto c’è un limite..

  17. Scritto da Enrico

    Pedretti, ringrazi gli immigrati che fanno da parafulmine ai veri problemi dei cittadini e vi portano i voti di quelli con le fette di salame sugli occhi. Tanto lo sappiamo che la sera in privato lo fa già.

  18. Scritto da Tiberio Cron

    @19 Paolino I soldi che lo stato spende per gli immigrati sono soldi in meno che spendono i loro datori di lavoro. Se le imprese assumessero italiani dovrebbero pagarli di più per cui ben vengano gli extracomunitari, li pagano meno e lo stato provvede ad integrare almeno in parte ciò che manca coi soldi dei contribuenti italiani che rimanendo disoccupati per far posto agli extracomunitari rendono sempre meno per cui si blocca anche la rivalutazione delle pensioni.chi ci guadagna alla fine ?? ?

  19. Scritto da paolino

    @21..se permetti le accise sulla benzina le pago anche io.. Cmq voi continuate a farne un discorso politico (dx contro sx) io stò facendo un discorso generale e di convivenza.. è giusto che loro vengano ma nn pretendano, giusto abbiano i loro spazi ma anche che io nn perda i miei diritti.. mi hanno sempre insegnato che quando vai in un altro stato ci sono le loro regole e non posso comportarmi come a casa.. in Italia tutto ciò nn vale, xché? questa è integrazione..e nn mettersia 90

  20. Scritto da Antonio

    @23 ;-) radicalchic mi mancava. :-)
    Ho da poco avuto una brutta disavventura con l’imps perciò di posso garantire che conosco i disservizi. Senza polemica. Se il tuo asilo era pieno, forse perché prima erano arrivate altre persone. Presumo che questi per mandare i bambini all’asilo siano regolari, perciò anche loro hanno il diritto di mandarli. Tu dici loro pretendono, loro spazi. E’ proprio su questo che fanno leva i leghisti e chi come loro. Quel loro li fa sembrare non umani

  21. Scritto da Standing ovation

    “Intravedo un meccanismo occulto, quasi perverso, di chi a tutti i costi vuole una società multietnica.”

    Lo intravedo anche io.Finalmente un leghista che parla da leghista.Bravo!

  22. Scritto da Baloo

    @1 – Intravede bene, il meccanismo è dipinto di VERDE , sono le quote immigratorie firmate anche dalla Lega in questi quasi 10 anni, sono i Pgt di espansione fatti dalla Lega dove amministra (cemento e case per chi in un paese in denatalità ?) , poi servono muratori per costruirle e qualcuno a cui venderle. Risultato : in provincia di Bg 4 volte gli immigrati di 10 anni fa. Giusto? Dopo 100 fette non aver ancora capito che è polenta…… mi sembra un pò grave

  23. Scritto da DAI BOSSI!!!!!!!?

    PEDRETTI lei ha ragione l’integrazione non è a senso unico ma voi leghisti e il PUFFO D’ARCORE non integrate nemmeno gli ITALIANI di ceto mediobasso vedi anziani e invalidi passano ben oltre la soglia di poverta e voi LEGHISTI non state facendo niente per evitare questa situazione anzi tagliate ancora sulla sanita chi paga sono sempre i poveri complimenti leghisti avete imparato bene siete peggio della EX DC