BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Province, abolite a parole mai con i fatti in Parlamento

Si riaccendono le speranze di tante aspiranti nuove Province, anche in Val Camonica. Il parlamento ha bocciato la sopressione proposta dall'Idv. Di Pietro: "Tradimento generalizzato contro gli elettori". Astenuto il Pd.

Più informazioni su

In campagna elettorale buona parte dell’arco politico parla spesso di abolizione delle Province. Poi alla prova dei fatti, o meglio dei voti in Parlamento, l’abolizione, o soppressione che dir si voglia, non passa mai. E’ il caso di ieri, 5 luglio: 225 voti contrari e 83 favorevoli alla proposta di soppressione presentata dall’Italia dei Valori. Contro Pdl e Lega, a favore Italia dei Valori, Futuro e Libertà e Udc. Astenuto, e si è trattato di un’astensione pressocchè decisiva, il Partito Democratico. Presidenti, consiglieri e staff provinciali restano quindi tranquillamente al loro posto, con i relativi costi che, secondo il Corriere della Sera, in otto anni sono cresciuti del 65%.
All’interno del Pd, prima del voto, non è mancata la spaccatura, tra i favorevoli alla soppressione (lettiani e veltroniani) e chi invece manteneva i suoi dubbi. Fatto sta che la proposta non è passata e Antonio Di Pietro ha avuto gioco facile a scatenarsi contro gli alleati di centrosinistra: "E’ un tradimento generalizzato degli impegni elettorali da sinistra a destra" ha dichiarato l’ex magistrato leader dell’Italia dei Valori. "Tutti fanno a gara a far sognare gli elettori su questo tema in campagna elettorale, poi non mantengono gli impegni".
Chi si scatena è anche un giornalista simbolo dell’antispreco, Gian Antonio Stella sul Corriere. "Può tornare a sperare anche Breno (5014 abitanti)". Già, Breno, in Valle Camonica, che vorrebbe essere capoluogo della provincia Camuno – Sebina, comprendente forse anche gli otto Comuni bergamaschi dell’Alto Sebino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da o no?

    @ 45 Semperboni W. non vuoi abolire le Comunitá Montane e le Provincie,ma vuoi abolire i costi della Politica… Chi ha creato le Comunitá Montane e le Provincie? I Politici. Da qualche parte bisognera pur cominciare.

  2. Scritto da cios

    Non voglio l’abolizione delle provincie. Pirovano ci deve portare al sedere di Malpensa

  3. Scritto da walter semperboni

    O no riesci a capire cosa intendo,è semplice no!!!

  4. Scritto da Giorgio

    Tutti sanno che la Comunitá Montane sono state create dalla DC alla fine anni 70,solo per dare spazio e posti agli amici degli amici;poi a tutti è piaciuta l’idea…!

  5. Scritto da popolo senza orgoglio

    politici italiani siete la rovina di questo paese ma probabilmete ce lo meritiamo x il popolo che siamo,siamo un popolo di pecoroni con tutto il rispetto x le pecore,

  6. Scritto da m.m.

    Firmiamo per abolirle, succederà come per l’acqua: anche il PD si adeguerà..

  7. Scritto da Alessio Botticelli

    TREVIGLIO PROVINCIA!

  8. Scritto da Erik

    Sarebbe giusto fare un referendum abrogativo della legge che prevede la creazione di nuove provincie.

  9. Scritto da gio

    italia dei valori
    si dimostra l unico partito anti casta , serio e che fa opposizione vera
    italiani se volete cambiare ( non farvi mettere le mani in tasca dai politici per i loro comodi )
    sapete chi votare

  10. Scritto da cafenero.ilcannocchiale.it

    Vogliamo parlare della manovra ? bastona i pensionati e i risparmi delle famiglie ma lascia indenni le provincie e gli sprechi della politica che subiscono un ritocco cosmetico.
    Il PDL si sta suicidando : avevo sperato in Alfano ma temo verrò deluso . Qui crolla tutto senza che ci sia una pur vaga o ipotetica alternativa.
    Intanto il malessere sociale cresce.Non vi ricorda la situazione degli anni ’70? solo che allora c’erano Almirante Berlinguer e Andreotti non Bondi e Bersani .

  11. Scritto da elettori del pd

    Non avete niente da dire? il vostro partito poteva votare no e non l’ha fatto…..

  12. Scritto da gigi

    x 15 sono d’accordo sul firmare, ma eliminamo il PD dato che sono incapaci di prendere qualsiasi decisione

  13. Scritto da grande

    quoto 10 !!!!!!!!!!!!!

  14. Scritto da Guido

    @ 10: Antonio, condivido perfettamente la sua corretta e puntuale analisi sulle ultime e sempre più tristi vicende legate alla politica italiana. Speriamo che gli italiani non si sveglino quando ormai non sarà troppo tardi…

  15. Scritto da convergenze

    Sembra che anche i più restii stiano prendendo atto della necessità di abbattere delle sovrastrutture istituzionali che fanno solo da traino a voti di scambio e a poltronisti della politica: le province.

  16. Scritto da Aiuto!!!!!!...un uragano di brutta aria .

    I Politici prima quasi tutti d’accordo x eliminare le provincie(alla faccia della coerenza delle parole non seguite dai fatti). In realtà la maggior parte dei partiti e i politici hanno troppi interessi personali e di bacino di voti che non vogliono mollare.Sempre di più mi rendo conto che un elettore si allontanerà ancor di più al VOTO,cioè, il voto è una cosa seria,ma purtroppo se la scelta e votare il meno peggio siamo tornati alla Prima REPUBBLICA!..NUOVA POLITICA(Vento di Aria nuova..DOVE?

  17. Scritto da idv

    se idv fosse piu grande in % di posti a sedere …. sarebbe uguale
    sigh
    non cambia nulla

  18. Scritto da Antonio

    @ 20 Pinto: non mi meraviglio di nulla e di nessuno. Il mio non era un inno a Di Pietro, anche se probabilmente i 2500 euro sono per i 20anni da Pm, mentre il Delfino declassato dal padre provviene dal nulla. Va be! Presidente della squadra di calcio padania. Ormai i politici italiani sono talmente privi di morale che legalizzano l’inlegale (tipo i finanziamenti ai partiti). E’ giunto il momento che il potere sia trasferito ai cittadini e per questo c’è da fare una vera rivoluzione culturale. T

  19. Scritto da diciamobasta

    la colpa è la nostra,lasciamo nelle mani prima degli uni e poi degli altri il futuro della nostra nazione invece di essere solidali tra di noi litighiamo per difendere i rossi,i verdi e i blu senza renderci conto che intanto loro mangiano….eccome se mangiano!!!!!!!
    Svegliamoci,scendiamo nelle piazze e facciamoci sentire una volta per tutte,altrimenti resteremo schiavi di questa politica becera.

  20. Scritto da gioanpadan

    Usiamo il nostro cervello e non quello dei giornalisti e di quei policiti disperati. Sappiamo cosa significa abolire le province!? C’erano prima dell’Italia e sono in tutto il mondo! Gli amministratori delle province e dei comuni sono stati ridotti del 30% e alle prossime elezioni saranno solo 24 consiglieri e 8 assessori, ma se i 700 dipendenti BG andranno in regione siamo sicuri che la Regione assorbendoli non aumenterà il numero di direttori? Stessi costi, ma senza rappresentanza: COMPLIMENTI

  21. Scritto da TAV

    @31 – Assolutamente vero, la TAV piemontese molto prima che un problema ambientale, che mi interessa fino ad un certo punto, è un disastro economico . No rientreremo mai da quella cifra in termini economici , e la stessa cifra potrebbe soddisfare più opere maggiormente distribuite e più urgenti.

  22. Scritto da andrea

    PROGRAMMA 2008 VELTRONI, AZIONI DI GOVERNO:

    9. Eliminazione, entro un anno, di tutti gli Ambiti Territoriali Ottimali, settoriali e non, attribuendo le loro competenze alle Province. Eliminazione delle Province là dove si costituiscono le Città Metropolitane.
    10. Incentivazione dei processi di Unione (fino alla fusione) dei comuni piccolissimi, salvaguardando le specifiche identità politico-culturali.

    mi sembra che il pd sia stato coerente ieri con il suo programma!

  23. Scritto da Antonio

    @33 gioanpadan:è proprio per la sicura malafede che al cittadino deve essere concesso l’accesso a tutte le voci di spesa. Anche noi dobbiamo imparare a essere più attivi e controllori dei nostri interessi (Repubblica). La politica devrà trasformarsi i servizio civile. Cmq: costo provincie 13/14 miliardi di cui solo il 18% stipendi. dei dipendenti. Il resto sono costi di consumo e affiti. Togliendo gli stipendi si risparmiano da subito 10 miliardi. Bene comune = Bene privato

  24. Scritto da freedom

    Negli ultimi 15 anni c’è stato un proliferare di nuove provincie… Crotone, Andria-Barletta-Trani, Monza, ecc. Forse il problema è l’attribuzione dei compiti e che venga occupata utilmente, almeno all’80-90%, la potenzialità lavorativa dei dipendenti degli enti locali (prov. e comuni).
    Si diminuiscano i dipendenti dei comuni passandoli alla Provincia o viceversa, l’importante che complessivamente abbiano un costo standard.

  25. Scritto da Antonio

    @31 Tav
    In aggiunta: 22 miliardi x 3= 66miliardi costo totale. Solitamente in italia le spese effettive sono 3/4 volte speriori a quelle preventivate. E’ sempre stato così fino a oggi. C’è da ricostruire un popolo intero con la sua identità nuova.
    Ps: anche l’impatto ambientale non è roba da poco. Parliamo di montagne amiantifere.

  26. Scritto da gioanpadan

    @36 Caro Antonio, mi pare fantasioso il tuo racconto in fatto di costi, parli di miliardi di lire o di euro, penso di lire. In fatto di costi ti consiglio di leggere l’articolo di Misiani, che penso ben più informato di te. I costi degli amministratori delle 100 province sono di circa 50 milioni di euro e non 13/14 miliardi!? Probabilmente confondi i bilanci con i costi, cioè tu vorresti licenziare tutti i dipendenti delle province ed azzerare gli investimeni! Poi non lamentarti delle strade!

  27. Scritto da bergamotto

    Ragazzi, la proposta di IDV cancellava la parola “province” dalla Costituzione, articolo 114.
    Vi sembra una cosa seria ? Vi sembra che di colpo, zac, sparivano le province ? Tra l’ altro su materia costituzionale (doppia lettura di
    sei mesi in sei mesi) ?
    Occorre un progetto di legge serio che dica anche a chi sono attribuiti gli attuali compiti delle province, e definisca gli eventuali nuovi costi
    di gestione delle funzioni, o no ?

  28. Scritto da Cosi è.

    La provincia di BG ha un ufficio a Roma,a piazza Colonna. Costa:65 MILA EURO L’ANNO. Il sig Pirovano,aveva garantito durante la sua Campagna elettorale che una delle prime scelte se eletto sarebbe stata la chiusura della sede romana. Quegli uffici sono ancora la e Pirovano è stato eletto.

  29. Scritto da Póta...

    Chiuderemo le Comunitá Montane inutili. Hanno unificato le due C.M. della Valle Seriana creando la C.M. piu grande della Regione Lombardia,risultato:cambiato nulla.

  30. Scritto da Secondo Me

    Le Province possono (DEVONO !!) essere ACCORPATE, MOLTO SNELLITE eliminando i doppioni con regione e comune, possono essere DEPOLITICIZZATE (eliminando i politici) e passate a uffici staccati della regione, cambiando magari la normativa elettorale regionale dove a parità di numero la rappresentatività sia più specifica . Ma non possono essere eliminate, una PARTE di quel lavoro qualcuno lo deve pur fare.Lo dice semplicemente il buonsenso.

  31. Scritto da walter semperboni

    Non bisogna cancellare le Provincie ne tanto meno le Comunità Montane,non bisogna crearne di nuove;e poi sospendiamo il finanziamento ai partiti sospendiamo i risarcimenti referendari,dimezziamo i Parlamentari,riduciamo i loro stipendi,non mettiamo nelle compartecipate i trombati della politica,cosi si diminuiscono i costi della politica,caro di pietro,ma ovviamente ques ta tesi non piace neppure a lei

  32. Scritto da expaul

    prima tutti per l’abolizione delle province, adesso grandissimi passi indietro, anzi in avanti per produrne di nuove; classe politica miope che non vuole fare i conti nè con la realtà nè con se stessa; peggio di così…

  33. Scritto da cafenero.ilcannocchiale.it

    Pd e Pdl : una fassa una rassa .

  34. Scritto da traditorideivostrielettori

    Che il PD fosse la stampella nemmeno tanto occulta di Berlusconi non servivano ulteriori prove. Fa comunque specie che PDL e LEGA che nel loro (e non quello degli UFO) programma di governo avevano messo l’abolizione delle province a chiare lettere non lo abbiano mai nemmeno pensato di farlo e la votazione negativa di ieri lo conferma. Da elettore di centrodestra mi sento preso per i fondelli per l’ennesima volta e sicuramente a fiducia tradita si risponde con voto tolto e per sempre!

  35. Scritto da cl

    La realtà che la Lega ci ha penetrato tutti, oggi al nord devono ringraziare tanti elettori e grazie alle province garantisce posti di lavoro al proprio elettorato.

  36. Scritto da wies

    chissà,un giorno potrà essere provincia anche erbusco con le sue tre frazioni….,

  37. Scritto da berghem

    politici di dx o di sx…sono sempre politici…

  38. Scritto da Otis

    Io abito a ridosso della Vallecamonica, in uno di quei paesi che verrebbero annessi. Sono di sinistra, ma a questa provincia sono d’accordo. Siamo fuori da tutto, una sola strada a salire e lontani almeno 40 km da Brescia mentre Bergamo per via di quella strada non la si considera. Abbiamo tutti gli uffici (dall’Inps , ai sindacati ecc..) appositamente delocalizzati quindi fatto trenta farei trentuno. Ovvio che è un costo, ma forse in questo caso porterebbe vantaggi notevoli alla comunità.

  39. Scritto da La casta è trasversale

    Ma allora vogliamo proprio finire come la Grecia.

  40. Scritto da dxsx?io no

    PD ovvero l’altra faccia del PDL
    bravo di pietro li hai costretti a gettare la maschera!!

  41. Scritto da caustico

    Io proporrei altre province: LA CALEPIA, capoluogo Grumello del Monte; L’Isola Bergamasca, capoluogo Calusco d’Adda; LA CAMUNO SEBINA, già detto; LA SEBINIA OCCIDENTALE INFERIORE, capoluogo Sarnico; LA SEBINIA ORIENTALE INFERIORE, capoluogo Iseo; LA FRANCIACORTA SEBINA, capoluogo Rovato; la BREMBO IMAGNA, capoluogo Villa d’Almè, CHE NE DITE????

  42. Scritto da sergio

    più che pd e pdil, è la lega a moltiplicarle per accasare consensi e trote..

  43. Scritto da antonella r.

    speriamo che non vengano abolite, altrimenti le loro funzioni verrebbero affibbiate ai comuni, che già sono senza soldi e senza dipendenti.