BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le patatine? Sono come una droga

Sotto accusa c’è una sostanza chimica naturale simile alla marijuana, che rende difficile resistere a queste golosità.

Più informazioni su

Una patina fritta tira l’altra? A rendere irresistibili i fritti e altre golosità ipergrasse è una reazione chimica che avviene a livello dello stomaco, ma parte già dalla lingua. Sotto accusa c’è una sostanza chimica naturale simile alla marijuana, che rende difficile resistere a queste golosità.
In pratica, spiegano i ricercatori dell’University of California a Irvine diretti dall’italiano Daniele Piomelli, quando le prime patatine fritte arrivano nello stomaco, i grassi lo inducono a produrre endocannabinoidi, sostanze che “accendono” il segnale di fame e ci inducono alle scorpacciate.
Un effetto che, spiegano i ricercatori nel lavoro pubblicato online su Pnas, vale per tutti i cibi grassi, ma che zuccheri e proteine non hanno affatto. Il team ha condotto uno studio ad hoc sui ratti, nutriti con cibi grassi.
Il processo, spiegano, inizia già sulla lingua: i grassi contenuti nel cibo inviano un segnale che viaggia fino al cervello e da qui, attraverso il vago, fino all’intestino. Arrivato nello stomaco, il segnale stimola la produzione di endocannabinoidi, che accendono il desiderio di quel particolare cibo.
Probabilmente, spiega Piomelli, attivano il rilascio di sostanze chimiche legate alla fame, che ci spingono a mangiare di più. Secondo il team potrebbe essere possibile in futuro bloccare questo effetto, ostacolando l’attività degli endocannabinoidi. Questo renderebbe fritti, salame e grassi meno irresistibili e ci permetterebbe più facilmente di dire basta.

(da lastampa.it)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.