BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La crociata di Petteni contro i costi della politica “E’ ora di dire basta”

Il sindacalista bergamasco, segretario regionale della Cisl, ha deciso di protestare davanti al Pirellone. "I consiglieri guadagnano l'800% rispetto ad un operaio".

E’ una crociata quella che si prepara a combattere Gigi Petteni, segretario regionale della Cisl. Il sindacalista bergamasco ha deciso di protestare davanti alla sede della Regione Lombardia contro i costi della politica. Durante il presidio Petteni ha presentato un dossier redatto dalla Cisl regionale dal titolo “Regione Lombardia…ma quanto ci costi?” Un’iniziativa da politico d’opposizione per il il sindacalista che qualche settimana fa si è presentato al raduno leghista di Pontida con l’obbiettivo di “stare in mezzo alla gente” e qualche giorno prima si era unito ai tifosi atalantini per protestare contro quella che è stata definita la “gogna mediatica” del caso calcio scommesse.
“I consiglieri regionali lavorano il 90% in meno dei lavoratori lombardi ma guadagnano l’800% in più – ha detto Petteni nell’illustrare i dati -. Senza una decisione concreta sui costi, con questa politica noi non faremo più accordi. Non è populismo il nostro, è la richiesta di un ritorno a livelli di responsabilità. Sappiamo che non sarà una battaglia facile – ha aggiunto – ma è una battaglia giusta”. L’azione della Cisl non si limita ai costi della politica, al centro della mobilitazione ci sono la richiesta di una modifica della manovra finanziaria in tema di pensioni – “che di fatto coinvolge la quasi totalità dei pensionati lombardi” – e un impegno della Regione per crear nuove opportunità di occupazione per i giovani. Nel medio periodo servono almeno 100.000 nuovi posti di lavoro – ha detto Petteni -. Abbiamo retto 3 anni di crisi con gli ammortizzatori sociali, ma non vogliamo vivere solo di ammortizzatori, bisogna creare occupazione e sviluppo. Per una ripresa economica in Lombardia bisogna attrarre investimenti, creando condizioni per facilitarli perché le relazioni industriali sono una dinamica importante, ma non bastano da sole”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Time Out

    Fuori tempo massimo Petteni, la gente è già inxxxxxta e accetta solo chi dà esempi concreti, non voi. A parole son capaci tutti.

  2. Scritto da Andrea barino

    E’ vero bisogna dare una regolata agli sprechi.. Politica ma anche sindacato caro Petteni .. E’ ora di dire basta anche alle furbate …forse il nostro sindacalista pensava che salendo sul carro dei fustigatori al novantesimo minuto se la sarebbe potuta cavare …una furbata da vecchio democristiano.. I commenti che lo hanno sommerso dicono chiaro “..che qua nessuno e’ pirla”

  3. Scritto da Rizzetta

    Per risparmiare il Pirellone ha deciso di erogare 50.000 euro all’anno a chi rinuncia all’auto blù con autista…(era su Repubblica del 6 luglio) Non vi sembra una presa in giro? CISL CGIL UIL e compagnia cantata, lo volete capire che la gente è stanca e non vi crede più? Per tornare ad essere credibili dovete smetterla di avere “Governi amici” e ritornare a difendere i diritti di chi lavora. Le crociate non servono, i fatti sì

  4. Scritto da Pierluigi Toccagni

    Pienamente daccordo sulla Regione, ma mi aspetto anche
    1) condivisione abolizione delle province,
    2) semplificazione pubblica amministrazione per contribuenti, famiglie, lavoratori autonomi e imprese (non quella di Calderoli che è il contrario),
    3) sostituzione dell’assistenzialismo per lavoratori (CIG) e imprese (regali per avvio attività) con incentivi e sostegno a qualità, innovazione, sicurezza e disoccupati-rioccupazione
    4) inizio da casa: qualità invece di organici e presenze sindacali

  5. Scritto da bgdoc

    Manifestazione in ogni città’ davanti alle prefetture per chiede la riforma dei vitalizi da cariche con applicazione del metodo contributivo a 65 anni (come i cocopro) da attuare immediatamente (metodo misto per chi ha già’ i diritti). Nessuno dovrebbe lamentarsi visto che la metodologia e’ già’ stata applicata ai lavoratori dipendenti ed autonomi. Da fare subito

  6. Scritto da basta ipocrisie!

    grande maestro di demagogia e di furbizia.quanto ha lavorato , quanti permessi sindacali ha avuto, quanto e’ costata agli italiani la casta dei sindacalisti??

  7. Scritto da Tango Down

    Immagino che siano gli stessi sindacalisti che nel 2008 fecero sparire ben 20 milioni di euro e che han un fatturato (tra lavoratori e fondi) di circa 400 milioni di euro l’anno… Predican bene ma razzolan male i sindacalisti!

  8. Scritto da ex padano

    I politici regionali costano troppo è vero, ma quanto guadagna Petteni?E quanto lavora? E soprattutto visto gli accordi calabraghe che firma il suo sindacato di che qualità è il suo lavoro rispetto ai soldi che intasca?
    Facesse il sindacalista e non il prono a confindustria e non cercassse di buttarsi lui in politica

  9. Scritto da FULVIO

    che i costi della politica vadano rimodulati sugli standard europei ben comparati e’ ormai un dato acquisito dall’opinione pubblica.
    trasformare questa esigenza in una crociata da parte di un sindacato e’ un po’ ipocrita.
    come bergamonews chiedete a petteni di fornirvi il bilancio della sua organizzazione (ma vale anche per gli altri due sindacati cgil ,uil)
    e vedrete che non lo potra’ fare perche’ non sono tenuti ad averlo! avete capito bene?
    FATE LA DOMANDA E CHE VI RISPONDA.

  10. Scritto da convergenze

    Caro Petteni come vede lo sconcerto è palpabile.
    Succede quando un sindacalista come lei prima di queste necessarie dichiarazioni indossa la stessa maglia dell’assessore regionale all’urbanistica e difende lo stipendio di alcuni milionari del calcio prima di quello dei lavoratori a mille euro al mese e dei precari.

  11. Scritto da nino

    anche degli operai del settore dell’igiene dentale?

  12. Scritto da avatar

    chissà …. arriverà presto la neve…..

    ERA ORA ….SVEGLIA !!!!!!!!… portati anche i tuoi amici della LEGA NORD …

  13. Scritto da bucci fr

    speriamo non siano parole al vento del deserto.
    O hanno bisogno della rivolta civile?

  14. Scritto da julius

    quanto guadagna petteni?
    perchè non si mette in gioco ed entra in politica?
    lo farà con il listino blindato dei soliti sindacalisti?

    bello sarebbe approfondire anche i costi dei sindacati, questa iattura nazional popolare, ovvero il difensivismo di chi (perlopiù) non se lo merita

  15. Scritto da susy

    perchè avete già fatto sparire il commento di Misiani sulla mancata abolizione delle province? forse perchè i lettori lo stavano massacrando?

  16. Scritto da gioanpadan

    Ma quanto invece lavora e costa un dirigente sindacalista per fare politica anzichè gli interessi dei lavoratori? Perchè il caro Petteni non racconta quanto lui ed i suoi prendono e da che ora a che ora timbrano per lavorare? E poi i suoi tesserati sanno quanto gli costano Petteni & C. ?

  17. Scritto da c.r.

    Un paio di anni fa è stato pubblicato un libro che metteva a nudo la Casta sindacale. Consiglio a Petteni di andare a procurarselo, giusto per informarsi. Già che c’è, faccia anche uno sforzo di trasparenza: ci dica quanto guadagna come segretario regionale della Cisl. Non ha nulla da nascondere, ci spieghi.

  18. Scritto da Mahatma Ghandi

    dai Petteni, incatenati davanti al Pirellone e inizia lo sciopero della fame..

  19. Scritto da Cipputi

    Il libro era di Stefano Livadiotti, giornalista dell’Espresso, ed è uscito nel 2007. Si intitolava “L’altra Casta”. Una lettura molto, molto istruttiva. Soprattutto per un sindacalista in carriera come Gigi.

  20. Scritto da lettore

    Ora si fanno la guerra per difendere i cittadini….Ma dai….ci state prendendo per i fondelli e noi siamo stanchi!!!!!!!!
    Il sindacato e’ una casta uguale alla Politica!!!

  21. Scritto da sergi

    ma dai gigi sett dela lega…………?

  22. Scritto da pensionato con tessera cisl

    …a forza di “calar le braghe”…sono riusciti a “farla mettere in quel posto” A NOI…fossero almeno anche riusciti a “vincolare” i risparmi sul congelamento delle pensioni a NUOVI POSTI DI LAVORO CERTI e NON PRECARI PER I GIOVANI
    Basta pagliacciate! basta con l’anestetico degli ammortizzatori sociali!
    VOGLIAMO SVILUPPO VERO
    VOGLIAMO FUTURO DECOROSO PER I NOSTRI GIOVANI

  23. Scritto da Gazza

    @ 1/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11:Amici,condivido tutti vostri pensieri e li faccio miei! Grazie.

  24. Scritto da Dildo

    Il Sindacalismo purtroppo come la Politica è diventato una Professione. Cinque anni al massimo di attivita,e poi tornare al Lavoro vero. Basta “sederini” inchiodati alle Poltrone.

  25. Scritto da Andrea

    bravissimo

  26. Scritto da madalì

    Se protesta da solo non serve a nulla. Ci dica invece cosa dobbiamo fare noi cittadini comuni per dare vita ad una protesta effcace. E organizzi riunioni capillari, paese per paese, per informare la gente, che spesso, almeno qui nelle valli, è iscritta alla CISL ma vota Lega. Grazie.

  27. Scritto da Andrea Barino

    Lo zelo di petteni nel buttarsi nella polemica sulla casta cerca di nascondere che tra i privilegiati ci sono proprio i sindacalisti che non lavorano, vivono con di lauti stipendi a carico della collettivita’. Perché non ci dice quante ore di catena di montaggio fa Petteni?? Solo demagogia!!

  28. Scritto da gigi

    tutti ne parlano ma nessuna mette in pratica !!!!!

  29. Scritto da A. Corti

    Ha ragione c.r. Il libro si intitola “l’altra casta” di Stefano livadotti Bompiani ed ….Fatturati miliardari. Bilanci segreti. Uno sterminato patrimonio immobiliare. E organici colossali, con migliaia di dipendenti pagati dallo Stato. I sindacati italiani sono una macchina di potere incontrollato a spese dei cittadini!

  30. Scritto da il polemico

    che strano,mentre un sindacalista bergamasco in attività chiede riduzione dei costi della politica,un ex sindacalista bergamasco passato alla politica,pezzotta,giusto qualche settimana fa proponeva un aumento dei costi per la politica…chi avrà mai ragione???.mahhh

  31. Scritto da NESSI PIERGIORGIO

    incredibile questo gerarca dei sindacato! Ci dica quanto guadagna lui in più a nostre spese…secondo me si vuole candidare alle prossime elezioni..cosi’ riuscirà a cumulare pensione d’oro da sindacalista e stipendio da consigliere regionale o senatore vada a prendere in giro qualcun altro.

  32. Scritto da casta

    la prima casta in italia è proprio il sindacato. non serve a nulla e vive sulle spalle dei lavoratori.

  33. Scritto da marco usubelli

    Grande Gigi sono con tè!!!!!!

  34. Scritto da Dorina Goccia

    Petteni? Ho ancora nelle orecchie il suono dela sua voce che ricopriva di complimenti un imprenditore che non molti anni fa ha perso una causa civile per comportamento antisincale.

  35. Scritto da deluso

    il giorno che vedro’ pubblicato su internet i redditi di tutti e tre sindacati , dal momento che si fanno pagare anche per la dichiarazione dei nostri redditi, ricomicero’ a credere a un sindacalista

  36. Scritto da Troppo tardi

    Demagogia fuori tempo massimo quella di Petteni

  37. Scritto da antonella r.

    quanta demagogia.
    l’intero parlamento, in un anno, costa quanto due o tre aerei da guerra.
    e il nostro paese ne ha ordinati 212 agli stati uniti.
    perchè nessuno si lamenta di questo? preferisco ridurre (o eliminare) gli aerei di guerra, otterremmo risparmi maggiori.

  38. Scritto da perego spa ex delegato sindacale

    se petteni si stacca dalla casta e segue il buonsenso non posso che condividere e plaudo bravo
    salude petteni

  39. Scritto da alice

    Spero lo seguino altri…

  40. Scritto da emanuele

    Bravo Gigi…chi dice che un sindacalista ha un ricco stipendio si sbaglia di grosso e parla senza sapere un bel niente….per non dire straparla… I politici devono invece darsi una regolata.