BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il comitato “aeroporto vivibile” si mette in marcia

Il Comitato organizza sabato 9 una manifestazione per chiedere un miglioramento delle condizioni di chi vive vicino allo scalo di Orio.

Il comitato per l’aeroporto vivibile invita tutti alla marcia pacifica (organizzata in collaborazione con l’amministrazione comunale di Grassobbio) di 9 luglio, con partenza alle ore 11 dal parcheggio di via Azzano incrocia via Padergnone, per chiedere un miglioramento delle condizioni di chi vive nei pressi dello scalo di Orio al Serio.
Queste le richieste:
-La chiusura ai voli notturni come in tutti gli aeroporti d’Europa
-Permesso di volo solo ad aerei meno rumorosi e poco inquinanti
-Utilizzo esclusivo di mezzi elettrici circolanti in aeroporto
-Blocco dei voli a 68570 come previsto dalla convenzione VIA.
In generale una marcia per chiedere di "partecipare in difesa dei nostri sacrosanti diritti del vivere civile per far respirare un aria più pulita ai nostri figli e lasciare loro un mondo più vivibile e meno avvelenato", conclude il comunicato stampa.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da EMI

    @23: un comitato deve avere regolare registrazione e non di fantasia , io non sono presente in nessun comitato ma sò per certo che attualmente ne esistono quattro e uno in fase di costituzione quindi sono 4 a 1 (se esisterete), comunque tutti si battono per la qualità della vita..

  2. Scritto da O'L

    @19
    bene. Allora comincia tu. Vendi la macchina e cambia casa.
    Tutti gli aeroporti del mondo inquinano. Chissà perché poi ce la si prende solo con gli aeroporti. Forse perché a molti non servono. Se uno li usasse tutti i giorni come tutti i giorni usa la macchina non farebbe tutto sto bluff strumentalizzando l’ambiente per i propri fini. A me l’autostrada non serve. Che facciamo? La chiudiamo?

  3. Scritto da persona informata dei fatti e libera

    Ma Gigi ha ragione. A parte il fatto che non esiste un limite ai voli nel documento ufficiale VIA 2003, ma poi, se anche venisse messo, il comitato protesterebbe ancora. Perché è dal 1992 che protesta, inprevisione di una previsione di sviluppo che poi l’allor presidente Sacbo Cavalli previde in 1 milione di teste. Ci avete preso tutti per deficienti?

  4. Scritto da tecconosco

    lilli non abita a Grassobbio

  5. Scritto da yak

    ma chi siete ? IN QUANTI SIETE ? chi rappresentate ? date un pò di numeri (veri) perchè io sono del COMITATO SVILUPPO AEREOPORTO , perciò siamo 1 a 1

  6. Scritto da lilli

    @22 tecconosco: mai detto di abitare a Grassobbio.

  7. Scritto da lilli

    @22: non hai scoperto l’acqua calda visto che qualche post prima ho scritto di dove sono.

  8. Scritto da Guido

    @ 9
    Cara Anna, quando una persona decide di acquistare casa nelle zone limitrofe ad un aereoporto, deve mettere in conto tutti i disagi che ne comporta. L’aereoporto esisteva già molti anni fa e quindi avresti potuto comprare casa da un’altra parte.
    Troppo facile lamentarsi adesso!

  9. Scritto da Guido

    @Bob!
    Bravo, infatti adesso si lamentano tutti dell’aereoporto, ma quando le imprese costruivano le case sono stati tutti pronti ad acquistarle.
    Potevate pensarci prima!

  10. Scritto da PERIFERICO

    Non conosco bene la situazione ma dal poco che ho letto mi sembra che spostino le rotte liberando zone dove si può ancora costruire poi una volta vendute le case rimodificano le rotte per liberarne altre . L’ennesima dimostrazione dello schifo delle politiche speculative basate in bergamasca solo sulla saturazione del territorio con colate di cemento (palazzine,centri comm.o villette a schiera non fà differenza). E della salute dei cittadini non importa proprio a nessuno!!

  11. Scritto da gigi

    partiamo dalla certezza che i tipi del “comitato” non saranno mai contenti perciò non cediamo su nulla e andiamo avanti cosi

  12. Scritto da omer

    senti Guido come si vede che sei un egoista . se la cosa nn ti riguarda smettila di scrivere e fatti i —- tuoi visto che tu nn hai il problema

  13. Scritto da Il Gaffiere

    @14 Infatti Gigi. E’ solo politica. Loro non menano, ma i noTav sì. Lì sta la differenza. Ma tra loro si sentono certi discorsi contorti che fan raccapponar la pelle…

  14. Scritto da lilli

    Io non riesco a capire…….perchè si deve dire che a quelli del comitato non andrebbe bene niente…….se solo si riuscisse ad avere un pò di pace senza essere sempre rintronati da rombi di aerei che ogni 3×2 ti passano sopra la testa ed un pò di sicurezza cos’altro si potrebbe pretendere ancora? non pensate che tutti abbiamo bisogno di una vita tranquilla e poter riposare in santa pace? dove sta l’egoismo? forse perchè poverini senza alcuni voli ci saranno persone che per andare ad Ibiza….

  15. Scritto da lilli

    …..dovranno andare a Malpensa o chissà in quale altro aeroporto? un pò di sacrificio ciascuno…..io sento un pò di rumore magari diminuito, tu invece per andare ad Ibiza prendi la tua bella mavvhinina e ti sposti altrove!!!

  16. Scritto da libera pensatrice

    I commenti da qualunquisti non portano da nessuna parte. Sarebbe opportuno prima di dar aria alla bocca informarsi meglio. Alla Malpensa si parla di disastro ambientale in quanto i boschi circostanti stanno lentamente morendo. La proèprietà ha vinto una causa con rimborso di quattro milioni di euro. A linate la class action promossa dai cittadini di alcuni paesi è approdata in Procura. Noi che siamo sotto le rotte non dissechiamo come gli alberi ma moriamo di tumore. Casa mia è del 1932.

  17. Scritto da Serendipity

    @9
    Chiedi consiglio a quelli di Vimodrone, San Donato Milanese, Segrate, Cologno Monzese, Peschiera Borromeo, Milano tutta, ecc.
    Loro sapranno certamente cosa consigliarti.

  18. Scritto da Tu chiamale se vuoi... proporzioni!!!

    Linate : Peschiera Borromeo = Orio : Grassobbio

  19. Scritto da chiarimenti

    @1quindi??scusa la mia incompetenza ma non ho capito…cmq è una bella iniziativa e anche le cose che vengono chieste mi sembrano molto ragionevoli

  20. Scritto da Guido

    Capisco le difficoltà delle persone che abitano in quelle zone, però se non sbaglio in questi ultimi anni si è continuato a costruire e comprare nei pressi dell’aereoporto. Tali case hanno dei prezzi molto inferiori rispetto ad altre zone, quindi il risparmio è compensato dai disagi.

  21. Scritto da Lassie

    Accogliamo la proposta di prolungare òa pista verso Est: un bel 6 Km
    D’altronde il progetto c’era anche negli anni 80. Ma questa proposta è stata ribadita anche di recente in consiglio comunale.

  22. Scritto da Bob

    @3
    Infatti! Perché accusano sempre quelli dell’aeroporto, che magari da lì portan a casa il pane come gli altri, ma non accusano mai i sindaci dei paesi vicini che hanno cominciato a costruire, in barba anche al VIA 2003? Poi dicono che quelli noOrio sono onesti! Chi infrange le regole è l’aeroporto. Ma vaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa…!

  23. Scritto da Ciaroka

    Leggetevi il VIA 2003 prima di parlare a vanvera
    http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf
    Non esiste un tetto dei voli. Esistono dei limiti urbanizzazione non rispettati e un piano industriale approvato e ancora in corso.
    Il tetto è invenzione elettorale di Tentorio.

  24. Scritto da lilli

    @5: la mia casa a stezzano è dal 54 che esiste quindi non rientro nelle persone che hanno comperato casa quando c’erano già i disagi, tant’è che a me il problema è iniziato a sorgere quando avevano deciso di far passare gli aerei sopra l’autostrada cosa che non avviene. allora….con chi me la devo prendere? con chi non fa rispettare le rotte o con il mio sindaco?

  25. Scritto da Chel del vün

    @2
    Ma niente. Dicevo solo (cfr. http://www.asaeroporti.it) che Linate ha quasi il doppio dei voli di Orio e gli stessi passeggeri. I paesi attacati a Linate sono Peschiera Borromeo, Linate, ecc. ecc. Tutta gente di cui sentiamo tutti i giorni.
    Milan l’è un gran Milan (si legge con l’accento, mi riaccomando!!)

  26. Scritto da ANNA

    per Guido :Io ho acquistato casa 11 anni fa a Stezzano con prezzi molto superiori alla media in quanto vicinissima a Bergamo e senza problemi di inquinamento da aerei.
    Da 2 anni per interessi speculativi sulle zone verso Bergamo ovest (grumellina) hanno variato la rotta su Stezzano (13000 abitanti) chi mi risarcisce del danno economico e morale di questa scelta assurda