BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Popolazione mondiale: a gennaio arriveremo a 7 miliardi

In poco più di 50 anni la popolazione mondiale è aumentata di quasi 4 miliardi e per il 2050 sono previsti 10 miliardi di persone. La Terrà reggerà una tale crescita?

Più informazioni su

L'Africa subsahariana è fuori controllo quanto a crescita demograficaÈ sorprendente pensare che 80 anni fa sulla Terra vivevano “solamente” 2 miliardi di persone e che la maggior parte di esse abitavano in campagna. Ora siamo quasi 7 miliardi ( il 3 gennaio 2012 è previsto il superamento del settimo miliardo) e oltre la metà vive in città. Ma una domanda sorge spontanea: “ la Terra riuscirà a sopportare una tale popolazione ?”.

Le risposte sono tante, c’è chi parla dicendo che il pianeta non avrà abbastanza risorse per soddisfare i bisogni di tutti e c’è chi rassicura prevedendo una diminuzione della natalità.

Una cosa è certa, bisogna trovare un modo per controllare la natalità nei paesi in via di sviluppo. Alcuni di essi hanno gia risolto il problema come la Cina o il Brasile che sono riusciti a diminuire il tasso di natalità. Un altro paese che ci sta provando è l’India: attraverso un investimento sull’istruzione delle donne è riuscita a ridurre il tasso di fertilità a 1.7%.

Problemi nelle città:
Un problema che si presenta parlando di crescita è quello dell’esodo rurale, che ha spinto la popolazione a vivere nelle città. I governi dovranno stabilire nuovi piani di sviluppo urbano, per impedirne uno espansione disordinata e caotica.
 
Zone a rischio:
Attualmente al livello globale, l’Africa sub sahariana è una delle zone più incontrollabili dal punto di vista della crescita demografica, la sua popolazione cresce a ritmo maggiore della sua economia, e ciò comporta una maggior difficoltà nel controllare la natalità. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.