BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pubblicizzate il costo reale dei biglietti” Antitrust contro Ryanair

"Nelle tarrife delle pubblicit?? vanno inseriti anche i costi amministrativi". Multa di 500 mila euro. La compagnia prepara il ricorso.

Più informazioni su

L’antitrust italiana ha staccato una multa di 500 mila euro a carico di Ryanair, per “pratiche commerciali scorrette”, ma soprattutto ha imposto alla compagnia aerea di pubblicare, sulle sue pubblicità, i prezzi dei biglietti aerei includendo i costi aggiuntivi al netto, quindi i costi per il web check in, per il supplemento carta di credito e l’Iva sui voli nazionali. Quei costi che vengono automaticamente aggiunti quando si compra il biglietto e fanno lievitare il prezzo. Solo per questa questione, che l’antitrust ritiene pubblicità ingannevole, la multa ammonta a 220 mila euro. Per le altre contestazioni ci sono invece 280 mila euro di sanzione.
Ma la compagnia irlandese, principessa del low cost, non ci sta assolutamente, e annuncia di voler ricorrere contro l’imposizione di pubblicare il costo dei biglietti “comprensivo dei costi opzionali”, come si legge in un comunicato di Ryanair. “Abbiamo dato mandato ai nostri legali di appellarsi contro la decisione dell’antitrust italiana. Questa decisione manca di buon senso dal momento che tutti i passeggeri i passeggeri Ryanair hanno la possibilità di evitare questi costi amministrativi pagando con la carta prepagata MasterCard consigliata da Ryanair, che è largamente diffusa e utilizzata quotidianamente da molti passeggeri italiani per prenotare le tariffe più basse pubblicizzate di Ryanair. Questa decisione, se confermata, obbligherà Ryanair a pubblicizzare tariffe false e fuorvianti includendo costi discrezionali che molti passeggeri possono evitare ed eviteranno”.
L’Antitrust contesta inoltre la difficoltà o, addirittura impossibilità da parte degli utenti di ottenere assistenza post-vendita per il rimborso dei biglietti (o di parte di essi) in caso di mancata fruizione del volo, sia per motivi imputabili alla compagnia che per scelta del passeggero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alex

    Le altre compagnie però hanno prezzi molto più alti. Se si fa attenzione all’atto della prenotazione si riesce a apgare il prezzo reale dell’offerta, come spesso a me è capitato. Vogliono far scappare anche Ryanair che è una delle poche compagnie aeree che funziona e fa risparmiare.

  2. Scritto da gio

    mi chiedo alitalia quante multe avrebbero dovuto prendere, senza ryanair i prezzi sarebbero 10 volte piu alte

    per non parlare delle tasse che gli italiani devono pagare per mantere alitalia ,
    lega perche non chiudi alitalia

  3. Scritto da alberto

    cӏ una compagnia che funziona bene e si risparmia vogliono far scappare anche questa. grazie italia!!

  4. Scritto da Milan Orio al Serio "Il Caravaggio"

    Vai Ryanair! Non ti diciamo più portaci in Europa: per quella c’è già l’Atalanta. Ti diciamo: portaci nel mondo. Da Orio naturalmente!

  5. Scritto da andrew

    secondo me hanno fatto una cosa giustissima x una volta; è impensabile spendere 100 euro per cambiare il nome di un passeggero pagando tra l altro cifre esorbitanti per chiamare il numero 899 della compagnia, ho capito che sono low cost ma le altre compagnie low non sono così “tirchie” e se confrontate pure i prezzi sulle tratte “cool” non è che ryanair sia poi cosi competitiva; una cosa è indubbia con i clienti nn si comportano bene hai sempre l’ impressione che ti vogliano fregare

  6. Scritto da pendolare

    Io ci sto, ma perché non usare lo stesso peso e la stessa misura anche per le ferrovie dei pendolari? Loro pososno fare quello che vogliono?

  7. Scritto da barba

    Ryanair guarderà ad altri paesi tralasciando l’Italia. Così i viaggiatori italiani pagheranno i voli a prezzo pieno con Alitalia, partiranno in ritardo, saranno trattati a pesci in faccia ma avranno stampato a chiare lettere a quanti centesimi ammonta la commissione per la carta di credito e il numero verde da chiamare per restare in attesa tre ore a capire come avviene il rimborso dei biglietti.

  8. Scritto da franca perletti

    uso spesso Ryanair e il paragone con le altre compagnie low cost non regge….sta a te leggere quando clicchi sulle varie opzioni. Tra l’altro anche le altre compagnie publicizzno prima il costo senza le spese aggiuntiive, ma le vedi solo al momento della scelta! Credo sia una campagna per demonizzare Ryanair…..Chi sceglie di volare low cost sa i pro e i contro…altrimenti sceglie le linee di bandiera!

  9. Scritto da Giovanni

    come al solito dagli a Ryan air.Le solite autority a senso unico che puniscono la concorrenza e privilegiano chi ha sempre derubato i cittadini come alitalia.pardon aliroma.

  10. Scritto da jack

    Spero vivamente che l’antitrust verifica anche altre compagnie use a simili “sottigliezze”, tipo Wizzair ad esempio .

  11. Scritto da pendolare

    Perché non usano la stessa giustizia anche con le ferrovie, in cui viaggiano anche i pendolari? Perché ci sono 2 pesi e 2 misure?
    Le ferrovie possono fare quel che vogliono? Sono uno Stato nello Stato?

  12. Scritto da Manfred von Richthofen

    Con i prezzi che riesce a mantere ha tutte le ragioni a far pagare gli altri servizi…
    Basta stare attenti alle prenotazioni…
    vai Rayanair vola sempre piu’ in alto….