BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Risultati oppure lasciamo Berlusconi ai suoi divertimenti”

Il ministro bergamasco: con le ultime elezioni e i referendum un po' le balle sono girate. Ma ancora di pi?? mi ha fatto girare le scatole vedere le facce lunghe dei legisti.

Più informazioni su

"O la Lega porta a casa risultati, o se ne va e lascia Berlusconi ai suoi divertimenti". Il ministro per la Semplificazione, il bergamasco Roberto Calderoli parlando durante un’iniziativa della Lega a Mondovì, ha detto che "non è che le cose vadano tutte così bene. Con le ultime elezioni e i referendum un po’ le balle sono girate. Ma ancora di più mi ha fatto girare le scatole vedere le facce lunghe dei legisti. Non l’ha detto il medico che uno debba fare per forza il sindaco o l’assessore. La Lega è nata per cambiare le cose, non per amministrare: ora, se uno schiaffone ce lo ricorda, ben venga. Non sono preoccupato. Non ho paure se i voti della Lega vanno su o giù: nel 2001 siamo crollati – ricorda il ministro – ora siamo sopra al 10%. Per me è già un sogno ma non serve a niente se non riusciamo a cambiare questo maledetto Paese".
E’ anche un po’ questione di sfortuna. Parlando di Berlusconi, Calderoli osserva che "stare al governo è difficile, con Berlusconi lo è un po’ di più", perché "il fattore C, cioè il culo, Berlusconi non ce l’ha". Ed elenca una lunga lista di sciagure coincise con il governo del premier: "Nel 2001 ci sono state le Torri Gemelle e il terrorismo internazionale, ora c’è la crisi economica in tutto il mondo. E poi il terremoto in Abruzzo, i rifiuti a Napoli… Ogni volta che Berlusconi va al governo si scatenano le sette piaghe del Signore. Poi – ha proseguito – ci si è messo anche Fini che ha dato di matto e ha deciso di tradire. E dal luglio dello scorso anno non ha funzionato più niente perché i numeri in Parlamento non cerano più. Io tante cose di Berlusconi non le condivido, ma il nostro 10,8% se stiamo da soli può diventare anche il 15%, però con il 15% non governi".

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da già detto, tante volte

    già detto, Roberto. Già affermato e ripetuto. Tante e tante volte

  2. Scritto da via i padani dalla Padania

    detto da uno statista vero, assolutamente credibile e che sicuramente lascerà scritte pagine di storia politica italiana su tutti i sussidiari delle scuole elementari a venire per 20 secoli e oltre, questa battuta ci mancava. Calderoli vai a pescare a Pescate che l’è mi

  3. Scritto da Uovo di Pasqua-che sorpresa

    HAhA!!.VI siete accorti anche voi?…..ho avete fatto finta di non vedere e ascoltare tutto quello che è successo x tenere le poltrone romane agganciate saldamente x interesse personale alla faccia dell’interesse dei cittadini.Fatevi un bel esame di coscienza se ne avete ancora,ormai siamo abituati a questi continui editti più o meno credibili e la gente e stanca di parole gettate al vento e quasi mai accompagnate da fatti e risultati concreti…l filosofia è:togliere ai poveri x dare ai ricchi?

  4. Scritto da sergio

    ecco il gran Salvatore della Patria: la sua saccoccia, naturalmente, e quella di qualche suo amicuccio, poiché in dieci anni di governo romano è riuscito a far fallire anche la mai nata e pseudo nazione padana con tasse su tasse e super debito pubblico nazionale all’Italia…più tasse piu debito: mix quasi impossibile da raggiungere: ma con lui, anche è stato possibile..