BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contador a caccia del poker

Sabato il via alla corsa gialla dal Passage de Gois. Lo spagnolo si ?? gi?? aggiudicato il Tour nel 2007, 2009 e 2010.

Più informazioni su

Alberto Contador a caccia del poker. Il Tour de France 2011 partirà sabato dal Passage de Gois e lo spagnolo, trionfatore nel 2010, cerca la quarta maglia gialla in 5 anni. L’iberico della Saxo Bank si è aggiudicato la corsa più importante del mondo nel 2007, 2009 e nel 2010: sa bene, quindi, qual è la ricetta vincente sulle strade della Grande Boucle. Lo stesso corridore spagnolo ha mostrato dubbi sulla propria condizione di forma dopo le energie spese per conquistare il Giro d’Italia a maggio. Nessun corridore è più riuscito nell’impresa di vincere le due corse dall’accoppiata messa a segno da Marco Pantani nel 1998. La Saxo Bank, ovviamente, ha costruito una squadra per sostenere la punta di diamante. «Abbiamo cercato di scegliere la formazione che meglio si adatta alla nostra strategia globale», dice il team manager Bjarne Riis. «Siamo venuti con una squadra che può fare tutto: attaccare e difendere», aggiunge. Contador può schierarsi al via nonostante i sospetti di doping legati alla positività al clembuterolo riscontrata un anno fa. Il corridore di Pinto ha ‘accusatò una porzione di carne contaminata. La federciclismo di Madrid gli ha creduto.
L’agenzia mondiale antidoping (Wada) e la federazione internazionale (Uci) hanno fatto ricorso al Tribunale d’arbitrato sportivo (Tas). L’organismo di Losanna inizialmente aveva fissato le udienze per giugno. Poi, ha rinviato tutto all’inizio di agosto: via libera per Contador al Tour. Principale avversario dello spagnolo per la maglia gialla sarà probabilmente il lussemburghese Andy Schleck, finito secondo dietro Contador negli ultimi due tour. Schleck ha perso nel 2010 per soli 39 secondi ma quest’anno avrà il supporto del fratello Franck e l’appoggio di una squadra, la Leopard Trek, in grado di recitare un ruolo di primissimo piano nelle 3 settimane di gara. «Adesso non ha più scuse. Tutto attorno a me è al 100%. Devo solo giocar bene le mie carte al Tour», ha detto Schleck a Velonews Un altro corridore che può puntare al podio di Parigi è Samuel Sanchez del team Euskaltel-Euskadi. Il 33enne è finito quarto l’anno passato ma è un ottimo scalatore ed il percorso di quest’anno gli è molto congeniale. Il Tour del 2011 infatti celebrerà il centenario del primo passaggio della Grande Boucle sulle Alpi, con un percorso ideale per i ‘grimpeur’. Solo 64 km di crono, invece, di cui 23 a squadre.
Sebbene sia lecito aspettarsi qualche sorpresa nel corso della prima settimana sulla costa Atlantica, i ‘fuochi d’artificiò sono attesi nella terza settimana sulle Alpi, quando i corridori affronteranno il leggendario Col du Galibier e l’Alpe d’Huez. Come Schleck anche l’australiano Cadel Evans può vantare due secondi posti al Tour (2007-2008). Viene da una grande stagione ma, a 34 anni, il tempo stringe per il corridore della Bmc. Capitolo Italia: le speranze tricolori sono riposte soprattutto in Ivan Basso. La preparazione per il Tour è stata ostacolata da un incidente sull’Etna a maggio. Il varesino della Liquigas ha saltato il Giro per dedicare ogni sforzo alla caccia alla maglia gialla. Da sabato, il capitano potrà contare sull’aiuto di Daniel Oss, Alessandro Vanotti, Paolo Longo Borghini, Fabio Sabatini, Sylwester Szmyd, Maciej Bodnar, Maciej Paterski e Kristijan Koren. «Una squadra tosta e grintosa», per usare le parole del team manager Roberto Amadio.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.