BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Radici vende il Gruppo Savio e intasca 300 milioni di euro

Il Gruppo Itema ha ceduto il 100% della Savio Macchine Tessili ai francesi del Fondo Alpha e ad Intesa Sanpaolo. Alienata anche la Eutron di Pradalunga.

Più informazioni su

Il Gruppo Itema – controllato dalle famiglie di Gianni e Miro Radici – ha venduto il 100% della Savio Macchine Tessili e Eutron: il 90% ai francesi del Fondo Alpha e una quota del 10% ad Intesa Sanpaolo. Una cessione che porterà nelle tasche degli imprenditori bergamaschi circa 300 milioni di euro. La firma definitiva sull’accordo è arrivata – dopo mesi di trattative – lunedì 20 giugno ed ora passerà al vaglio l’Antitrust che dovrà approvarlo entro 60 giorni.  
Itema cede in tutto 1.350 dipendenti, compresi i 180 della Eutron di Pradalunga.
 Il Gruppo Savio, con un fatturato di 332 milioni di euro nel 2010, ha stabilimenti in Italia (Pordenone e Pradalunga), Svizzera, Belgio, Germania, Cina (Jining e Sunzhou) e India. Alpha è stata assistita nell’operazione dallo studio legale Pedersoli e Associati, mentre Itema è stata assistita dallo studio legale Grande Stevens.
Alpha e il management del Gruppo Savio, guidato dall’amministratore delegato Lorenzo Cucchetto, che manterrà la gestione, hanno espresso l’intenzione di continuare nel percorso di crescita e di internazionalizzazione della società. In particolare in Asia, un’area che rappresenta il maggior mercato in assoluto per le macchine tessili.
Edoardo Lanzavecchia, managing partner di Alpha, ha dichiarato: "Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto per acquisire Savio, un Gruppo italiano con grandi competenze tecnologiche, vincente su scala globale, gestito da un management di levatura internazionale. Supporteremo Lorenzo Cucchetto e il suo team nei suoi programmi di crescita sui mercati di tutto il mondo".
Un’assicurazione che interessa in particolar modo i 180 dipendenti della Eutron di Pradalunga, che produce schede e componenti elettronici, impegnati con i sindacati per il rinnovo dell’integrativo (il prossimo incontro è fissato per il 7 luglio).
 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da un sognatore

    Il grande sogno di una società di elettronica non può scomparire in mezzo ad un articolo che parla di finanza e debiti. Bergamo può e deve credere nella manifattura, nella produzione di beni e servizi, nella creazione di valore sul territorio. Forza Eutron ..mostra ai francesi quanto vali!! Mostra a te stessa, ai tuoi collaboratori, ai tuoi dirigenti che sei una grande azienda. I tuoi prossimi ventanni servono per diventare finalmente adulti e indipendenti!!

  2. Scritto da Renzo

    Questi sono i meccanismi per cui siamo in braghe di tela , perdere tecnologia e produzione, la vera ricchezza. Gli ultimi 10 anni hanno mascherato il problema con l’edilizia ma non si può andare avanti in eterno (quanti immigrati dovrebbero arrivare ?). Adesso è arrivato e continua ad arrivare il conto da pagare.

  3. Scritto da rf

    L’Italia, Padania compresa, ritornerà ad essere ciò che storicamente è sempre stata: una colonia in mano allo Straniero.
    L’Italia è una nazionepotenzialmente già morta. ‘ solo una questione di tempo certificarlo.

  4. Scritto da Giorgio

    Altre attività produttive cedute all’estero. Francesi e tedeschi comperano, noi vendiamo. Ormai è una tragedia totale

  5. Scritto da Bergamo

    i francesi comprano, i nostri imprenditori vendono. Vero è che questi gruppi non sono più italiani, ma la cosa fa comunque pensare.
    Cosa farnno i Radici con 300 milioncini?
    Investiranno?
    In Italia?
    O compreranno partecipazioni in cliniche private, come pare abbia fatto Tenaris?
    Rende di più la sanità pubblica (di finanza) e privata (di gestione)?
    Sono domande legittime, alle quali i Radici non hanno nessun obbligo di rispondere, ma fanno riflettere sulla competenza dei nostri imprenditori.

  6. Scritto da Osservatore attento

    Con i soldi incassati si ripianano le perdite e le esposizioni bancarie. Ma Miro Radici è ancora intenzionato ad investire nel tessile ed in Valle Seriana, terra da dove è partito per raggiungere il successo imprenditoriale?

  7. Scritto da Max

    Con i 300 milioncini riducono l’esposizione bancaria. Altrimenti mai avrebbero venduto due gioielli come Savio ed Eutron…….

  8. Scritto da io sto con chi lavora

    Ormai i francesi si comprano tutta l’Italia……Parmalat, Edison, gruppo Savio centri commerciali……