BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ivan protesta per la piazzetta: “Dove ?? finito il verde?”

"Dove sono finiti gli alberi?", uno studente invita a lasciare un pezzo di terra sul piazzale antistante la sede centrale della banca a Bergamo.

Più informazioni su

C’è chi, la nuova piazzetta del Credito Bergamasco (completatata poche settimane fa) in largo Porta Nuova a Bergamo, non piace. Come Ivan di Mozzo, studente delle serali del Liceo Artistico “Manzù”. Il ragazzo ha allestito una piccola “mostra” di protesta sul ciotolato dove intorno ad un cartellone (“Adesso c’è solo cemento, adesso ci sono 4 alberelli per crescere in un metro di terra, adesso non c’è più ombra. Solo ricordi, adesso c’è in bella vista il cemento e pietre. E adesso?”) ha posizionato zolle di terra e teschi. Un’ “esposizione interattiva” perché a fianco c’è l’invito di prendere della terra e abbandonarlo sul piazzale come “gesto simbolico”.
“E’ un’iniziativa personale – spiega Ivan – voglio protestare sulla composizione della nuova piazzetta. Dove sono finiti gli alberi precedenti che davano un po’ di verde ed ombra nella calura dell’estate? Ora hanno piantato questi alberelli, quanto ci impiegheranno a crescere, 20 anni?”.

 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da genu

    RISPOSTA PARZIALE E FORSE INCOMPLETA :
    sicuramente 2 alberi sono stati piantati prima del parco di monte rosso, per intenderci vicino alla rotonda.

  2. Scritto da robi

    Grande Ivan, mi chiedevo in effetti perchè nessuno ne parlasse di questo scempio…

  3. Scritto da golia

    ivan vai a studiare cosi non fai i serali che è meglio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Scritto da Enrico

    Ivan ha perfettamente ragione.

  5. Scritto da prof.acerbis

    mi sembrava strano che ancora nessuno si fosse lamentato… la piazzetta è uno schifo, e ora poi che arriva il sole batttente è ancora piu’ brutta, assolata, arida con quelle 4 piantine che pescano nel cemento…ma sono vere o di plastica? Era molto piu’ bella prima, la gente si fermava volentietri a rinfrescartsi e a chiaccherare… ora va beh, e pensare che ci ho pure il conto al credito, ma mi stanno dando tante di quelle seccature e non solo per la piazzetta. NEGATIVO

  6. Scritto da gigi

    completamente d’accordo meno verde e più cemento e ombra fra 20 anni…….le piante di prima erano migliori

  7. Scritto da Basta simbolismi

    Da una piazza verde a una piazza di plastica, se questi sono i regali alla città dall’imprenditoria bergamasca che vuole festeggiare il proprio anniversario, Dio ci salvi.
    A breve anche una Galleria d’arte moderna in un luogo inaccessibile solo per commemorare il dobe dell’UBI Banca dopo quello della svalutazione delle proprie azioni, a poveri investitori bergamaschi. Basta simbolismi, li abbiamo già provati in un famoso ventennio!!!

  8. Scritto da Guido

    Condivido con il caro lettore, come al solito hanno tolto quel poco di verde che c’era per far posto alla classica cementificazione.
    Per fortuna non ho il conto al Credito, altrimenti l’avrei tolto immediatamente.

  9. Scritto da tino

    completamente d’ accordo con Ivan, se anche la piazzetta fosse privata (non lo so) era opprtuno salvaguardare le belle piante di prima

  10. Scritto da Bergamasco doc

    Perfettamente d’accordo. Gli alberi nani rendono piu’ visibile e piu’ monumentale la facciata del CredBg, e forse era quello che si voleva per il 120mo dalla fondazione. E’ una storia semplice…

  11. Scritto da Guido

    @ prof.acerbis
    Cominci pure col togliere il conto!