Codice della strada

Patente, ecco tutte le nuove regole

Entrano in vigore le direttive previste dal nuovo codice della strada sui permessi di guida. Novità per auto, moto e scooter.

Cambiano le regole per prendere la patente. In questi giorni stanno infatti entrando i vigore le direttive previste dal nuovo codice della strada sul rilascio dei permessi di guida, valide sia per le auto che per moto e scooter.

Le regole comuni
Per ottenere una patente A o B (per moto o macchine) bisognerà superare un esame teorico ed una prova pratica. Il test teorico, che fino allo scorso gennaio contava trenta domande per un massimo di quattro errori, presenta ora quaranta domande “vero o falso” da affrontare sui computer della Motorizzazione: gli errori possibili sono però sempre quattro. Per sostenere la parte teorica, bisogna presentare due certificati medici rilasciati non più di novanta giorni prima dell’esame stesso: un certificato di idoneità fisica e un’attestazione delle più importanti malattie pregresse che possano influire sulla guida, entrambi rilasciati da un medico da cui si è in cura da almeno un anno.

Il foglio rosa viene ora rilasciato ad automobilisti e motociclisti solo dopo aver superato il test di teoria, e non più al momento stesso di iscrizione alla patente. Il foglio rosa dura sei mesi, permette di esercitarsi alla guida e di sostenere l’esame pratico; alla prova pratica ci si può iscrivere almeno trenta giorni dopo l’ottenimento del foglio rosa, e si hanno due tentativi possibili. Se nell’arco dei sei mesi di durata del foglio rosa non si riesce a superare l’esame pratico, il documento viene ritirato e bisogna ripetere anche il test teorico. Da marzo, la prova pratica è obbligatoria anche per i “cinquantini”, di fatto ora equiparati alle moto.

Le auto
Una volta superata la prova pratica, gli automobilisti neopatentati non possono guidare macchine sportive e auto potenti in genere. Durante il primo anno di patente, si possono infatti condurre solo autovetture con una potenza specifica non superiore ai 55 KiloWatt per tonnellata di tara e comunque non superiore ai 70 KiloWatt di potenza assoluta. Nessun limite di potenza invece per le auto guidate durante le prove effettuate con il foglio rosa. Per conoscere i dati riferiti alla propria auto, è sufficiente collegarsi a www.ilportaledellautomobilista.it, sito gestito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Moto, scooter e microcar

Il foglio rosa permette agli aspiranti motociclisti di circolare su strade secondarie e poco trafficate per esercitarsi alla guida. Solo nel caso delle microcar è consentito circolare con un passeggero in qualità di istruttore che, come nel caso delle auto, non deve avere più di 65 anni e deve essere in possesso della patente di guida “B” da almeno dieci anni; sulle microcar devono anche essere apposte in bella vista le “P” di “principiante”.

Per l’esame pratico dei ciclomotori, il candidato può scegliere a propria discrezione di sostenere la prova su un mezzo a due, tre o quattro ruote: la differenza maggiore sta nel fatto che, sostenendo l’esame su una microcar, l’esaminatore siederà al fianco del candidato, che dovrà dimostrarsi abile non solo in slalom e frenate, ma anche in parcheggi e manovre, proprio come su un’auto.

Le norme future
Altre direttive entreranno in vigore nei prossimi mesi. A breve dovrebbe arrivare la norma che permetterà ai possessori di patente “A1” (quella per i motocicli con cilindrata massima di 125 cc) di ottenere il foglio rosa a 17 anni; attese novità anche sui corsi tenuti dalle autoscuole, che, per le auto, dovranno prevedere almeno 4 ore di guida in autostrada e 2 di guida con il buio.
Dal prossimo 13 agosto, infine, scatterà l’obbligo di certificare tramite test medici il non-uso di droghe e il non-abuso di alcool per chiunque dovrà conseguire per la prima volta una qualsiasi patente.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI