BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giovanni Paolo secondo diventa Beato

A Roma grandi celebrazioni per il papa più amato

Più informazioni su

Ci saranno ottantasette delegazioni e sei capi di stato alla tre giorni di celebrazioni per la Beatificazione di Karol Wojtyla, Papa Giovanni Paolo Secondo. Il lungo evento inizia con una veglia al circo Massimo il 30 aprile, prosegue con la celebrazione solenne presieduta da papa Benedetto XVI del primo maggio in san Pietro (a cui sono attesi circa un milione di fedeli) e si conclude con una messa di ringraziamento lunedì 2.

La solenne messa di beatificazione in Piazza San Pietro viene celebrata alle 10, preceduta da un’ora di preparazione, con preghiere comuni dedicate alla Divina Misericordia, tanto cara al Papa polacco.  Ad animare la messa, che verrà trasmessa da la Cappella Musicale Pontificia e dal Coro della Diocesi di Roma, insieme all’Orchestra di Santa Cecilia. Al termine della cerimonia di beatificazione, la facciata della basilica espone l’arazzo che raffigura il nuovo beato.

Finita la cerimonia, prima il Papa con i cardinali, poi le delegazioni ufficiali e infine il ”serpentone” dei fedeli sfila e prega davanti al feretro contenente le spoglie del beato, posto all’interno della basilica davanti all’Altare della Confessione.

La messa di ringraziamento del 2 maggio, alle 10.30, sara’ invece la prima celebrata in onore del nuovo beato, con la partecipazione anche del Coro di Varsavia e dell’Orchestra Sinfonica di Wadowice (citta’ natale di Giovanni Paolo II) e chiudera’ il ciclo delle liturgie dedicate alla beatificazione.  La Rai segue l’evento in mondovisione,  con una trasmissione televisiva con inizio alle 9 e in streaming, nel sito ufficiale. 

LA VITA DI KAROL WOJTYLA

Nato il 18 maggio 1920 a Wadowice (Cracovia) in Polonia, ordinato sacerdote nel 1946, consacrato Vescovo nel ‘58, eletto Cardinale nel ‘67, Karol Wojtyla  salì al Soglio Pontificio il 16 ottobre del 1978. L’anno dei tre Papi (Paolo VI morì il 6 agosto, Giovanni Paolo I il 28 settembre), del sequestro e dell’assassinio di Aldo Moro, delle dimissioni di Giovanni Leone dalla Presidenza della Repubblica e dell’elezione di Sandro Pertini come successore nella medesima carica. Mesi cruciali nella storia italiana e mondiale. In soli due anni il mondo vide affermarsi un nuovo modello liberal-conservatore con l’elezione di Margaret Thatcher a Primo Ministro in Gran Bretagna e di Ronald Reagan a Presidente degli Stati Uniti d’America. Probabilmente ancor più importanti nell’agosto del 1980 i primi scioperi di Solidarnosc in Polonia, l’inizio della fine dell’impero sovietico, che arrivò dieci anni più tardi.
E’ stato un lungo Pontificato quello di Giovanni Paolo II, che si è concluso con la sua morte il 2 aprile del 2005. Quasi trent’anni caratterizzati dall’intensa attività pastorale, dal carisma e dalla forza comunicativa, dalla sensibilità per le questioni sociali ed etiche. Hanno lasciato una traccia indelebile la spinta ecumenica al dialogo interreligioso, la difesa della pace e dell’umanità sofferente, il perdono chiesto al popolo ebraico. La sua beatificazione arriva a soli sei anni dalla morte.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.