BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Terzo ko stagionale contro il Livorno L’Atalanta ha paura della serie A

I nerazzurri, in vantaggio con Bonaventura, si fanno rimontare dagli amaranto ed arriva l’ennesima sconfitta per 2-1 contro i toscani dopo la gara di andata e il match di Coppa Italia.

Più informazioni su

I nerazzurri, in vantaggio con Bonaventura, si fanno rimontare dagli amaranto ed arriva l’ennesima sconfitta contro i toscani dopo la gara di andata e il match di Coppa Italia.

LIVORNO-ATALANTA 2-1
RETE: 3’st Bonaventura, 10’st Dionisi, 18’st Danilevicius.
LIVORNO (4-4-2): De Lucia; Salviato, Miglionico, Knezevic, Lambrughi; Schiatttarella (33’st D’Alessandro), Parravicini (23’st Barusso), Iori, Luci; Danilevicius, Dionisi (39’st Tavano). All. Novellino.
ATALANTA: Consigli; Bellini, Troest, Manfredini, Peluso; Pinto (25’st Ceravolo), Carmona (28’st Delvecchio), Barreto, Bonaventura; Tiribocchi, Bjelanovic (17’st Ruopolo). All. Colantuono.
NOTE: ammoniti Schiattarella, Peluso, Dionisi, Carmona. Espulso Bellini.

SECONDO TEMPO
50′: è finita. Livorno-Atalanta 2-1.
48′: colpo di testa di Ruopolo che finisce sul fondo di un nulla.
46′: saranno cinque i minuti di recupero.
45′: Delvecchio, tutto solo, sbaglia clamorosamente il colpo di testa da pochi metri. Si conferma, più di Marilungo, autentico oggetto misterioso del mercato invernale atalantino.
44′: si profila una sconfitta, meritata, per l’Atalanta.
39′: standing ovation per Dionisi, al suo posto Tavano.
36′: in dieci i nerazzurri fanno fatica a superare il centrocampo.
33′: secondo cambio per il Livorno: fuori uno strepitoso Schiattarella, dentro D’Alessandro.
30′: ammonito Bellini per un fallo su Schiattarella. Secondo giallo e cartellino rosso per il capitano. Piove sul bagnato.
28′: ultimo cambio per Colantuono: Delvecchio entra in campo per Carmona.
27′: Consigli evita il terzo gol respingendo una conclusione velenosa su punizione di Iori.
26′: ammonito Carmona.
25′: altra sostituzione per l’Atalanta, dentro Ceravolo, fuori Pinto.
23′: cambio per Novellino, dentro Barusso per Parravicini.
22′: ammonito Dionisi.
18′: risultato ribaltato, a segnare Danilevicius ben imbeccato da Dionisi. Livorno-Atalanta 2-1
17′: primo cambio per Colantuono, dentro Ruopolo per uno spento Bjelanovic.
16′: occasionissima per Danilevicius, anticipato di un soffio da Troest.
16′: giallo a Peluso.
15′: partita viva al Picchi con i nerazzurri che ora cercano di fare male in contropiede.
10′: arriva il pareggio del Livorno con Dionisi che resiste a Troest ed insacca a tu per tu con Consigli.
9′: Troest provvidenziale su Danilevicius. La sensazione è che quella atalantina sia stata solamente una fiammata, ma che brucia terribilmente per il Livorno.
8′: gol annullato a Dionisi per fuorigioco, ma Peluso lo teneva in gioco.
7′: adesso se ne va via con un pallonetto in fascia. Champagne.
6′: ancora il talento vicino al gol dalla stessa mattonella della rete. Se riceve palla frontale alla porta, sono guai per i livornesi.
5′: incredibile Bonaventura, alla prima zampata l’ha messa dentro. Talento vero.
4′: subito la reazione del Livorno con la sassata di Iori che sibila vicino al palo destro di Consigli.
3′: è seeeeeeeeeeeeempreeeeeeeeeeeeeeee il taleeeeeeeeeeeeeento. Bonaventura sblocca il risultato con un interno destro magico che si infila alle spalle di De Lucia.

2′: destro violento da parte di Dionisi da posizione impossibile. Fuori.
1′: ripartiti!

PRIMO TEMPO
47′: finisce il primo tempo. Più Livorno che Atalanta.
45′: saranno due i minuti di recupero.
43′: al minuto 43 arriva la prima conclusione in porta per l’Atalanta con Tiribocchi. Tiro troppo centrale per il bomber.
39′: la differenza, per il momento, è la maggior grinta che gli amaranto stanno mettendo in campo.
37′: traversa clamorosa di Luci che in acrobazia impatta contro il legno a Consigli battuto. Atalanta in difficoltà che cerca di affidarsi a contropiedi poco convinti.
36′: palla in mezzo di Iori, Peluso spizzica e allontana il pericolo.
35′: continua l’aggressività del Livorno.
32′: Parravicini tenta la bomba dai 25 metri, Consigli con un colpo di reni mette in angolo. Il portiere c’è.
29′: dopo un piccolo break nerazzurro sono di nuovo i toscani a fare la partita.
24′: l’Atalanta fa fatica a trovare spazi là davanti, il Livorno si affida soprattutto con tiri da fuori.
19′: Schiattarella tra le due linee libera il sinistro, ben parato da Consigli.
18′: ammonito Schiattarella.
17′: Salviato viene chiuso in extremis da Peluso.
11′: destro velenoso di Barreto che attraversa indenne tutta l’area piccola di De Lucia.
9′: bella sgroppata di Peluso sulla sinistra, peccato che il cross sia sbilenco e finisca in fallo di fondo.
6′: destro di Iori da fuori area. Palla poco alta sopra la traversa.
5′: più Livorno che Atalanta in questo inizio partita. Pressano alti gli uomini di Novellino.
2′: il primo tiro è del Livorno con Parravicini. Para facile Consigli.
1′: partiti!

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da atalanta

    Questa squadra cosi’ come è il prossimo anno è impresentabile in serie A, il problema è che minimo bisogna cambiare 8 undicesimi della squadra. Ma Colantuono non puo’ almeno far giocare qualche giovane della Primavera? Tanto perso per perso…..NO? Troppo difficile….
    Io dico, hai 11 punti di vantaggio sulla terza, non riesco a capire come non si possa cercare o tentare di giocare un po per lo spettacolo, molto probabilmente è proprio una questione tecnica….aiè mia bu’..

  2. Scritto da luca r.

    bye bye colantuono e con te altri 3 o 4 giocatori oramai bolliti in primis bellini.

  3. Scritto da 1907/b

    dove sono i “duri e puri” che difendono sempre la squadra a prescindere ??? si son persi sugli appennini ?? ottimo !!

  4. Scritto da franz58

    Il fatto che l’Atalanta con il suo nin gioco sia secona con 11 punti di vantaggio sulla terza la dice lunga sulla mediocrità di questo campionato.
    Io quest’anno non sono riuscito a vedere una partita da ricordare per il gioco, il punteggio……
    Tanti soldi spesi molto male: Delvecchio, Bjelanovic, Ardemagni, Basha, Dalla Bona, Marilungo (dov’è finito?) erano proprio necessari? Hanno aggiunto qualcosa?

  5. Scritto da Ezio

    Con questo allenatore non si può pretendere, bruciati gli investimenti dei giocatori giovani ( Ardemagni prima, Pettinari, Marilungo, Basha) ed in campo , ad esclusione del furiclasse e insostituibile Doni ,vecchi bolliti ( Bellini, Dal Vecchio, Tiribocchi). Ieri una pena

  6. Scritto da Sergio-Svizzera

    Di quale “meravigliosa cavalcata” parla Zamagna se contro Siena, Novara, Varese, Crotone,Livorno e Reggina abbiamo racimolato 7 miseri punti su 32 in palio? Forte con le squadre deboli ( con qualche aiuto arbitrale) e debole con quelle di medio livello, questa è l’Atalanta di Colantuono. E c’è solo da sperare che gli dei non scatenino sventure, altrimenti con questa media ( 3 partite un solo punto) ci giochiamo la A in famiglia, cioè contro l’Albino-Leffe.

  7. Scritto da arsenal gooners

    PURTOPPO IL CALCIO ITALIANO E DIVENTATO DI LIVELLO BASSO..

  8. Scritto da X TE

    perchè non vieni a trovarci caro 1907/b??…. ti offriremmo le delizie della nostra cucina….dai,vieni a trovarci!

  9. Scritto da Nauseato

    Abbiamo vinto solo contro le squadre piu’ deboli e pure li’ senza entusiasmare ed il demerito del mister e’ enorme.Non una briciola di gioco,ha una rosa di 28 giocatori e tutte le volte ha una scusa:vento,caldo,campo,pioggia,24 ore in piu’ di riposo nelle gambe,si e’ sempre costretti a vincere,la B e’ un campionato duro..(ma se la B e’ dura,la A cos’e’ allora?).E per ultimo dire che il primo posto non conta…SI E’ VISTO IERI SERA INFATTI…I GIOCATORI TI HANNO ASCOLTATO E SI SONO ADATTATI!!

  10. Scritto da atalantino

    zamagna il fantacalcio lo vedremo in serie a (forse) con questo allenatore e con i giocatori che hai procurato ( 5 reti a partita sono assicurate per gli avversari)

  11. Scritto da antonio

    da quando non ci regalano più i rigori è diventata dura

  12. Scritto da 1907/b

    aooooooooooooo che scuadrone ! non vedo l’ora di vederla in A, nello stadio nuovo di Oltre il Colle per sbellicarmi dalle risate !

  13. Scritto da Alberto

    Questo il risultato di uno “spogliatoio” demotivato. Quando l’allenatore rilascia dichiarazioni come quella recente, non si può pretendere che i giocatori entrino in campo con la “fame” di vittoria. Come previsto la fame ce lìhanno gli altri !

  14. Scritto da deluso

    non ho visto una sola partita quest’anno che mi abbia entusiasmato, solo noia, noia, noia …. da non riuscire più a guardarla e allora cambio canale. in serie A con questo gioco ??? per la fine del girone di andata saremo di nuovo in B !!!!!
    non si può pensare di vincere senza tirare una sola volta in porta, Penosi !!!!

  15. Scritto da mari62

    L’Atalanta non deve aver paura della serie A , ma del non gioco che il mister ha praticato per tutto il campionato. Appena si è girata la fortuna i limiti sono venuti a galla. In serie A si va sicuramente, ma messi così quanto ci si rimane? E poi Pettinari e Marilungo perchè non hanno le stesse possibilità date ad altri giocatori che stan facendo ridere e sono sempre in campo?