BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un Messi stratosferico affonda il Real Madrid fotogallery

La luce di Leo Messi si accende sul Clasico quando la bellezza sembrava ormai bandita dal campo del Bernabeu.

Più informazioni su

La luce di Leo Messi si accende sul Clasico quando la bellezza sembrava ormai bandita dal campo del Bernabeu. Il Pallone d’Oro punisce con una doppietta memorabile nell’ultimo quarto d’ora un Real horror disegnato da Mourinho solo per difendere, ma a quel punto già ridotto in dieci. Il secondo gol dell’argentino è un lampo folgorante alla Maradona, uno slalom tra i difensori impotenti. La finale di Champions è ormai nelle mani del Barcellona, per il Machiavelli portoghese una dura sconfitta con espulsione al 63′ per aver ironizzato sulla cacciata poco prima del rude Pepe. Quest’ultimo è uno dei simboli della rinuncia a giocare: un difensore centrale schierato a centrocampo. Ancora una volta il Real ha finito in 10 contro il Real, ma forse è solo il prezzo che si paga per tentare di non far giocare la meraviglia di Guardiola. Mourinho invece parla di strapotere politico del Barcellona e di «schifo» di fronte a quelle che considera tremende ingiustizie, in particolare l’espulsione di Pepe. In realtà, la finale giustifica i mezzi, ma al confronto di Mourinho l’autore del ‘Principè era un idealista. Nel primo tempo del Real solo Cristiano Ronaldo resta dietro la linea della palla e si arrabbia con i compagni che non pressano. Il Barca prova a fare il Barca, però con la muraglia cinese dello Special One è dura. Villa sfiora il gol con un tiro a giro al 10’, Messi non riesce a liberarsi ma manda Xavi al tiro in area: Casillas respinge. Tensione sull’arbitro Stark, il Barca chiede il giallo per un mani di Ramos, poi il rosso per Arbeloa e per Marcelo, ma invano. Ramos sarà ammonito nella ripresa e non ci sarà al Camp Nou. Il Real praticamente non tira in porta. Parapiglia a bordo campo prima del ritorno negli spogliatoi, si distingue il portiere blaugrana Valdes. Mourinho nella ripresa mette il lungo Adebayor per l’inutile Ozil e le merengues cercano di alzare un pò la testa. Si continua a giocare male e a picchiare, finchè Pepe non entra scomposto su Dani Alves: rosso, forse eccessivo. Mourinho prima ne parla con il capitano del Barca Puyol, poi irride al guardalinee dicendogli ‘Ben fattò in inglese, più volte, e mostrandogli il pollice. Fuori anche lui, si siede in tribuna. A quel punto el toro blanco è pronto per la mattanza. Pedro manda fuori di testa a porta vuota dopo un miracolo di Casillas su Villa. Guardiola lo toglie, mette Afellay e l’olandese a 14’ dalla fine salta Marcelo a destra, crossa da ala vera, Messi anticipa il difensore sul primo palo e di sinistro fa 1-0. Primo gol subito dal Real in casa in questa Champions. Caduto il fortino, arriva la meraviglia. Il Pallone d’Oro chiede sponda a Busquets sulla trequarti e parte da solo: slalom tra gli avversari, palla dal sinistro al destro e rasoterra morbido a incrociare sul palo lontano. Undici gol in 11 partite in questa Champions: non chiamatelo più ‘la pulcè, è troppo riduttivo. Il Barca ce l’ha, al Real resta solo la teoria del complotto e un ritorno da ‘mission impossiblè, come dice il suo condottiero furente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sempre Mou

    E’ vero che il Barcellona gioca bene fa del possesso palla la sua arma.. ma è altrettanto vero che appena vengono toccati si buttano a terra tarantolati..l’anno scorso con l’Inter ora col Real, insegnare anche un pò di etica sportiva oltre alla tecnica/tattica non sarebbe male…

  2. Scritto da Unicef

    A guardiola piace vincere facile: cantera, giovani, gioco spettacolo sono lo specchio per le allodole… giocano bene ma sono anche stra FAVORITI!.. non sono interista ma questa volta stò con Mou

  3. Scritto da Ahaha..Ma quali aiuti?

    Nettamente piu’ forti di tutti,non c’e’ paragone,una delle migliori squadre di sempre,se non la migliore. Il buffone ha fatto la figura del cioccolataio stavolta…poteva lasciar fuori anche Cristiano Ronaldo e mettere un altro difensore a fare la punta,visto come ha impostato la partita

  4. Scritto da imparare da chi è più bravo

    Victor Valdes, Puyol, Xavi, Iniesta, Messi, Pedro, Bousquets etc..etc..provengono tutti dalla primavera e adesso sono lì ad un passo dalla finale.
    Non dico di aspettarmi di raggiungere quei livelli, ma la strada è quella e dobbiamo tenerne conto.
    Con il nuovo presidente mi sembra che si stia tornando verso quella direzione (conferma di Favini e più risorse per il settore giovanile parlano chiaro)….non ci resta che aspettare un 3 o 4 anni e vdremo che cosa raccoglieremo. Solo Atalanta!