BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Angeloni (Pd): “Vane promesse sulle telecamere e costano 80 mila euro all’anno”

Il consigliere comunale d'opposizione critica "la mancanza di vere politiche sulla mobilit??" da parte della Giunta Tentorio. "Il via libera per le telecamere ai varchi di Citt?? Alta ?? di sei mesi fa, ma non se n'?? fatto nulla".

Più informazioni su

“Questa amministrazione è attiva e impegnata solo nel fare promesse: sono i risultati che mancano. Gli annunci spot del vicesindaco Gianfranco Ceci sono noti, non è la prima volta che glie ne chiediamo conto anche in consiglio comunale”: parole di Giacomo Angeloni, consigliere comunale del Pd, che ha letto la lettera pubblicata questa mattina (28 aprile) da Bergamonews.it, scritta da un lettore stufo di attendere l’attivazione delle telecamere ai varchi di Città Alta, più volte promessa.
”La lettera pubblicata dal vostro giornale fa notare quanto gli stessi cittadini non credano più a questa giunta e alle sue politiche inesistenti – aggiunge Angeloni -. Le telecamere ai varchi delle Ztl sono state volute e installate dalla precedente amministrazione nella primavera 2009. All’assessore Ceci spettava il compito di chiedere l’autorizzazione del Ministero: richiesta avanzata solo lo scorso luglio, e accolta comunque all’inizio di ottobre, ben sei mesi fa. Certo, all’inizio il nuovo sistema potrebbe creare un po’ di confusione e qualche disservizio, come capita spesso quando si introduce un cambiamento: proprio per questo prima di entrare a regime sarebbe necessario avviare una prima fase sperimentale, che però non è mai partita”.
“Ad essere colpiti da questa paralisi amministrativa non sono soltanto i residenti del borgo storico – aggiunge Angeloni – ma tutti i contribuenti bergamaschi: il sistema di videosorveglianza costa ad Atb (e quindi al Comune) oltre 80mila euro l’anno di manutenzione. Soldi buttati, visto che le telecamere restano completamente inutilizzate".
Secondo Angeloni la lettera di un lettore di Bergamonews individua "solo uno dei problemi di mobilità che avrebbero bisogno di un intervento da parte dell’amministrazione: non esiste una reale politica di alternativa all’utilizzo dell’auto, i servizi a supporto della mobilità dolce sono concentrati solo nel centro città, i parcheggi di interscambio vengono progressivamente abbandonati, perché non collegati da un reale servizio a supporto della sosta negli stessi. Esistono poi Ztl di serie A e Ztl di serie B: i dissuasori mobili di via Tasso sono rotti da anni e le macchine passano, via Pignolo è ormai piena di auto parcheggiate senza permessi. Nella ztl di quartiere Finardi invece pochi giorni fa sono stati sostituiti i dissuasori mobili e in confronto a via Pignolo sembra un isola felice. Perché? L’attendismo di Ceci su tutte queste questioni rafforza la nostra convinzione che il centrodestra non ha una reale politica sulla mobilità, con buona pace della qualità della vita”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Presso altri basti un cartello "ZTL", da noi no

    Noto con sconcerto che a 2011 inoltrato c’e’ ancora chi non riesce a concepire l’idea, tanto meno la sua realizzazione, di recarsi in citta’ alta e in via tasso/pignolo senza una zavorra metallica automovente sotto il deretano. Per non parlare di chi si chiede perche’ un budello storico come via tasso/pignolo largo 4 metri con negozi e senza marciapiedi dovrebbe essere una ztl. In ogni caso tranquilli: basta fregarsene e la ztl non c’e’ piu’, come avviene gia’ oggi quotidianamente.

  2. Scritto da ridicoli

    saranno state serie le ztl di bruni

  3. Scritto da lara

    Il consigliere comunale ha ragione.
    Bisogna fare qualcosa per la mobilità e investire sulla metropolitana leggera. Bergamo deve dare il buon esempio agli altri Comuni.
    Ad aspettare la Regione non si ottiene nulla e le provincie dovrebbero essere già state soppresse se si fosse rispettato il programma di governo.

  4. Scritto da illic

    cara cri forse non sai che il progetto delle telecamere era pronto e la nuova amministrazione non ha fatto nulla per renderlo operativo..
    Angeloni sta denunciando un problema,quello della mobilità alternatva all’auto che questa giunta ha dimenticato ..
    le polemiche con la precedente amministrazione sono fuori tempo massimo,il centro sinistra a Bg ha una nuova classe diorigente pronta a governare..

  5. Scritto da Cri

    Ma se le telecamere le ha messe la precedente amministrazione, senza mai farle funzionare..da che pulpito viene la predica??

  6. Scritto da luca

    spiegatemi perchè via pignolo alta deve essere ZTL. io la trovo una scelta senza senso fatta dalla precedente amministrazione solo a privilegio di pochi. anche io allora voglio ZTL la via di casa mia perchè mi dà fastidio il rumore delle macchine. non esiste!

  7. Scritto da Andrea

    Ma Ceci cosa dice? La redazione di BGnews ha provato a sentirlo?

  8. Scritto da Uno che non abita in città alta

    Ma infatti se Ceci avesse detto “Noi le telecamere le togliamo, basta con le Ztl che son cose da comunisti”, se ne poteva discutere. Se invece la dichiarazione è “al via tra 90 giorni” e poi non partono….

  9. Scritto da Maria Grazia Bonicelli

    come consigliere della prima circoscrizione, su via pignolo e via tasso è da quando si è insediata la giunta tentorio che denunciamo la mancata rimessa in atto dei pilomat e ci sentiamo dire che sono in arrivo le telecamere, che presto risolveranno il problema…intanto via tasso intasata di macchine, fino alla chiesa ..i vigili si vedono solo il giorno del mercato…per il resto dice “non ci possono fare niente.” (ah sì, sono del pd anch’io…che ci possiamo fare? siamo cittadini attenti)

  10. Scritto da luigi ferrara

    Uno del Pd qui, una del Pd a Treviglio. Su questo giornale i rapporti di forza sono del tipo: 80% Pd, 15% Lega, 5% Pdl. Par condicio?

  11. Scritto da Principato di via Pignolo

    Via Pignolo… parcheggi senza permessi? ma parliamo di Via Pignolo bassa? perché a noi residenti i permessi non li danno affatto. Ci dobbiamo arrangiare, poco importa se lavoriamo fuori città a siamo costretti ad acquistare e ad usare un’auto! tutto intorno solo parcheggi blu e zone con divieto di sosta. Ma non avremmo diritto anche noi ad un parcheggio in zona? ma soprattutto, chi è il proprietario dell’area di fronte al civico 37, con tanto di sbarre? sono state autorizzate e da chi??

  12. Scritto da aldo buso

    Telecamere installate dalla precedente amministrazione e mai attivate…..
    Adesso scaricano le responsabilità sulla attuale giunta !!!
    Trattasi di impianto vecchio che andrebbe aggiornato con costi in previsione esorbitanti, e di soldi non ce n’è !!!
    E l’opposizione in merito cosa dice ?!? O si limita solo a scaricare la patata bollente ….

  13. Scritto da Ennio

    Caro Aldo Buso: se hai letto l’articolo, vedrai che le telecamere sono attive dalla primavera 2009, ovvero la fine del mandato della precedente amministrazione. Se Ceci ha impiegato due anni a contattare il ministero, direi che non è colpa di bruni stavolta.

  14. Scritto da Narno Pinotti

    BgNews, 28/4/2011, 17:51: 1 lettera e 1 articolo su telecamere in città alta. Tot 42 (28+14) commenti, di cui 3 (1+2) con nome e cognome completo; 2 dei 3 appartengono ai tanto vituperati politici.

    Tutti gli altri deridono, predicano, illuminano e dispensano soluzioni (cui nessuno era arrivato prima di loro) in forma anonima.

    Questo bell’articolo:
    http://www.ilpost.it/2011/04/28/il-declino-dellanonimato-online/
    li chiama come meritano: troll.

    Ma forse è difficile da capire. Per loro.

  15. Scritto da lo studente

    Mah… la giunta precedente le installò appena prima di passare la mano, l’implementazione era in mano a chiunque sarebbe succeduto a Bruni, o lui stesso, o tentorio. Quindi a Tentorio viste come sono andate le cose.
    Ps: ma il quartiere Finardi non è dove abita Ceci?

  16. Scritto da jack

    Scusate ma contro le ztl,in primo luogo dovrebbero protestare i commercianti che sarebbero quelli più danneggiati,le telecamere sono la più grande stro..ata degli ultimi anni non servono a nulla Brembate ne è la prova.Be per città alta cosa dire basta non andarci più,così i ricconi potranno godersi la loro città incantata,senza essere disturbati dal popolino senza cultura.

  17. Scritto da illic

    @ CRI ..ti ho già risposto;cara Cri ..ma leggo nuovamente il tuo rivolgerti al pilpito,che se ci pensi..non c’è più ..con la giunta Tentorio .Non pensi che nel passaggio ci sia qualcosa di competenza del nuovo organismo al quale Il consigliere Angeloni rivolge la sua attenzione,quale esponente del Pd ..non credo senza ragioni

  18. Scritto da usa il medio

    io da buon cittadino quando vedo le telecamere uso il dito medio e, girato l’angolo faccio + danni che posso

  19. Scritto da Cri

    @9: dico solo che loro (=precedente amm.zione) sono stati i primi a non attivarle, quindi la critica mi sembra un po’ fuori luogo. Poi non capisco perchè non hanno fatto richiesta per l’autorizzazione al ministero prima di installarle. Forse è questo l’iter, però perchè spendere tanti soldi per metterle senza neanche sapere se e quando sarebbero state attivate?

  20. Scritto da cattivoPD

    Cri… angeloni nella passata amministrazione non era in consiglio comunale
    le critiche sono leggittime