BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il manga, del 1988, su Fukushima

Nel 1988 la disegnatrice Ryoko Yamagishi aveva disegnato un manga su un incidente nucleare, vendendo oltre 70.000 copie.

Più informazioni su

Nel 1988 la disegnatrice Ryoko Yamagishi aveva disegnato un manga su un incidente nucleare, vendendo oltre 70.000 copie. Questo perché il Giappone, per ovvi motivi, è sempre stato molto sensibile all’incubo nucleare e della contaminazioni. Non a caso proprio in Giappone è nato Godzilla. Dopo Fukushima, Tatsuya Kitagawa, l’editore di Yamagishi, ha deciso di mettere su internet il fumetto. Il risultato è che il sito ha avuto più di 200.000 visite, riferisce El Pais.
FETONTE – Il libro, 46 pagine in bianco e nero, si intitola Phaethon, Fetonte. Nella mitologia greca Fetonte è il nome del figlio di Helios (il Sole) che ruba al padre il carro del sole, ne perde il controllo e viene ucciso da Zeus per evitare che distrugga la Terra. Il mito evoca chiaramente i problemi che a un pianeta possono essere creati dall’arroganza dell’uomo, che si illude di controllare gli elementi, i quali si ribellano quando lui meno se l’aspetta.
GRATIS – Yamagishi, nata nel 1947, è uno dei pionieri del manga. Il manga del 1988, come dichiarò l’autrice stessa, fu influenzato dall’incidente di Chernobyl. “Molti giapponesi pensavano che un incidente analogo potesse accadere anche in Giappone” ha detto Ryoko, che, dopo il terremoto dell’11 marzo e il successivo problema alla centrale nucleare, ha subito pensato al suo vecchio fumetto. “Il consiglio del mio manga non era servito a niente. Ero molto triste.” Così Ryoko ha chiamato il suo editore, proprietario della casa editrice Ushio, e lo ha pregato di mettere il manga su internet gratis. Così sono arrivate le 200.000 visite, un numero molto superiore alle aspettative dell’autrice. Yamagishi ha una personale ricetta per la politica energetica giapponese. “credo che si dovrebbero spegnere tutti i reattori nucleari e rimpiazzarli con energia solare, idraulica e geotermica.”

(da giornalettismo.com)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.