BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Italia bombarder?? la Libia: la lega non ci sta

Il ministro bergamasco Roberto Calderoli ha espresso aperta contrariet??, sostenendo che la Lega "?? contraria a qualsiasi intervento con l???uso della forza in Libia".

Più informazioni su

Il premier Silvio Berlusconi ha annunciato con una telefonata al presidente Napolitano e poi con una a quello americano Barack Obama che l’Italia ha deciso di rispondere positivamente all’appello lanciato agli alleati dal segretario generale della Nato lo scorso 14 aprile per aumentare l’efficacia della missione intrapresa in Libia. L’Italia ha dunque deciso di "aumentare la flessibilità operativa dei propri velivoli con azioni mirate contro specifici obiettivi militari selezionati sul territorio libico, nell’intento di contribuire a proteggere la popolazione libica".
In pratica, questo si traduce nella disponibilità italiana a partecipare a bombardamenti in Libia, fino ad oggi negata.
La decisione ha però provocato reazioni critiche all’interno del governo, in particolare da parte della Lega Nord. Il ministro bergamasco Roberto Calderoli e il viceministro Roberto Castelli hanno espresso aperta contrarietà, sostenendo che la Lega "è contraria a qualsiasi intervento con l’uso della forza in Libia che possa coinvolgere dei civili. L’Italia ha già fatto quello che doveva fare, senza avere nulla in cambio sul fronte della immigrazione". Calderoli esclude tuttavia che su questa vicenda possa aprirsi una crisi di governo, così come chiesto dal vicepresidente di Fli, Italo Bocchino: "Nessuna crisi – ha detto Calderoli – noi facciamo la nostra battaglia convinti di essere nel giusto. Quando un governo decide – ha concluso – deve decidere in maniera collegiale".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    il 22 ha perfettamente ragione,si è bombardato la jugoslavia dopo che la si era foraggiata con l’affare telekom serbia,e tutto andava bene,adesso invece non va bene……quindi da che parte stiamo?credo che il carminati o ha la memoria corta,oppure attacca solo quello che gli fa più comodo…..

  2. Scritto da emilio minetti

    @23 polemico
    Il problema non è se “va bene” al carminati o quelli come lui. Il problema è che non va bene per l’accordo firmato da Berlusconi nel 2008 e ratificato dal parlamento nel 2009. In quell’accordo c’è scritto che nessuno dei due può attaccare l’altro e nessuno dei due può ritenere sospeso l’accordo unilateralmente. Legga l’accordo che ha firmato Silvio, poi mi dirà. Tra l’altro La Russa un mese fa disse: noi non bombarderemo la Libia, Berlusconi disse: non intendo “disturbare” Gheddafi

  3. Scritto da Riccardo

    Siamo un paese inaffidabile, Tornano gli spettri del passato. Siamo dei voltagabbana. Come in passato (guerra mondiale) dimostriamo di essere delle bandieruole. il 30 agosto 2008 abbiamo firmato con la Libia “Il Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione”. E ora, dopo aver votato la risoluzione ONU (la Germania si è astenuta!!!) bombardiamo !!!

  4. Scritto da Militante Rifondazione Comunista 1

    L’Art.11 della nostra Costituzione parla chiaro
    Eppure x l’ennesima volta questo Governo ci porta in una sporca guerra, dopo Iraq e Afghanistan (nonostante gli svariati nomi di peace keeping o bla bla bla che ci si inventa, resta sempre una guerra)
    Ho 3 domande
    1) se la Lega la pensa diversamente da Berlusconi, questo Governo e’ da considerarsi finito??
    2) in Siria, i militari di Assad stanno soffocando le proteste con un centinaio di morti al giorno (come in Libia) ..seguendo la logica

  5. Scritto da Militante Rifondazione Comunista 2

    seguendo la logica di USA, Nato ed Europei che ha portato ai bombardamenti in Libia, domani mattina si dovrebbe iniziare a bombardare anche Siria, Yemen, Iran e Barhain??
    3) xche’ non lo si fa?? in Libia ci sono gas e petrolio in abbondanza, mentre in Siria i manifestanti e i civili possono essere massacrati a centinaia (in Siria c’è poco da ”portare a casa”)
    Questo sistema delle ”Geurre umanitarie” solo x accaparrarsi gas e petrolio CI FA SCHIFO!
    A chi importa veramente dei civili???

  6. Scritto da angelo

    Se un governo non cade per un motivo così importante, pare evidente che il collante che unisce gli alleati di Scilipoti è qualcosa di molto forte. La politica non conta nulla, contano gli affari.

  7. Scritto da I capi della Lega fanno 2 cose:

    1. casino,
    2. quello che dice il rais
    Le 2 cose gli bastano a avere voti e benessere, per sé stessi, non certo per il paese o la padania.
    Il rais avrà dato l’ok ai bombardamenti in cambio di qualcosa che vedremo nei prossimi giorni, prima del voto.
    O una missione lampo da Obama con foto e dichiarazione che l’Italia è alleato fedele, etc. etc., o, se non riesce la missione lampo con foto, la divulgazione congiunta di telefonata amichevole con stessi contenuti alla notizia della prima missione.

  8. Scritto da emilio minetti

    A parte l’art. 11 della nostra Costituzione, che tanto prima o poi abrogheranno, ma l’attacco alla Libia non rispetta nemmeno il Trattato firmato da Berlusconi e Gheddafi il 30 agosto 2008 e ratificato dal Parlamento (quindi anche dalla Lega) il 6 febbraio 2009. Leggete gli articoli 3, 4 e 5.
    http://www.governo.it/backoffice/allegati/41871-5160.pdf
    http://www.parlamento.it/parlam/leggi/09007l.htm
    Silvio, non potevi leggere prima di firmare?

  9. Scritto da luciano015

    Lo sappiamo tutti che la Lega comunque abbozzerà.

  10. Scritto da vendesi

    silvio gli darà un paio di poltrone come sottosegretari e 4 caramelle e la lega tacerà

  11. Scritto da storia

    Stiamo tornando nel peggior periodo Mussoliniano, con a differenza che a capo del governo c’è un brianzolo sorretto dagli eredi di albertone da giussano, in pratica?

  12. Scritto da alpino

    Tranquilli che la Lega vota Si

  13. Scritto da L.P.N.E.

    Se avesse davvero il coraggio delle proprie “chiacchiere”e facesse davvero ciò che predica (nel governo Prodi qualcuno a sinistra lo aveva fatto facendo seguire i fatti alle parole) la Lega dovrebbe votare contro in Parlamento.Ma come al solito abbierà solo per avere qualche “biscottino” in più da bravo cagnolino scodinzolante!

  14. Scritto da alex

    Ripudiamo la Guerra!!!!!

  15. Scritto da Carlo

    Saimo la solita Itaglietta penosa forti coi deboli e deboli coi forti, un’altra volta siamo in guerra per buttare il nostro inter4vento sulla bilancia e sederci al tavolo delle trattative. Altro che interventi umanitari, e poi che dire di un presidente della repubblica difensore integerrimo della costituzione che poi è il primo a interpretarla per convenienza?

  16. Scritto da simone pianetti

    x @4 P.D. meno L. Una cosa sono gli affari interni di un paese sovrano , con il quale l’italia ha firmato due anni fa un patto di amicizia e non ingerenza, altra cosa una invasione sia pure pacifica di un paese sovrano. Negli USA, spesso chiamati ad esempio di democrazia, l’immigrazione clandestina è reato, punibile con anche 14 anni di carcere. Le regole e le leggi devono essere rispettate da tutti, italiani e stranieri, disperati e presidenti del consiglio. Preferirei non sparare ai disperati.

  17. Scritto da claudio carminati

    L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. Articolo 11 della COSTITUZIONE ITALIANA (Tuttora vigente, nonostante qualche mente illuminata pensi a…..)

  18. Scritto da Ipocrisia

    Chissà dov’era il Claudio Carminati quando il suo amico D’Alema bombardava la ex jugoslavia.

  19. Scritto da Gioppino

    Cosa significa “decideremo in maniera collegiale ” e “non condividere i bombardamenti”? Mi sembra che ci siano molte divergenze fra le dichiarazioni di Calderoli e della lega.Ormai Berlusconi tiene al guinzaglio i leghisti a proprio piacimento, facendoli ringhiare nelle vallate Orobiche, rendendoli mansueti nei salotti delle sue ville,scodinzolanti e raccattapalle ad ogni sua esigenza.

  20. Scritto da dc

    @1 il nickname che hai scelto ti si addice proprio…

  21. Scritto da madurnokkur

    “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” – Art. 11 della Costituzione. La decisione di Berlusconi è anticostituzionale, e non è presa a nome mio.

  22. Scritto da Vittorio P.D.

    “La lega non ci sta a bombardare la Libia.”
    Pero’ Castelli e Speroni recentemente hanno detto che sarebbe ora di sparare ai clandestini sulle barche …ma allora come la mettiamo ..
    abbiamo dirigenti della lega che dicono cose diverse tra loro.
    Forse verso Gheddafi la lega ha una vicinanza politica simile mentre verso i tunisini dobbiamo solo sparargli

  23. Scritto da mario

    e pensare che un anno fa, 29 marzo 2010, Berlusconi baciava la mano a Gheddafi, come Giuda