BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Welfare sociale, la Lega ha altri obbiettivi”

Pubblichiamo il comunicato di Pietro Vertova, consigliere comunale dei Verde, in merito alla proposta avanzata dalla Lega Nord sul welfare municipale.

Più informazioni su

Pubblichiamo il comunicato di Pietro Vertova, consigliere comunale dei Verde, in merito alla proposta avanzata dalla Lega Nord sul welfare municipale.

Due opzioni alternative sul welfare municipale

(cioè sul benessere collettivo)

Propongo una breve analisi delle due proposte sul welfare municipale (cioè sul benessere collettivo) presentate ieri.

La nostra proposta (centrosinistra e UDC)

Vogliamo generare progressività nel sistema di welfare municipale, in modo che:

a) chi (ad esempio) ha un reddito di 100 mila euro debba pagare un’imposta percentualmente superiore a chi (ad esempio) ha un reddito di 10 mila euro;

b) chi ha figli a carico debba pagare un’imposta inferiore di chi, con egual reddito, non ha prole;

c) ciò valga per tutti i residenti di Bergamo (black, white o yellow i loro figli), visto che tutti i residenti hanno il dovere di pagare le imposte.

d) tutti naturalmente le paghino, le imposte.

Nello specifico abbiamo proposto che chi ha un reddito familiare ISEE inferiore a 15 mila euro abbia una riduzione dell’IRPEF comunale pari a 80 euro (ma il meccanismo si può migliorare)

La loro proposta (Lega Nord e forse altri)

a) nessuno accenno ai precedenti punti a), b) , c) e d);

b) se ci sono 100 abitanti di cui 80 con cittadinanza e residenza e 20 con residenza ma senza cittadinanza, l’80% della spesa per il welfare deve andare a quelli che hanno anche la cittadinanza e il 20% a quelli che hanno solo la residenza e non la cittadinanza. Che proposta pregnante! (oltre il fatto che implicherebbe un caos amministrativo).

E’ chiaro però il loro obiettivo: diffondere un lessico familiare che evoca o semplicemente nomina categorie collettive come “italiani” e “immigrati”, “abitanti” e “extracomunitari”, “noi” e “loro”. Queste categorie collettive, che sono costruzioni culturali e politiche, vanno ad insistere su alcune dimensioni dell’immaginario, nascondendo le vere differenze tra le persone, sia di tipo individuale (capacità, attitudini, storie), sia di natura socio-politica (le condizioni socio-economiche).

Pietro Vertova, consigliere comunale indipendente nei Verdi
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lara

    Dopo aver convinto Tentorio sulle quote di Sacbo ora anche questa proposta è il segno che nel centro-sinistra non c’è alcun pregiudizio a collaborare.
    In caso contrario chi non vuole più ben amministrare si faccia da parte