BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Castione: “Noi non ci siamo Clima teso, intimidazioni e minacce”

A poche ore dalla presentazione ufficiale dei candidati in Comune, Angelo e Lorenzo Migliorati hanno annunciato che la lista non sarebbe stata depositata.

Più informazioni su

Clima rovente, con tanto di minacce e lettere intimidatorie. A Castione della Presolana continua a far discutere il caso che ha travolto la lista “Progetto democratico”. A poche ore dalla presentazione ufficiale dei candidati in Comune, Angelo e Lorenzo Migliorati hanno annunciato che la lista non sarebbe stata depositata. Perché? Nella lettera con cui gli esponenti di centrosinistra hanno annunciato il ritiro si fa chiaro riferimento a intimidazioni e minacce personali.

Progetto Democratico non parteciperà alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Castione della Presolana. Cinque anni di amministrazione Vanzan – Rossi – Tomasoni hanno generato in paese, come esito più grave, un clima rovente, avvelenato e cattivo; clima del quale anche noi siamo stati vittime.
L’assoluta assenza di serenità nella discussione pubblica; la denigrazione delle persone, delle loro famiglie e della loro vita privata; le più o meno velate intimidazioni e minacce personali; lo stillicidio di lettere anonime; le vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’ex sindaco Vittorio Vanzan impediscono un confronto sereno e pacato sui reali problemi del comune e dei suoi cittadini.
Questo clima velenoso e irrespirabile allontana le persone di buon senso dalla vita politica del paese e fa prevalere la logica della prepotenza, dell’arroganza e dell’interesse personale, logica che rigettiamo senza se e senza ma.
È quindi necessario fermarsi e prendere le distanze da questo modo di agire, nell’intento di salvaguardare la parte più sana e vitale del paese.
Per questi motivi Progetto Democratico si rifiuta di entrare in una competizione che umilia e calpesta la dignità delle persone, in una guerra di tutti contro tutti e che impedisce l’esprimersi di una Politica nel senso più nobile del termine. Progetto Democratico auspica che questo clima insostenibile si dissolva, che si torni a parlare del paese e di suoi reali e concreti problemi e che la passione civica torni a svolgere la sua funzione centrale, al di là di degli interessi e dei personalismi. Soltanto a queste condizioni, oggi assenti, le forze più sane e costruttive del paese potranno dare vita ad un vero e concreto rinnovamento democratico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio

    Ma è Castione nostro o ce n’è uno anche in Colombia ?

  2. Scritto da luciano015

    A me sembrerebbero tutte ragioni in più per presentare una lista alternativa.
    Si spiegano le cose ai cittadini, che poi scelgono.
    E si tengono il risultato delle loro scelte.
    Chi si ritira lascia in mano gratis il comune agli altri.

  3. Scritto da Tom

    Dopo tutto ció speriamo che l’ONU mandi qualcuno ha controllare le Elezioni di Castione…!

  4. Scritto da ale

    Avrei preferito che adduceste un altro motivo, anche falso se volete; perchè invece in questo modo si dice a tutti, anche negli altri comuni, che “volendo, quel metodo può funzionare”. E’ un pò come quando viene arrestato un criminale grazie ai tracciati della SIM e dei ripetitori e i giornalisti lo rivelano, suggerendo in pratica agli aspiranti emuli di lasciare a casa il cellulare, qualora volessero fare una cosa simile

  5. Scritto da abc

    non sarà invece che qualche problema interno li ha fatti desistere?

  6. Scritto da ben informato

    Avevo gia’ intuito che Lorenzo Migliorati non si sarebbe presentato, dopo l’uscita disimpegno dal PD: l’esito elettorale che lo avrebbe visto nettamente sconfitto.

  7. Scritto da ale

    Non intendo assolutamente criticare la vostra scelta, che è stata del tutto libera e – mi par di capire – anche basata su spiacevoli risvolti personali di questo confronto politico. L’unica cosa che mi permetto di far notare è che, se veramente in paese c’è un clima di questo tipo (e non ho motivo di dubitare delle vostre affermazioni) allora con la vostra rinuncia state dando ragione a chi utilizza certi metodi, e gli state lanciando il messaggio che “quei metodi funzionano e sono vincenti”.